Cinema News del 31 gennaio [Rassegna Stampa]

CINEMA NEWS SU MADMASS.IT

Poche le cinema news da condividervi oggi, impegnata com’è la cinesfera nordamericana nella copertura del Sundance Film Festival, considerata anche la corposa rubrica di ieri 30 gennaio che ci ha visto proporvi un editoriale particolarmente denso di novità cinematografiche, e che per questo vi invitiamo a rileggere.
Dalla prossima settimana inoltre aspettatevi maggiori approfondimenti su notizie singole, in tempo reale con il loro rilascio, e meno editoriali mattutini, nell’ottica di proporvi contenuti freschi e sempre più tempestivi in linea diretta con le fonti d’oltreoceano.

Cinema News 31 gennaio

CODA con Emilia Jones acquisito da Apple Studios

Presentato al Sundance Film Festival l’acclamato CODA, storia di Ruby – interpretata dalla nostra Emilia Jones di Locke & Key di cui salutiamo con piacere il successo – figlia di una famiglia di sordi carismatica e unita che vive sulla costa del Massachusetts.
I Rossi sono pescatori da generazioni, anche Ruby è una pescatrice, fondamentale per la vita quotidiana del suo clan anche perché unica persona in famiglia capace di sentire. Ruby coltiva il grande sogno di cantare, e la vincita di una borsa di studio la costringerà ad una scelta che potrebbe cambiare per sempre la vita sua e della sua famiglia…
Scritto e diretto da Sian Heder, CODA – acronimo di Child Of Deaf Adult, figlio di genitori non udenti – è stato acquistato per 25 milioni di dollari da Apple Studios che ha così sconfitto la concorrenza di Netflix e Amazon, superando il suo precedente acquisto per 22 milioni di dollari di Palm Springs con Andy Samberg.
Segue la bella intervista del Sundance alla regista Sian Heder, che ci parla del film mostrandocene anche qualche intensa scena:

Ruby Rose in 1UP al posto di Elliot Page

Vi abbiamo scritto in passato della commedia sul mondo degli eSports 1UP, storia di due gamer professioniste che, a causa del maschilismo e del sessismo imperante nel mondo degli eSports, decidono di fondare la propria squadra tutta al femminile, una come coach, l’altra come atleta. Se quest’ultima sarà interpretata da Paris Berelc, Elliot Page – nata Ellen Page, nomination all’Oscar per Juno e protagonista di The Umbrella Academy, oggi transgender – ha lasciato il progetto, alla ricerca forse di ruoli dove poter esprimere al meglio la sua natura. Al suo posto l’ex Batwoman Ruby Rose. (The Playlist)

Willow: Jonathan Entwistle alla regia della serie Disney+

Jonathan Entwistle, regista e co-creatore di The End of the F***ing World e I’m Not Okay With This, sostituisce Jon M. Chu (Crazy Rich Asians), che preferisce godersi la prossima paternità, alla guida della serie Disney+ Willow, remake seriale del fantasy diretto da Ron Howard del 1988 incentrato sulle avventure di Willow Ufgood, interpretato nuovamente da Warwick Davis. (THR)

Lena Dunham e Mandy Patinkin in Iron Box di Julia von Heinz

Candidata all’Oscar per la Germania con E domani un altro mondoUnd morgen die ganze Welt, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2020 e in uscita su Netflix ad aprile, Julia von Heinz annuncia il suo nuovo progetto, Iron Box, adattamento del romanzo Too Many Men della scrittrice australiana Lily Brett.
Iron Box vede protagonista una donna d’affari di New York che decide di riportare il padre anziano nella sua nativa Polonia, dove spera di esplorare le sue radici ebraiche. (Variety)

Da Bridgerton a The Mandalorian, le parodie delle sigle delle serie TV al Saturday Night Live

Chiudiamo con un simpatico video della nuova stagione del Saturday Night Live che, alla sua puntata d’esordio, crea nuove improbabili sigle musicali per le serie del piccolo schermo The Undoing, La regina degli scacchi, Bridgerton, The Mandalorian, Stranger Things, The Crown, Succession, Sex and the City, Frasier e The Office, cantata direttamente dal conduttore d’eccezione John Krasinski. Buona visione!

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli