Box Office USA Thor Love and Thunder ancora primo con una flessione del -68% buon esordio per La ragazza della palude

Box Office USA: Thor: Love and Thunder ancora primo con una flessione del -68%, buon esordio per La ragazza della palude, Top Gun: Maverick supera 1,23 miliardi di dollari, Jurassic World – Il dominio i 900 milioni

Thor: Love and Thunder si conferma al primo posto al Box Office USA & Canada con 46 milioni di dollari nonostante una flessione decisamente drastica del -68%, sintomo sia della corsa alla visione pre spoiler durante il primo weekend che caratterizza ormai il genere supereroistico, specialmente quello legato al Marvel Cinematic Universe – e in questo dobbiamo sottolineare i media non aiutano, sia owned come Netflix e Disney+ che si autospoilerano a nemmeno 48 ore dal lancio su piattaforma che earned come i magazine specializzati che fanno ormai la corsa allo spoiler per arrivare “primi” sulla notizia – sia del passaparola in parte negativo e delle recensioni divisive della critica, segnando così la peggiore flessione al secondo weekend del MCU insieme a Black Widow (-68%), che usciva però in contemporanea su Disney+, e Doctor Strange nel Multiverso della Follia (-67%). Nel mondo il quarto capitolo della saga del dio del tuono sfiora i 500 milioni di dollari, con 233,2 milioni di dollari in patria e 264,6 milioni all’estero.

Al secondo posto ritroviamo Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo, che al terzo weekend incassa 26 milioni di dollari con una flessione del -44%, un totale domestico di 262,5 milioni e un incasso globale di 532,7 milioni di dollari.

Buon esordio sul gradino più basso del podio per Where the Crawdads SingLa ragazza della palude, tratto dal romanzo bestseller di Delia Owens che ha venduto oltre 12 milioni di copie nel mondo, e che al cinema esordisce con 17 milioni di dollari al box office nordamericano.

Daisy Edgar-Jones Where the Crawdads Sing - La ragazza della palude
Daisy Edgar-Jones Where the Crawdads Sing – La ragazza della palude (Credits: Sony Pictures/Hello Sunshine)

Al quarto posto il film evento dell’anno, Top Gun: Maverick con altri 12 milioni di dollari all’ottavo weekend di programmazione – flessione ancora una volta minima del -23% – e un incredibile incasso domestico di 618 milioni di dollari, pronto ad entrare nella Top 10 all time delle classifiche nordamericane scalzando Star Wars: Gli ultimi Jedi, fermo a 620 milioni di dollari, con The Avengers nono e a portata di incassi con 623 milioni di dollari.
Nel mondo, Top Gun: Maverick ha superato 1,23 miliardi di dollari al botteghino, attualmente ventesimo maggiore incasso di tutti i tempi nel mondo e con Frozen, La Bella e la Bestia e Gli Incredibili 2 a pochi milioni di distanza e destinati ad essere superati nei prossimi giorni. Per quanto riguarda il paragone con Titanic, è vero che il ritorno di Tom Cruise nei panni di Pete Maverick Mitchell ha superato (inflazione a parte) la release originale del film di James Cameron, ma rimane comunque probabilmente irraggiungibile con 659 milioni di dollari in patria ma soprattutto 2,2 miliardi di dollari al botteghino globale. E anche quando leggete che Top Gun: Maverick è il maggior incasso Paramount di sempre, fondamentalmente ci si riferisce al fatto che la major, produttrice di Titanic e distributrice del film in patria, non si è invece occupata della distribuzione internazionale, affidata a 20th Century Fox. Ma ancora i numeri di Titanic restano lontani(ssimi).

Al quinto posto Elvis incassa 7,6 milioni di dollari e, con un incasso domestico di 106 milioni di dollari e globale di 170 milioni, si attesta come il miglior film adulto non franchise del 2022.

Rimanendo in casa Paramount, il nuovo film d’animazione originale Paws of Fury: The Legend of Hank esordisce piuttosto male, soltanto al sesto posto con 6,25 milioni di dollari, schiacciato oltremodo nel target famiglie con bambini da Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo e minacciato dall’arrivo a fine mese di DC League of Super-Pets, che è andato a sostituire Black Adam in casa Warner Bros.. Il trattarsi di una storia originale, scritta tra l’altro anche da Mel Brooks poiché ispirata a Mezzogiorno e mezzo di fuoco, non ha giovato nel far riaffiorare e posizionare per la prima volta il titolo nella mente degli spettatori.

Al settimo posto, Black Phone incassa 5,3 milioni di dollari al quarto weekend, per un totale di 72 milioni di dollari in patria e ben 114 milioni di dollari nel mondo per l’horror d’autore di Scott Derrickson, C. Robert Cargill ed Ethan Hawke, che invece in Italia non ha purtroppo suscitato l’attenzione sperata.

Infine, all’ottavo posto Jurassic World – Il dominio incassa 4,95 milioni di dollari al sesto weekend, per un totale domestico di 359,7 milioni di dollari superando così i 900 milioni di dollari nel mondo, terzo miglior incasso mondiale del 2022 dietro Doctor Strange nel Multiverso della Follia con 954 milioni di dollari e Top Gun: Maverick con 1,23 miliardi di dollari.

Nel frattempo il mercato cinematografico nordamericano festeggia i 4,48 miliardi di dollari di incassi, ossia la stessa cifra incassata nel 2021 ma con sei mesi di anticipo, e scende a -28,9% rispetto agli incassi pre pandemia, per una ripresa che può davvero dirsi ormai completata.

A domattina con il Box Office Italia, stay tuned!

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli