Uomini contro

Uomini contro recensione

Uomini contro recensione film di Francesco Rosi con Gian Maria Volonté, Alain Cuny, Mark Frechette, Pier Paolo Capponi, Franco GraziosiMario Feliciani

Prima guerra mondiale. Il giovane sottotenente dell’esercito italiano Sassu (Mark Frechette), ingenuo e convinto interventista, desideroso di abbandonare le retrovie e di guardare in faccia la guerra, laddove davvero si combatte e scorre il sangue, viene inviato sull’Altipiano di Asiago per unirsi alla Divisione comandata dallo spietato generale Leone (Alain Cuny). Questi, persa la vetta del Monte Fior a favore dell’avversario austriaco, cerca di riconquistarla ad ogni costo, esponendo i propri soldati, sforniti dei mezzi necessari, ad una sistematica e inutile carneficina. Dinanzi alla disumanità e al cinismo mostrati dal generale e dagli altri alti ufficiali, Sassu maturerà una visione diversa del conflitto anche grazie all’esperto tenente Ottolenghi (Gian Maria Volonté), compagno d’armi dalle idee socialiste. Il giovane militare troverà la forza di ribellarsi, ma il prezzo da pagare sarà alto per questi Uomini contro.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

“Il colonnello era dunque un mostro! […] Capii al tempo stesso che dovevano essercene molti come lui nel nostro esercito, dei prodi, e poi di sicuro altrettanti nell’esercito di fronte. Chi poteva sapere quanti? Uno, due, molti milioni forse in tutto? […] Con esseri del genere, quest’imbecillità infernale poteva continuare all’infinito…Perché avrebbero dovuto fermarsi? Mai avevo sentito tanto implacabile la sentenza degli uomini e delle cose”.

Alain Cuny e Gian Maria Volonté
Alain Cuny e Gian Maria Volonté

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Louis-Ferdinand Céline e il suo dolorosamente sublime Viaggio al termine della notte chiariscono il senso del titolo del film prima ancora che sia lo stesso Volonté/Ottolenghi a farlo, a metà racconto, urlando il disperato ”Basta con questa guerra di morti di fame contro morti di fame!”.

Gli Uomini contro di cui parla Rosi, infatti, non sono i soldati semplici dei fronti avversi – tutti poveri cristi mandati al macello – ma questi e i propri superiori; coloro per i quali la guerra è soltanto un gioco tattico e muscolare; un lavoro, tuttalpiù.

L’indimenticato regista partenopeo mette in scena la carne da cannone dipingendo con corpose pennellate i volti smunti di operai e contadini chiamati al mestiere del morire ammazzati. Ne sottolinea gli sguardi angosciati mentre, chiamati al massacro, si ergono in difesa di valori sconosciuti e astratti. Non gli appartengono, infatti, il senso della patria, della vittoria e dell’eroismo, se non per vuota risonanza, per l’eco dei proclami dei loro generali e colonnelli, a propria volta espressione di classi sociali altolocate e distanti.

Mark Frechette
Mark Frechette

È, dunque, nella contrapposizione tra questi umili lavoratori armati di fucile e gli indifferenti signori della guerra, tra i volti avvizziti dei primi e le gelide espressioni dei secondi che si sostanzia il nucleo di questo racconto antimilitarista, il quale, traendo spunto dalla Grande Guerra, non intende raccontarla di per sé, ma piuttosto utilizzarla come spunto per denunciare l’assurdità e la violenza di ogni conflitto.

Uomini contro, tuttavia, è anche narrazione di lotta di classe allo stato ancora embrionale, di presa di coscienza e rivolta sociale ancora troppo deboli per emancipare “i sottomessi” dal secolare ruolo di vinti. Non manca, in questo senso, il rimando al clima politico dell’epoca della sua uscita in sala, la strizzatina d’occhio allo spirito ribelle sessantottino che, però, conferendo al racconto un retrogusto oltremodo demagogico e ammiccante, ne indebolisce in parte l’afflato universalistico.

