Giffoni Film Festival Day 7: la meravigliosa Amber Heard al #Giffoni2019

Amber Heard super ospite al Giffoni Film Festival 2019
Amber Heard super ospite al Giffoni Film Festival 2019

Amber Heard super ospite al Giffoni Film Festival, tra Aquaman 2 e la serie TV L’ombra dello scorpione tratta dal romanzo di Stephen King

Reduce dal suo ultimo film, Aquaman, la stupenda Amber Heard arriva al Giffoni Film Festival, dove riceve l’Experience Award. L’attrice americana, attiva nella lotta per i diritti della comunità LGTBQ+, si dichiara emozionata e onorata di essere presente a questo festival del cinema per ragazzi e di poter parlare con loro.

“Noi facciamo questo lavoro per raccontare delle storie. Chi meglio dei ragazzi, dei bambini è capace di giudicare quale sia una buona narrazione, qual è una buona storia. Sono loro. Sono la forza, il motore! Loro sono una delle principali motivazioni del mio lavoro. Ben venga l’incontro e lo scambio con tutti loro.”

Giffoni Film Festival 2019
Amber Heard super ospite al Giffoni Film Festival 2019

La Heard ricorda con piacere l’esperienza dell’ultimo film di John Carpenter, The Ward, ed afferma che tornerebbe a lavorare con il regista. “Esperienza particolare e complessa”, dichiara, “perché il film racconta di una situazione particolare: quella della malattia mentale, e di come questa sia percepita dalla società”. “Quello di Kristen” dice “è stato un ruolo preso come una sfida”, e che John Carpenter è stato il primo regista a darle un personaggio ricco di sfaccettature, con diverse personalità. Con questo ruolo, afferma di avere avuto l’opportunità di superare i propri limiti.

Amber Heard, molto legata alla Human Right Campaign, parla della figura della donna e dei suoi diritti e dei progressi che si stanno facendo affinché essa sia posta sullo stesso livello dell’uomo: “Il fatto che io oggi sia qui significa che ci sono stati progressi”, dice, “grazie a tutti ii tipi di movimenti che stanno sorgendo in questi anni. Non solo le questioni riguardante i diritti uomo-donna, ma tutte le discriminazioni razziali e omosessuali, tutte le tematiche sono in movimento. Questo grazie ai nuovi strumenti che abbiamo nelle mani. Siamo noi quelli che adesso finalmente hanno voce in capitolo! Siamo noi che possiamo fare la differenza con quello che diciamo e scriviamo.”

Amber Heard al Giffoni Film Festival 2019
Amber Heard al Giffoni Film Festival 2019

L’attrice continua parlando del movimento #MeToo con il quale collabora. Afferma che, nonostante il movimento esista da parecchi anni, i cambiamenti sono recenti. Spiega il Gender Pay Gap di Hollywood, di come le donne vengano pagate meno degli uomini. Insiste, quindi, ribadendo la grande responsabilità che hanno coloro che lavorano nel settore dello storytelling, i quali devono raccontare di queste discriminazioni per cercare di poter cambiare l’opinione. Dice, inoltre, che nonostante i tanti progressi che si sono verificati e continuano a verificarsi, comunque la parola della donna vale meno di quella dell’uomo, e questa cosa oltre a farla “infuriare” è per lei fonte di ispirazione per continuare a lottare affinché ci sia un’uguaglianza di genere.

Amber conclude il discorso dicendo, che se potesse, vorrebbe raccontare le storie di tantissime donne: “Ci sono troppe storie di donne che non sono state raccontante, di donne veramente vissute, questo perché loro non hanno avuto in mano la penna o la macchina da presa. Ci sono tantissime storie da scoprire che andrebbero raccontate, c’è da scavare, da portare alla luce tante storie di tante donne. Finora non è stato fatto, ma adesso che il sistema sta cambiando è il momento di iniziare a raccontarle. Si dovrebbe raccontare di Caterina la Grande (che sarà interpretata da Elle Fanning nella serie TV The Great), ad esempio, dal momento che è stata una delle più grandi leader della storia, e di cui è stato parlato troppo poco.”

Giffoni Experience Award
Amber Heard riceve il Giffoni Experience Award

Inoltre, parla della grande industria di Hollywood. Dice: “Si può pensare che Hollywood sia concepito come un sistema molto progressista, non è vero! È una macchina collaudata, restia al cambiamento. Pensando che sia una macchina che funzioni bene, non la si vuole cambiare. Però, questa serie di movimenti, che stanno nascendo e che si stanno diffondendo, tramite i social network e la condivisione in tutto il mondo, spingono al cambiamento.”

Parla anche delle nuove piattaforme di diffusione dei film e serie televisive, e di come queste permettano che le produzioni siano democratiche, e di come sia democratica la visione delle cose.

Infine, Amber Heard ci parla della serie televisiva L’ombra dello scorpione (The Stand) di Josh Boone, ispirato al racconto di Stephen King. La lavorazione inizierà l’anno prossimo, e l’attrice si dichiara entusiasta del progetto, essendo lei una grande fan dello scrittore statunitense (si definisce una Nerd in tal senso). Sempre nel 2020, Amber sarà impegnata con le riprese di Aquaman 2.

Gaetano Balzano, Michele Balzano

Amber Heard super ospite al Giffoni Film Festival 2019
Amber Heard super ospite al Giffoni Film Festival 2019
Amber Heard
Amber Heard