Buon compleanno Adrien Brody i cinque migliori film da vedere [Throwback Thursday]

Compie oggi gli anni Adrien Brody, attore poliedrico dalle intense interpretazioni. Vediamo insieme i cinque migliori film di Adrien Brody da vedere assolutamente

Adrien Brody è uno degli attori più talentuosi della sua generazione.
Si approccia fin da subito al mondo della recitazione, iscrivendosi alla scuola d’arte drammatica, incoraggiato da sua madre e, ad appena 20 anni, riesce ad ottenere un piccolo ruolo in un film di Steven Soderbergh.

In occasione del suo compleanno che cade oggi 14 aprile, vediamo cinque film di Adrien Brody da vedere assolutamente.

I migliori film di Adrien Brody da vedere

La sottile linea rossa
La sottile linea rossa (1998)

La sottile linea rossa (1998)

Il primo grande ruolo di Adrien Brody è ne La sottile linea rossa, film del 1998 di Terrence Malick. La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di James Jones, reduce della guerra nel Pacifico.
La storia è incentrata sulla C Company, una compagnia di fucilieri del 27° reggimento di fanteria dell’esercito americano, impegnata sul fronte del Pacifico, durante la Seconda Guerra Mondiale.
Malick mostra un volto nuovo della guerra, tralasciando gli elementi più tradizionali e concentrandosi maggiormente sul flusso di coscienza dei protagonisti. La sottile linea rossa è una pellicola che va contro gli orrori della guerra e che non fa distinzione tra le due parti, ma scava nella profondità degli animi dei protagonisti.
Il primo assemblaggio del film durava oltre sei ore: durante le fasi del montaggio, il regista ha dovuto tagliare circa metà delle scene, eliminando diversi attori che hanno fatto parte della pellicola, come Viggo Mortensen, Billy Bob Thornton e Gary Oldman, ma anche diverse parti dello stesso Adrien Brody.
Qui l’attore interpreta il caporale Fife: Adrien Brody rivelò di essere rimasto scioccato quando scoprì (solo alla prima dell’opera) che la maggior parte delle sue scene erano state tagliate, nonostante Fife fosse uno dei protagonisti del romanzo.

Il pianista
Il pianista (2002)

Il pianista (2002)

Tra i migliori film di Adrien Brody non possiamo che annoverare il titolo che gli valse l’Oscar: Il pianista è un film del 2002, diretto da Roman Polański.
La pellicola si concentra sulla vita di un pianista ebreo residente a Varsavia, durante lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. L’invasione della Polonia, da parte dei nazisti, lo costringe ad abbandonare tutta la sua vita e a vivere un’esistenza in fuga per poter sopravvivere.
Il pianista è sicuramente uno dei film più toccanti e intensi riguardanti l’orrore della persecuzione ebraica. La pellicola si poggia completamente sull’interpretazione di Adrien Brody, che interpreta Wladyslaw, un giovane pianista che riesce a scappare dal rastrellamento del ghetto di Varsavia, ma che vede tutta la sua famiglia deportata.
Il pianista è un’opera asciutta, che non fa presa sulla lacrima facile ma che lascia parlare l’orrore della guerra, delle persecuzioni e che non edulcora nulla, mostrando quasi uno sguardo distaccato sulle vicende narrate, ma che non riescono a scivolare via.
Tra le scene più strazianti c’è quella dove Adrien Brody cammina da solo, disperato, nel ghetto di Varsavia, ormai vuoto, ma pieno solamente dei vestiti e delle valigie dei deportati, ormai sulla via della morte.
Il pianista vince tre Oscar: Miglior film, Migliore sceneggiatura originale e Miglior attore per Adrien Brody.

Buon compleanno Adrien Brody i cinque migliori film da vedere
The Village (2004)

The Village (2004)

The Village è un film del 2004, diretto da M. Night Shyamalan.
Ci troviamo nel XIX secolo, in Pennsylvania: il villaggio di Covington è protetto da un patto antichissimo tra gli anziani della comunità e le creature mostruose che vivono nella foresta che circonda il villaggio. Le creature non attaccheranno gli abitanti del villaggio, se non si addentreranno nella foresta.
Adrien Brody interpreta Noah, un giovane del posto con gravi problemi psichici, a cui è concesso uscire dal villaggio, senza conseguenze: la sua interpretazione è riuscitissima e l’attore porta, sul grande schermo, un personaggio inquietante e angosciante.
The Village divise la critica, ai tempi della sua uscita, ma rimane un thriller psicologico che punta tutto sulla suspense e sul non rivelato. Shyamalan utilizza il film come metafora per la società di oggi, con un focus particolare sul concetto di paura.

Il treno per il Darjeeling
Il treno per il Darjeeling (2008)

Il treno per il Darjeeling (2007)

Nella cinematografia di Adrien Brody spicca la sua forte collaborazione col regista Wes Anderson: ad oggi, l’attore americano ha preso parte a tre pellicole del regista, tra cui Il treno per il Darjeeling, film del 2007.
Il film ruota intorno alla storia di tre fratelli, che non si vedono dalla morte del padre. Il maggiore decide di riunirli per fare insieme un viaggio spirituale, per riscoprire se stessi. Inoltre, in segreto, ha intenzione di ritrovare la madre, che non vedono da molti anni.
Il treno per il Darjeeling è un road movie spirituale, col tocco personale di Wes Anderson che ben conosciamo. Ma soprattutto, è una storia che punta ad esaltare l’importanza della famiglia. I tre fratelli sono ormai tre adulti con tre vite molto diverse fra loro, ma vengono accomunati da un dolore personale, che li legherà per sempre.
Adrien Brody interpreta Peter, un uomo che fugge di casa, prima della nascita di suo figlio, per unirsi a questo viaggio insieme ai fratelli. Tutti e tre sono fortemente immaturi e con la sindrome di Peter Pan.
Quello che Wes Anderson mette in scena è la storia di tre fratelli che si chiedono se sarebbero stati amici se non ci fosse stato un legame familiare fra loro. Se, inizialmente, a farla da padrona nel rapporto è l’incomunicabilità fra i tre, con l’avanzare del viaggio, inizieranno a “conoscersi” di più e ad entrare maggiormente l’uno nella vita dell’altro.
Il viaggio in India, al bordo di un treno sgangherato, è al centro di questa favola moderna e malinconica.

Midnight in Paris
Midnight in Paris (2011)

Midnight in Paris (2011)

Chiudiamo la nostra lista di film di Adrien Brody da vedere con un piccolo gioiellino della cinematografia di Woody Allen: Midnight in Paris, film del 2011.
Uno sceneggiatore di Hollywood di successo, ma estremamente insoddisfatto, decide di prendersi una pausa e di andare in vacanza a Parigi con la sua ragazza e i suoi ricchi genitori. Qui, continua a cercare un’idea per il suo libro e una sera, dopo una sbronza, decide di perdersi tra le strade della città, in solitaria. A mezzanotte viene affiancato da un’auto d’epoca e i passeggeri lo invitano ad unirsi a loro per una festa. Si ritrova “magicamente” catapultato negli anni Venti, dove incontra Francis Scott Fitzgerald, Ernest Hemingway, Pablo Picasso e Salvador Dalì.
Midnight in Paris porta in scena la sindrome delle epoche passate, dove il passato risplende di un fascino idealizzato da parte del protagonista, ma che è solo il frutto di un’insoddisfazione insita nell’animo umano.
Adrien Brody interpreta Salvador Dalì e, nonostante il minutaggio ridotto, entra subito nei nostri cuori con la frase: I see… a rhinoceros!”.

E voi quale di questi film di Adrien Brody preferite?

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli