WandaVision

WandaVision recensione Episodi 3-4 [Disney+]

WandaVision ritorna sul seminato con due episodi che rimediano allo straniamento inziale e rendono più comprensibile la situazione, nel bene e nel male: la recensione

WandaVision recensione Episodio 3 ed Episodio 4 della serie TV Disney+ con Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Kat Dennings e Randall Park

Dopo essere stati storditi e circuiti dai primi episodi di WandaVision – date un’occhiata alla nostra recensione – gli ultimi due capitoli della serie TV che avuto l’onere di aprire ufficialmente la Fase 4 del Marvel Cinematic Universe rappresentano il ritorno nel recinto di una narrazione che sembrava essere stata pensata per far perdere la bussola a tutti gli appassionati dell’estetica cinematografica Marvel.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il bianco e nero, la sitcom patinata americana, l’aspect ratio stesso avevano alimentato discussioni fatte di lodi sperticate e aspre bocciature, in una corsa forsennata all’analisi frame by frame per scovare brandelli di trama, easter egg e riferimenti sottilissimi per gli addicted duri e puri. Con il terzo e il quarto episodio è il momento di rassicurare e cominciare a spiegare cosa c’è davvero sul banco per evitare troppe complicazioni.

Teyonah Parris e Elizabeth Olsen
Teyonah Parris e Elizabeth Olsen (Credits: Marvel Studios/Disney+)

Teyonah Parris è Monica Rambeau
Teyonah Parris è Monica Rambeau, figlia della fondatrice e direttrice dello S.W.O.R.D. Maria Rambeau, conosciute in Captain Marvel (Credits: Marvel Studios/Disney+)

La ridente cittadina in cui Wanda Maximoff e Visione vivono un vita impossibile non è del tutto irreale. si chiama Westview ed è fatta di mattoni e cemento. Su di essa però il personaggio interpretato da Elizabeth Olsen ha creato un campo elettromagnetico che ha letteralmente cancellato la zona dalle mappe e dalla mente dei residenti. Tutto quello che succede al suo interno, tutto quello che viene presentato e intercettato come segnale televisivo è frutto dei suoi poteri e di uno stato psichico non meglio identificato, che alterna all’incoscienza momenti di lucidità e efferata brutalità.

Molti degli elementi che stridevano con l’inquietante idillio dei primi episodi, iniziano a trovare ora una spiegazione e un contesto più comprensibile. L’identità di Geraldine, interpretata da Teyonah Parris, e la sua espulsione dalla realtà artefatta, le intrusioni di voci e personaggi misteriosi riportano su binari più dolci e confortevoli l’arco narrativo con un cambio di rotta deciso.

Elizabeth Olsen e Teyonah Parris
Elizabeth Olsen e Teyonah Parris (Credits: Marvel Studios/Disney+)

WandaVision recensione Episodio 3 Episodio 4
Teyonah Parris è Monica Rambeau, figlia della fondatrice e direttrice dello S.W.O.R.D. Maria Rambeau, conosciute in Captain Marvel (Credits: Marvel Studios/Disney+)

WandaVision torna insomma ad assomigliare nel suo complesso ai prodotti Marvel che conosciamo, con tutti i pro e i contro del caso. C’è chi avrebbe preferito mantenere lo stravolgimento stilistico dei primi episodi per un capitolo diversamente entusiasmante, mentre il fronte del ready made non aspettava altro che il ritorno all’ordine naturale del Marvel Cinematic Universe.

Resta da capire, con gli episodi rimanenti, se la prima serie tv targata Disney+ sarà solo un tassello di cui avremmo potuto fare a meno, al netto delle informazioni utili per il progetto complessivo, o una svolta rispetto al canone standardizzato che ha fatto le fortune di Kevin Feige.

WandaVision recensione Episodio 3 Episodio 4
Interferenze minacciano il mondo di Wanda e Visione (Credits: Marvel Studios/Disney+)

Sintesi

WandaVision torna, con due nuovi episodi, ad assomigliare nel suo complesso ai prodotti Marvel che conosciamo, con tutti i pro e i contro del caso. C'è chi avrebbe preferito mantenere lo stravolgimento stilistico dei primi episodi per un capitolo diversamente entusiasmante, mentre il fronte del ready made non aspettava altro che il ritorno all'ordine naturale del MCU.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli