WandaVision

WandaVision recensione serie TV con Elizabeth Olsen e Paul Bettany [Disney+]

WandaVision va oltre il classico intrattenimento Marvel giocando con generi, tempi e con il formato stesso della visione.

WandaVision recensione serie TV Disney+ diretta da Jac Shaeffer con Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Kat Dennings, Randall Park, Debra Jo RuppFred Melamed

Professione d’innocenza pre-WandaVision: chi vi scrive riconosce di non essere un fan duro e puro del MCU ma un appassionato del progetto orchestrato dalla Marvel nel corso di tutti questi anni. Una sorta di appassionato superficiale, capace di unire i punti narrativi più grossi, ma decisamente in difficoltà nel vincere il gioco dei piccoli dettagli.

MadMass.it consiglia by Amazon

WandaVision è un tackle scivolato alle certezze di chi ha sentito l’adrenalina fluire copiosamente dentro di sé durante le battaglie e le avventure di Captain America, Hulk, Iron Man e via discorrendo. I frastornanti ma rassicuranti film che hanno costruito un genere estremamente dibattuto ma remunerativo come pochi altri hanno lasciato il posto ad una piccola serie TV – al debutto su Disney+ – in 4:3, con i primi episodi in bianco e nero e con uno stile che richiama la TV americana del secolo scorso.

Elizabeth Olsen e Paul Bettany
Elizabeth Olsen e Paul Bettany (Credits: Marvel Studios/Disney+)

WandaVision recensione serie TV Disney+ con Elizabeth Olsen e Paul Bettany
WandaVision serie TV Disney+ con Elizabeth Olsen e Paul Bettany (Credits: Marvel Studios/Disney+)

Certo, i protagonisti sono gli stessi Wanda Maximoff (Elizabeth Olsen) e Visione (Paul Bettany) di cui abbiamo apprezzato i superpoteri insieme agli altri componenti degli Avengers, ma oltre ai volti noti per lo spettatore ci sono pochi e scivolosi appigli per capire cosa l’abbia spinto a fagocitare la nuova attesissima serie Marvel che inaugura la Fase Quattro dopo la conclusione della saga dell’Infinito. L’androide che custodiva una delle Gemme dell’Infinito aveva trovato la morte per mano dello spietato Thanos ed eccolo ora invece sorridente e innamorato al centro di una sitcom americana modellata sul The Dick Van Dyke Show con tanto di risate registrate. La ragazza meglio nota come Scarlet, che è riuscita a tener testa da sola ad uno dei villain più iconici e profondi del genere, è una casalinga impegnata a fare amicizia con il vicinato e ad essere la moglie perfetta prevista dalla società del passato.

Verrebbe da dire che è tutto sbagliato, che i produttori Marvel, a partire da Kevin Feige, abbiano preso una sbronza colossale dopo aver toccato le vette degli oltre 23 miliardi di dollari di guadagno con 23 film e abbiano giocato con i generi. Se c’è una cosa che la strepitosa e cannibalizzante stagione dei supereroi al cinema dovrebbe aver insegnato, è che il caso è una variabile talmente sotto controllo da poter dubitare della sua stessa esistenza a livello narrativo.

Paul Bettany e Elizabeth Olsen
Paul Bettany e Elizabeth Olsen (Credits: Marvel Studios/Disney+)

Elizabeth Olsen è Wanda Maximoff
Elizabeth Olsen è Wanda Maximoff (Credits: Marvel Studios/Disney+)

Il mondo rivelato da WandaVision nei primi due episodi sembra essere la costruzione mentale dentro cui il personaggio di Elizabeth Olsen si è rifugiato dopo i traumatici eventi della vita reale e su cui qualcuno vigila in una sorta di contemporaneo The Truman Show. Lo straniamento dello spettatore è lo straniamento indotto di Scarlet i cui frammenti emotivi spuntano come funghi in ogni elemento della rappresentazione. Per limitarci alla superficie l’aspect ratio gioca con il perimetro mentale ristretto di un sogno lucido, gli inserti pubblicitari dedicati alle Stark Industries e alla Strucker raccontano di momenti cruciali della vera vita vissuta e l’atmosfera del sogno americano ci informa di tutto quello che sarebbe potuto essere e invece non è stato.

Bisognerà attenderà qualche episodio in più per mettere a fuoco trama e personaggi, persi in questo inizio sfidante, ma di sicuro WandaVision è un prodotto stimolante per la necessità di andare oltre la cortina fumogena dell’intrattenimento plug & play consolidato stabilito dalla stessa Marvel, sfidando se stessa e il suo pubblico affezionato.

Sintesi

WandaVision va oltre il classico intrattenimento Marvel per inaugurare la nuova fase del MCU sperimentando le nuove possibilità offerte dalla serialità televisiva, giocando con generi, tempi e addirittura con il formato stesso della visione.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli