I cinque migliori film di Woody Allen [Throwback Thursday]

I migliori film di Woody Allen: in occasione dell’uscita di Un giorno di pioggia a New York, ripercorriamo i cinque migliori film di Woody Allen

Woody Allen è uno dei pochi registi esistenti che ha sempre mantenuto il suo stile. I suoi film si contraddistinguono per il loro umorismo, per la loro malinconia e per quella speciale capacità di osservare la realtà e la natura umana, che solo Allen riesce a fare.

È difficile, se non addirittura impossibile, riassumere la cinematografia di Allen in soli cinque film, ma cerchiamo di stilare una piccola classifica delle sue migliori pellicole.

I cinque migliori film di Woody Allen
Harry a pezzi (1997)

Harry a pezzi (1997)

Questa pellicola è sicuramente la più pessimista della cinematografia di Allen, che decide di analizzare le sue nevrosi e di dare sfoggio del suo intellettualismo.
Il protagonista è Harry Block (Woody Allen), uno scrittore in crisi creativa che cerca di ricordare i momenti del suo passato e contemporaneamente viene tormentato dai personaggi dei suoi romanzi.
Siamo sul finire degli anni Novanta ed il regista si trova in una sorta di crisi profonda per quanto riguarda il suo genio creativo e tutte le sue nevrosi sfociano in questa pellicola brillante ed autobiografica

I cinque migliori film di Woody Allen
Una scena di Manhattan (1979)

Manhattan (1979)

Isaac Davis (interpretato sempre dallo stesso Allen) è un autore televisivo che ha appena divorziato dalla sua seconda moglie (Meryl Streep). Si trova attualmente in una relazione con una giovane diciassettenne, ma conosce Mary, giornalista e amante del suo migliore amico, di cui s’invaghisce.
Si tratta di una delle migliori pellicole di Allen, girata interamente in bianco e nero ed è proprio il chiaroscuro usato nel film ad esaltare gli scorci della sua New York.
Manhattan si contraddistingue per una fotografia impeccabile, i dialoghi brillanti e per essere la dichiarazione d’amore alla città che gli ha dato i natali: New York, descritta in maniera nostalgica e sognante.

Marion Cotillard e Owen Wilson in Midnight in Paris
Marion Cotillard e Owen Wilson in Midnight in Paris

Midnight in Paris (2011)

Facciamo un salto in avanti per trovarci nell’era Duemila di Allen. Uno dei suoi film più riusciti è sicuramente Midnight in Paris con protagonista Owen Wilson.
Gil sta per sposarsi e sta cercando ispirazione per il suo primo romanzo. Durante una delle sue passeggiate notturne, l’uomo accetta un passaggio su una bella vettura d’epoca e si ritrova nella Parigi degli anni Venti, in compagnia degli autori che ama tanto, come Francis Scott Fitzgerald, Ernest Hemingway, ma anche Salvador Dalì, Pablo Picasso e tanti altri.
In quest’opera traspare la sua nostalgia per i tempi passati e il bisogno umano di trovare la felicità nei tempi perduti.
Pur essendo molto recente, Midnight in Paris mostra un’altra faccia del cinema di Allen, di cui ci siamo innamorati perdutamente

Jonathan Rhys Meyers e Scarlett Johansson
Jonathan Rhys Meyers e Scarlett Johansson in Match Point

Match Point (2005)

Chris (Jonathan Rhys Meyers) è un giovane maestro di tennis di umili origini che entra in contatto con l’alta società londinese, mediante Tom Hewett (Matthew Goode) e la sua famiglia. Inizia una relazione con Chloe (Emily Mortimer), sorella di Tom, ma durante i preparativi per le nozze, inizia una relazione anche con Nola (Scarlett Johansson) aspirante attrice e fidanzata di Tom. Il pericoloso triangolo amoroso porterà Chris in un vortice oscuro e irreversibile.
Match Point si pone in maniera diversa rispetto al resto della cinematografia di Allen: pur non mancando dialoghi brillanti, il focus è sulla storia e sulla narrazione che prende tinte thriller e drammatiche. Premio Oscar alla migliore sceneggiatura originale

I cinque migliori film di Woody Allen
Diane Keaton e Woody Allen in Io e Annie

Io e Annie (1977)

Poteva forse mancare il grande capolavoro di Woody Allen?
Io e Annie (titolo originale Annie Hall) è la quintessenza della sua cinematografia e raccoglie tutti gli elementi che caratterizzano il suo essere regista.
Il protagonista è Alvy Singer (Woody Allen), attore comico di origini ebree, il quale incontra Annie (Diane Keaton). Tra loro nascerà una relazione fatta di alti e bassi, mostrando tutte le debolezze e i punti forti tipici di una relazione.
In quest’opera ritroviamo tutte le caratteristiche del buon Allen: lo sfondo di New York, i dialoghi brillanti e venati dal suo amaro sarcasmo e lo studio della natura umana che si approccia a quello che è il sentimento più complesso, l’amore.
Io e Annie ha vinto 4 premi Oscar: miglior film, migliore regia, migliore attrice protagonista per Diane Keaton e migliore sceneggiatura originale

E per voi qual è il miglior film di Woody Allen?

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...