È questo l’unico vero difetto di un lungometraggio che, peraltro, colpisce per la sua drammaticità e il suo realismo. Rosi afferra coraggiosamente la fasulla retorica di guerra e la scaglia a terra, ricoprendola di cadaveri innocenti e innaffiandola di giovane sangue. Come in Pasolini e Bresson, cerca facce vere, volti autentici. I suoi umili soldati sono fisicamente prosciugati, i loro visi scavati. Tra questi vi incastona, dissonante, il fanciullesco e angelico sottotenente Sassu, i cui tratti delicati – emblema d’ingenuità ed inconsapevolezza -, una volta saggiata la brutale realtà, non potranno sottrarsi all’indurimento e alla scarnificazione.

Gian Maria Volonté
Gian Maria Volonté

L’autore napoletano tiene costantemente in mano le redini del racconto, rendendo con inusitata precisione il senso dell’umana follia; evita, però, con altrettanta maestria ogni spettacolarismo da blockbuster, ponendo ogni sequenza al servizio di un pathos così equilibrato e sobrio da sfiorare il meccanicistico senza tuttavia scadervi.

Contribuiscono decisamente a rafforzare l’intensità del dramma la colonna sonora marziale e raggelante di Piero Piccioni e la fotografia fredda e nebbiosa di Pasqualino De Santis.
Quanto agli attori, ottimo, come sempre, Gian Maria Volonté, attore sublime ed eterno qui chiamato alla prima di una lunga serie di collaborazioni col maestro Rosi. Ma è soprattutto la prova di Alain Cuny ad impressionare per la spietata perfezione con cui riesce a rendere al contempo odioso e grottesco il suo algido generale Leone. Meno convincente, invece, è Mark Frechette, qui più volto che interprete.

Uomini contro di Francesco Rosi
Uomini contro di Francesco Rosi

In breve, Uomini contro è un film opportunamente disturbante e persuasivo, che evita qualsiasi imbellettamento e tira dritto sino al cuore della guerra e del suo abominio.
Tratto dal romanzo di Emilio Lussu Un anno sull’Altipiano e sceneggiato dallo stesso Rosi con Raffaele La Capria e Tonino Guerra, è un racconto da usare ancora oggi come antidoto all’assuefazione al quotidiano profluvio di immagini di eccidi provenienti da ogni parte del mondo; perché si (ri)prenda coscienza che la guerra, ogni guerra, prima ancora che un filmato disturbante mandato in tv, una foto sul giornale dinanzi a cui voltar pagina o un videogame spara-e-fuggi da giocare e rigiocare, è e resta soprattutto la più grande di tutte le catastrofi umane.

E, dunque, Uomini contro è in tal senso un film necessario, indispensabile. Perché, per dirla con Céline, “La grande sconfitta, in tutto, è dimenticare, e soprattutto quel che ti ha fatto crepare […] Bisognerà raccontare senza cambiare una parola, di quel che si è visto di più schifoso negli uomini e poi tirar le cuoia e poi sprofondare”.

Essenziale.

Pierpaolo

Sintesi

L'indimenticato Francesco Rosi mette in scena la carne da cannone dipingendo con corpose pennellate i volti smunti di operai e contadini chiamati al mestiere del morire ammazzati. Uomini contro è un film opportunamente disturbante e persuasivo, che evita qualsiasi imbellettamento e tira dritto sino al cuore della guerra e del suo abominio.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...

Coffee and Cigarettes recensione (versione restaurata)

Coffee and Cigarettes recensione film di Jim Jarmusch in edizione restaurata con Roberto Benigni, Steven Wright, Joie Lee, Tom Waits, Cinqué Lee, Steve Buscemi,...

Buon compleanno M. Night Shyamalan: i suoi migliori film [Throwback Thursday]

M. Night Shyamalan compie 50 anni: ripercorriamo i migliori successi del regista dai finali a sorpresa Il 6 agosto del 1970 nasceva M. Night Shyamalan,...

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...