Top Gun: Maverick

Top Gun Maverick recensione film di Joseph Kosinski con Tom Cruise [Anteprima]

Top Gun: Maverick recensione film di Joseph Kosinski con Tom Cruise, Miles Teller, Jennifer Connelly, Jon Hamm, Glen Powell, Monica Barbaro e Val Kilmer

Top Gun: Maverick, una delle uscite più attese dell’anno, è il sequel del classico degli anni ’80 in cui Tom Cruise e Val Kilmer hanno rivestito i ruoli iconici di Maverick e Iceman. Cruise torna nei panni del tenente Pete Maverick Mitchell guadagnandosi anche stavolta la reputazione dell’attore più coraggioso e audace di Hollywood.

La storia si posiziona dopo gli eventi del film originale; Mav con più trent’anni di carriera rimane uno dei migliori piloti della Marina. Il leggendario capitano vive la vita che ha sempre sognato: incessantemente oltre i limiti. Da sempre è uno spericolato collaudatore e respinge ogni avanzamento di carriera, uno step che gli farebbe guadagnare gradi ma lo porterebbe a dover rinunciare al volo.

Dopo l’ennesima insubordinazione viene trasferito all’accademia Top Gun. Ora è istruttore di volo e deve addestrare i nuovi allievi per una importante missione. Tra loro c’è il tenente Bradley Bradshaw (Milles Teller) figlio del defunto e compianto Goose, navigatore e amico morto in un incidente di volo, che cerca di diventare un grande pilota per onorare la memoria del padre. Maverick ha dedicato tutta la sua vita all’aviazione, pagando uno scotto personale al fatto di essere sempre stato il migliore. Con un futuro incerto ed un pesante fardello di fantasmi del passato, il protagonista è coinvolto in una lotta tra sé e le sue paure più profonde, con le quali dovrà scendere a patti.

Tom Cruise in Top Gun: Maverick
Tom Cruise in Top Gun: Maverick (Credits: Paramount Pictures)
Jennifer Connelly e Tom Cruise
Jennifer Connelly e Tom Cruise (Credits: Paramount Pictures)

Nella pellicola di Joseph Kosinski troviamo Jennifer Connelly, Jon Hamm, Lewis Pullman, Ed Harris e il mitico Iceman interpretato da Val Kilmer.

La fotografia è impetuosa, l’azione e le sequenze di volo sono incredibilmente intense e spettacolari. I personaggi ben tratteggiati e le loro relazioni rese profondamente. Top Gun: Maverick trasmette una forte carica emotiva e non nasconde una strizzata d’occhio all’originale che colpisce dritto al cuore.

Top Gun è stato di grande impatto nel 1986, considerato uno dei migliori film d’azione ha segnato una generazione con la sua leggendaria colonna sonora. Una storia che mescolava alla perfezione dramma e azione: il ritratto di un eroe imperfetto che non aveva bisogno di superpoteri per compiere grandi imprese.

Monica Barbaro, Miles Teller, Douglas Rouillard e Jay Ellis
Monica Barbaro, Miles Teller, Douglas Rouillard e Jay Ellis (Credits: Paramount Pictures)
Ed Harris in Top Gun: Maverick
Ed Harris in Top Gun: Maverick (Credits: Paramount Pictures)

Il film diretto da Tony Scott terminava con un gran finale e forse non aveva bisogno di un sequel, ma niente è impossibile. Oggi Tom Cruise e il regista Joseph Kosinski ci danno la possibilità di incontrare una nuova generazione di piloti e di scoprire cosa ha fatto Maverick in tutti questi anni e come è andata a finire la sua rivalità con Iceman. Questo è il sequel che i fan da sempre chiedevano e, fortunatamente, non delude.

Proiettato in anteprima a San Diego, il film sarà presentato al Festival di Cannes ed in questi momenti post pandemia in cui l’industria cinematografica è in difficoltà, Cruise potrebbe essere incoronato il salvatore del cinema.

Nonostante la trama dipenda molto dall’originale e non sia particolarmente innovativa, abbiamo trovato un sequel che non fa rimpiangere l’originale. I flashback e i ricordi del passato coinvolgeranno molto chi è cresciuto negli anni ’80. I momenti di tensione e divertimento sono gestiti in modo perfetto creando un prodotto di qualità, divertente e ben congegnato. Il degno seguito di un cult intramontabile.

Jon Hamm
Jon Hamm (Credits: Paramount Pictures)
Tom Cruise in Top Gun: Maverick
Tom Cruise in Top Gun: Maverick (Credits: Paramount Pictures)

Sintesi

Top Gun: Maverick trasmette una forte carica emotiva e non nasconde una strizzata d’occhio all’originale che colpisce dritto al cuore. Tra fotografia impetuosa, azione e sequenze di volo incredibilmente intense e spettacolari e personaggi ben tratteggiati e le cui relazioni sono rese profondamente, Tom Cruise con il suo Maverick ritorna protagonista nel degno seguito di un cult intramontabile.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Top Gun: Maverick trasmette una forte carica emotiva e non nasconde una strizzata d’occhio all’originale che colpisce dritto al cuore. Tra fotografia impetuosa, azione e sequenze di volo incredibilmente intense e spettacolari e personaggi ben tratteggiati e le cui relazioni sono rese profondamente, Tom Cruise con il suo Maverick ritorna protagonista nel degno seguito di un cult intramontabile.Top Gun Maverick recensione film di Joseph Kosinski con Tom Cruise [Anteprima]