The Mandalorian 2

The Mandalorian 2 recensione serie TV di Jon Favreau con Pedro Pascal [Disney+]

La nuova stagione di The Mandalorian riprende la quest galattica di Mando e del Bambino senza perdere smalto, arricchendosi di personaggi e inaspettati ritorni: la recensione

The Mandalorian 2 recensione serie TV Disney+ di Jon Favreau con Pedro Pascal, Gina Carano, Carl Weathers, Temuera Morrison, Rosario Dawson, Ming-Na Wen, Katee Sackhoff e Giancarlo Esposito

Questa è la via.
(The Mandalorian 2)

Può la parola capolavoro ancora riguardare la galassia lontana, lontana? Dopo la conclusione della cosiddetta trilogia sequel con Star Wars: l’Ascesa di Skywalker che non ha pienamente soddisfatto le attese dei fan sparsi per il mondo, la sensazione che l’universo creato da George Lucas soffrisse di quella che in ambito televisivo viene definita format fatigue era piuttosto opprimente.

The Mandalorian 2 recensione serie TV di Jon Favreau con Pedro Pascal
The Mandalorian 2 di Jon Favreau su Disney+ (Credits: Lucasfilm)

Quando un franchise, un brand o un’icona viene sfruttato fino al midollo tanto da essere quasi onnipresente nella sfera televisiva, rischia di diventare stucchevole agli occhi di guarda con la conseguente perdita di spettatori. È come una grande abbuffata visiva, arriva un momento in cui bisogna dire basta e accantonare anche programmi di successo per farli respirare e creare una domanda forte piuttosto che inondare il mercato in ogni anfratto disponibile. Star Wars ha un seguito sterminato e trasversale che non aspetta altro che nuovi contenuti di cui cibarsi e strafogarsi, ma ciò vuol dire anche essere esposti ad una perenne verifica certosina della qualità di ciò che concerne la Forza e gli avvenimenti ad essa collegati.

Gina Carano è Cara Dune
Gina Carano è Cara Dune (Credits: Justin Lubin/Lucasfilm)

La nuova stagione di The Mandalorian riesce magnificamente a liberarsi dalle grinfie della necessità di iniettare a tutti i costi nuovi contenuti del franchise che fu di George Lucas e a non perdere il filo del discorso iniziato da Jon Favreau. La quest del mandaloriano interpretato da Pedro Pascal si infittisce e si incastona alla perfezione nella timeline scandita dalle trilogie susseguitesi negli anni richiamando personaggi, mondi e interpreti capaci di annichilire il fan sfegatato senza deludere lo spettatore unico della serie Disney+ Original. Gli otto episodi si trasformano nei quadri/livelli di un videogioco che consentono ognuno di ottenere le informazioni o gli oggetti necessari per procedere verso il boss finale.

Il Bambino mangia le uova in The Mandalorian 2
Il Bambino alle prese con le uova della discordia in The Mandalorian 2 (Credits: Francois Duhamel/Lucasfilm)

Costi quel che costi, il cammino dell’eroe è segnato anche nel selvaggio West galattico e non c’è mai un momento in cui poter pensare che sia contemplato il fallimento. L’attenzione è tutta rivolta a come il tessuto narrativo si innesti con le storie attraverso cui la dicitura Star Wars è diventata un pilastro della cultura pop urbi et orbi. Non si è in possesso di tutti i rimandi alle opere che avvolgono The Mandalorian? Poco importa, si tratta pur sempre di un western che guarda a Lone Wolf and Cub con mostri da sconfiggere, asset da rubare e cattivi da uccidere. Che lo si faccia con blaster, beskar e spade laser aggiunge semplicemente un’aura potentissima anche per chi stranamente non è immerso nel canone, anche grazie al tappeto musicale steso magistralmente da Ludwig Göransson.

La nuova stagione si è incrociata con il Disney Investor Day 2020, che ha visto un rinvigorimento di una delle IP più importanti del portafoglio Disney. Che la strada tracciata da The Mandalorian rappresenti il modus operandi maestro per tutti i nuovi contenuti che da qui ai prossimi anni inonderanno il mondo della Forza con tutti i rischi connessi.

Il Bambino e Ahsoka Tano interpretata da Rosario Dawson
Il Bambino e Ahsoka Tano interpretata da Rosario Dawson (Credits: Justin Lubin/Lucasfilm)

Giancarlo Esposito è il villain Moff Gideon
Giancarlo Esposito è il villain Moff Gideon (Credits: Francois Duhamel/Lucasfilm)

Mando in The Mandalorian 2 (Credits: Lucasfilm)
Mando in The Mandalorian 2 (Credits: Lucasfilm)

Il Bambino in The Mandalorian 2 (Credits: Lucasfilm)
Il Bambino in The Mandalorian 2 (Credits: Lucasfilm)

Sintesi

The Mandalorian non perde lo smalto della prima stagione e dona nuova linfa alla quest orchestrata perfettamente da Jon Favreau e Dave Filoni, incastonandosi alla perfezione nell'universo di Star Wars e aprendo numerose finestre sul futuro della saga.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli