Kidding 2

Kidding 2 recensione serie TV [Sky Anteprima]

Kidding 2 – Il fantastico mondo di Mr. Pickles recensione della seconda stagione della serie ideata da Dave Holstein con Jim Carrey, Frank Langella, Judy Greer e Ariana Grande

A meno di due anni dalla prima stagione, Jim Carrey torna a vestire i panni di Jeff Piccirillo e il suo alter-ego televisivo Mr Pickles in Kidding 2 – Il fantastico mondo di Mr. Pickles (2018-2020), con cui dare il meritato addio a una serie tanto interessante quanto elaborata a livello drammaturgico.

Con Kidding, infatti, c’è ben poco da scherzare. La serie tra i cui produttori spicca Michael Gondry – con cui lo stesso Carrey ha già collaborato nel 2004 in quell’autentico gioiello filmico di Se mi lasci ti cancello – è la dolorosa e straordinaria fiaba di un uomo incapace di elaborare il lutto di uno dei due figli.

Jim Carrey è Mr. Pickles
Jim Carrey è Mr. Pickles

Generando così un conflitto apparentemente irrisolvibile tra l’uomo e il volto pubblico. Un’autentica escalation di eventi il cui motore scenico è la rabbia repressa mai realmente elaborata, che sfocia in attacchi di violenza psicotica e paranoia. Una rabbia immagazzinata per anni nell’animo di Jeff, che va in aperto contrasto con la natura mite e apparentemente serena del personaggio interpretato da Carrey.

Prodotta da Showtime, il secondo ciclo d’episodi della serie che vede tra i suoi interpreti Jim Carrey, Judy Greer, Frank Langella, Catherine Keener, Justin Kirk e una guest star d’eccezione come Ariana Grande – prevede dieci episodi, equamente trasmessi su Sky Atlantic in due appuntamenti da mini-bingewatching il 31 agosto e il 7 settembre 2020.

Jim Carrey è Mr. Pickles
Jim Carrey è Mr. Pickles

Kidding 2: sinossi

Per la prima volta in trent’anni il Mr. Pickles’ Puppets Time, lo show prodotto da Sebastian Piccirillo (Frank Langella) e condotto da Jeff Piccirillo/Mr. Pickles (Jim Carrey) – non va in onda; e per Jeff significa reinventarsi, trovando così un nuovo modo per comunicare con il suo pubblico di giovanissimi (e non). Nel frattempo, deve anche ricostruire il proprio equilibrio personale tra il ruolo di personaggio pubblico, e la vita familiare con il padre Seb, la sorella Deirdre (Catherine Keener), l’ex-moglie Jill (Judy Greer) e il figlio Will (Cole Allen).

Jeff crea quindi un nuovo – ma decisamente controverso – metodo per comunicare con i bambini di tutto il mondo; portandolo così, per la prima volta in carriera, ad essere il bersaglio di critiche e dell’ostilità del suo stesso pubblico. Un’escalation di eventi che porterà Jeff a prendere una decisione drastica, e a scoprire un nuovo lato di sé stesso.

Kidding 2 recensione serie TV
Jim Carrey in una scena di Kidding

Il conflitto scenico cucito addosso all’immenso talento di Jim Carrey

In piena coerenza narrativa, la seconda stagione di Kidding si apre nel momento “di chiusura” esatto della prima, ovvero con un evento traumatico volto ad annientare quel che resta dell’equilibrio psichico in Jeff. Una collisione con cui esternare la crisi del rapporto e delle dimensioni individuali del Jeff di Carrey; un conflitto divenuto impossibile e dicotomico tra la sua maschera goffmaniana di Mr. Pickles, e quella del fragile uomo di nome Jeff che la indossa. L’audacia narrativa, sta nell’espediente del montaggio alternato dotato di un sync sonoro da manuale, con cui raccontare – simultaneamente – il principio e la fine del matrimonio tra Jeff e Jill.

Declinato in una sorta di anti-favola natalizia che esalta – di riflesso – il tono grottesco di una sequenza con cui raccontare i postumi di un “apparente” incidente, dove la forzata ricostruzione delle tradizioni natalizie familiari è pura magia capriana fittizia e contraffatta.

Jim Carrey
Jim Carrey in una scena di Kidding

L’espediente del montaggio alternato prosegue in tutta l’apertura del racconto, nel mostrarci l’arrivo in ospedale in due contesti scenici tragicamente opposti e dicotomici; nella risoluzione del conflitto scenico della dimensione familiare, ricondotta alle conseguenze dirette dell’azione violente nella sfera scenica del figlio Will, in un misto di tradizione natalizia, bugie (niente affatto) bianche e opportunismo.

Lei è stato un bimbo buono quest’anno?”

Tutti elementi volti a potenziare la dimensione narrativa della caratterizzazione del Jeff di Carrey. In una fitta rete di bugie, di parole non dette, e di “facce da poker”, con cui esternare l’immenso talento recitativo del suo magnifico interprete. Tra transizioni di montaggio alternato tra passato e presente, che se in apertura di racconto risultavano frutto di un sync “tecnico”, nel dispiego dell’intreccio diventano di tipo “narrativo” – conseguenza di un tragico tracollo psicotico con cui unire gli eventi della nascita di una famiglia, alla fine della stessa mascherata da nuovo inizio. Eventi che conducono il Jeff di Carrey a mantenere il suo delicato equilibrio psichico appeso per un filo.

Kidding 2 recensione serie TV
Kidding 2 – Il fantastico mondo di Mr. Pickles

Ma la presenza del Peter di Kirk aleggia lungo tutto il racconto, in sensi di colpa tangibili, di cui si può avvertire il peso sulle spalle e nel crollo di nuove certezze mascherate da bugie. Fino a un evento di catarsi scenica, con cui Jeff fa la cosa giusta e accetta le conseguenze del proprio destino; nella solitudine dell’individuo e in un’intera sequenza “picklesiana” che gioca con le estetiche del suo show. Sequenza d’importanza vitale nel racconto, perché permette al Jeff di Carrey di accettare il proprio dolore, risolvere il conflitto con Peter e sublimare la rabbia repressa.

Non soltanto Jeff comunque. La “premiere” di Kidding alleggerisce il tono tragico per mezzo dell’appena accennata crisi del matrimonio della Deirdre della Keener e dall’arco narrativo del Sebastian di Langella, che tra una sferzante critica omosessuale a un gioco per bambini e la sua caratterizzazione di cinismo misto ad aiuto paterno, dà dinamicità al racconto accettando le proprie responsabilità “di padre” nella crisi psicotica di Jeff.

Kidding 2: Il canto del cigno di una serie dal grande peso drammatico

Dal trailer è desumibile come la seconda stagione di Kidding ponga al centro del racconto la risalita del suo protagonista dagli abissi dell’oblio. Un’evoluzione degli archi narrativi ragionata, con cui Jeff potrà finalmente scindere le dimensioni individuali di sé stesso e il suo alter-ego televisivo, o magari scegliere di abbandonare del tutto Mr. Pickles.

In ogni caso, qualunque sarà la trasformazione scenica di Jeff, Kidding chiude con la consapevolezza d’essere stata una mosca bianca nel panorama seriale contemporaneo. Un racconto la cui atipicità narrativa dal linguaggio filmico elaborato, avrebbe forse meritato maggior attenzione, o anche semplicemente una terza stagione.
Kidding ci lascia, con i suoi toni cupi, a volte grotteschi, ma profondamente drammatici di un racconto cucito addosso a un Jim Carrey che dopo l’accoppiata The Truman Show/Man of the Moon nel biennio 1998-1999, s’è riscoperto splendido interprete drammatico; autore di performance capaci di toccare impensabili corde dell’animo umano.

Sintesi

Kidding (2018-2020) chiude i battenti nel migliore dei modi, con un ciclo di episodi con cui mostrarci l'evoluzione del conflitto dicotomico tra le dimensioni individuali di Jeff Piccirillo e Mr. Pickles. La creatura narrativa di Gondry e Carrey ci lascia con dieci episodi fatti di estetiche atipiche e di un linguaggio filmico elaborato e profondamente drammatico. Quello di Kidding è senza dubbio un addio che fa male; un racconto seriale che forse avrebbe meritato di più da parte di Showtime, certamente uno splendido viaggio nel dolore umano a cui tutti gli spettatori dovrebbero prendere parte.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Divorzio a Las Vegas recensione film con Giampaolo Morelli e Andrea Delogu [Anteprima]

Divorzio a Las Vegas recensione film di Umberto Carteni con Giampaolo Morelli, Andrea Delogu, Ricky Memphis, Grazia Schiavo e Gianmarco Tognazzi Divorzio a Las Vegas è...

Boyhood recensione film di Richard Linklater [Indie]

Boyhood recensione film di Richard Linklater con Patricia Arquette, Ethan Hawke, Ellar Coltrane, Lorelei Linklater, Jessi Mechler e Nick Krause Girato nell'arco di dodici anni,...

Cinema News del 30 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 30 settembre: Barry Jenkins dirige il sequel de Il Re Leone, il trailer di The Craft: Legacy di Blumhouse con Cailee...

Emily in Paris recensione serie TV di Darren Star con Lily Collins [Netflix Anteprima]

Emily in Paris recensione serie TV Netflix di Darren Star con Lily Collins, Lucas Bravo, Philippine Leroy-Beaulieu, Ashley Park, William Abadie, Charles Martins, Camille...

Wes Anderson: indiscrezioni sul prossimo film (forse) italiano

Wes Anderson torna subito al lavoro: non ancora uscito il suo prossimo film, il regista americano è già pronto per un nuovo lungometraggio (forse a Roma)

Work It recensione film con Sabrina Carpenter [Netflix]

Work It recensione film di Laura Terruso con Sabrina Carpenter, Jordan Fisher, Liza Koshy, Indiana Mehta, Michelle Buteau e Drew Ray Tanner Prodotto da Alicia...

Cinema News del 29 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 29 settembre: No Sudden Move di Steven Soderbergh con Benicio Del Toro, Don Cheadle e Jon Hamm, il trailer di Vampires...

Il processo ai Chicago 7 recensione film di Aaron Sorkin [Netflix Anteprima]

Il processo ai Chicago 7 recensione film di Aaron Sorkin con Eddie Redmayne, Sacha Baron Cohen, Frank Langella, Joseph Gordon-Levitt, Mark Rylance, Jeremy Strong,...

Zac Efron: con i piedi per terra recensione miniserie documentario [Netflix]

Zac Efron: con i piedi per terra recensione della miniserie documentario con Zac Efron e Darin Olien disponibile su Netflix Zac Efron parte per un viaggio...

Cinema News del 28 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 28 settembre: i trailer dell'horror italiano Il legame con Riccardo Scamarcio e Mia Maestro e della serie d'animazione da incubo Resident...