La regina degli scacchi

La regina degli scacchi recensione serie TV con Anya Taylor-Joy [Netflix Anteprima]

La regina degli scacchi recensione serie TV Netflix creata da Scott Frank e Allan Scott, basata sul romanzo di Walter Tevis con Anya Taylor-Joy, Marielle Heller, Harry Melling, Thomas Brodie-Sangster, Jacob Fortune-Lloyd, Bill Camp e Moses Ingram

Fu la scacchiera a colpirmi.
Esiste tutto un mondo in quelle 64 case.
Mi sento sicura lì, posso controllarlo, posso dominarlo ed è prevedibile.
So che se mi faccio male è solo colpa mia.
(Anya Taylor-Joy ne La regina degli scacchi)

Portare sullo schermo un’opera letteraria così complessa – The Queen’s Gambit di Walter Tevis pubblicata nel 1983 – che spazia dallo sport degli scacchi al thriller e al romanzo di formazione, attraverso una narrazione deliziosa ed avvincente, intrisa di emancipazione, femminismo, dipendenza dalle droghe e dall’alcool ed autolesionismo che ruota attorno al prodigio degli scacchi Beth Harmon, La regina degli scacchi superbamente interpretata da Anya Taylor-Joy, era un’impresa tanto audace quanto ardua.

MadMass.it consiglia by Amazon

Anya Taylor-Joy è Beth Harmon
Anya Taylor-Joy è Beth Harmon

Anya Taylor-Joy e Marielle Heller
Anya Taylor-Joy e Marielle Heller

– Dovevi essere molto sola.
– Io sto bene da sola.
(La regina degli scacchi)

Il delicato equilibrio che mantiene la storia dell’orfana Beth Harmon, personaggio di finzione liberamente ispirato ai prodigi del campione di scacchi statunitense Bobby Fischer, bambina sola al mondo e sopravvissuta “per sbaglio” che si appassiona al mondo degli scacchi grazie al custode dell’orfanotrofio Mr. Shaibel (Bill Camp), in un mondo sportivo di soli uomini microcosmo di una società dove “solo le donne di colore lavorano”, tra intrattenimento e formazione, tensione e commozione, dolore e rivincita, permette la messa in scena di un’opera di raro spessore, tanto difficilmente confinabile ad un genere piuttosto che ad un altro quanto profonda e memorabile.

Entrare nella testa di Beth, costretta dalla sorte avversa ad imparare sin da bambina a controllare le sue emozioni per necessità e per non sprofondare nel dolore, a dominare un mondo prevedibile nel quale bisogna essere una donna forte per stare sola e trovare la propria strada, in una società dove le persone, le donne soprattutto, si accontentano di tutto per poter dire di avere qualcosa, è un’esperienza di rara condivisione emotiva.

Anya Taylor-Joy è Beth Harmon
Anya Taylor-Joy è Beth Harmon

Bill Camp è Mr. Shaibel
Bill Camp è Mr. Shaibel

É il tuo destino, afferralo!
(La regina degli scacchi)

Il fascino enigmatico degli scacchi alimenta una storia di formazione ed emancipazione emozionante e singolare, che fa leva sull’importanza delle nostre radici e sull’immane forza necessaria, se non si è tanto fortunati da nascere dalla parte “giusta” della barricata, per afferrare il proprio destino.

Perdonabile il finale in calando e un po’ melenso, che ci ricorda che guardarsi a volte alle spalle serve a trovare il coraggio di non mollare, rivedendo tutti i sacrifici compiuti e gli ostacoli superati, memori del fatto che nel momento del bisogno le persone che ci hanno davvero a cuore non ci faranno mancare il loro sostegno.

La regina degli scacchi recensione serie TV Netflix con Anya Taylor-Joy
Anya Taylor-Joy e Marcin Dorocinski

La regina degli scacchi recensione serie TV Netflix con Anya Taylor-Joy
Anya Taylor-Joy e Thomas Brodie-Sangster

Le frasi de La regina degli scacchi

La scacchiera è il mondo.
I pezzi sono i fenomeni dell’universo.
Le regole del gioco sono le leggi della natura e
l’altro giocatore è nascosto a noi.

Una volta sprofondata nel dolore,
la preghiera e la fede ti solleveranno e ti aiuteranno a trovare la tua strada.

Sebbene io non sia più una moglie, se non per una pantomima legale,
credo di poter imparare ad essere una madre.

[Pranzo di Natale durante un volo aereo]
– Com’è? Buono?
– É il miglior Natale di tutta la mia vita!
(Marielle Heller e Anya Taylor-Joy)

Sintesi

Opera letteraria complessa messa in scena sullo schermo attraverso una narrazione deliziosa ed avvincente, La regina degli scacchi è una miniserie profonda e memorabile, alimentata da un delicato equilibrio tra intrattenimento e formazione, tensione e commozione, dolore e rivincita, superbamente interpretata da Anya Taylor-Joy e ispirata ai testi di Walter Tevis, autore del romanzo originale The Queen's Gambit.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli