Max von Sydow: un addio commosso

Addio a Max von Sydow: ricordiamo il grande attore svedese de Il settimo sigillo e L’esorcista, pupillo di Ingmar Bergman e candidato due volte al premio Oscar

L’uomo che giocava a scacchi con la Morte

Candidato due volte al premio Oscar, come miglior attore protagonista per Pelle alla conquista del mondo (Bille August, 1989) e come miglior attore non protagonista per Molto forte, incredibilmente vicino (Stephen Daldry, 2011), Max von Sydow ci ha lasciato l’8 marzo 2020 all’età di 90 anni. Ad annunciarlo è la moglie Catherine Brelet sul periodico francese Paris Match. Ripercorriamo assieme la sua lunga carriera.

Max von Sidow ne Il settimo sigillo
Max von Sidow ne Il settimo sigillo di Ingmar Bergman

Nato a Lund in Svezia il 10 aprile 1929, si approcciò al mondo dello spettacolo a partire dal 1948, quando si iscrisse alla scuola di recitazione del Kungliga Dramatiska Teatern (Teatro drammatico reale) di Stoccolma. In seguito lavorò per il Teatro Municipale di Norrköping-Linköping e fece il suo primo debutto nel mondo cinematografico interpretando piccoli ruoli in due importanti film di Alf Sjöberg, Solo una madre (Bara en mor, 1949) e La notte del piacere (Fröken Julie, 1951). Conseguito il diploma, recitò nei teatri stabili di Skåne e di Malmö, quest’ultimo diretto proprio da Ingmar Bergman.

Il suo primo ruolo di spicco nel cinema risale al 1957 quando, con Il settimo sigillo di Bergman, calò nei panni del giovane cavaliere crociato Antonius Block impegnato a fronteggiare la Morte in una lunga ed estenuante partita a scacchi. Il successo fu tale che in brevissimo tempo Sydow raggiunse la fama internazionale: complice anche il duraturo connubio con il regista assieme al quale lavorò per un lungo periodo recitando in ben altre sue undici produzioni. Tra queste vanno ricordate: Il posto delle fragole (Smultronstället, 1957), Alle soglie della vita (Nära livet, 1958), Il volto (Ansiktet, 1958), La fontana della vergine (Jungfrukällan, 1960), Come in uno specchio (Såsom i en spegel, 1961), Luci d’inverno (Nattvardsgästerna, 1963), L’ora del lupo (Vargtimmen, 1968), La vergogna (Skammen, 1968), Passione (En Passion, 1969), L’adultera (Beröringen, 1971) e un film destinato alla televisione intitolato Rabies (1958).

Max von Sidow ne L'Esorcista
Max von Sidow nel suo ruolo più famoso, L’Esorcista di William Friedkin

Max von Sidow e Tom Cruise
Max von Sidow e Tom Cruise in Minority Report di Steven Spielberg

Nello stesso periodo lavorò anche per altri registi svedesi riuscendo ad acquisire sempre più notorietà e successo; elementi che gli permisero di varcare le porte di Hollywood a partire dal film La più grande storia mai raccontata (George Stevens, 1965) e di allontanarsi pian piano dalle produzioni svedesi e da Ingmar Bergman con cui c’erano state alcune discussioni.

Giunto in America, Max von Sydow decise di dedicarsi al cinema di genere. Interpretò numerosissimi ruoli tra i quali sicuramente lo ricordiamo vestito nei panni del sacerdote ne L’esorcista (William Friedkin, 1973) oppure quelli del killer in I tre giorni del Condor (Sydney Pollack, 1975).

Tra il 1976 e il 1977 fu attivo anche nel circuito cinematografico italiano, dove privilegiò le opere impegnate come Cadaveri eccellenti (Francesco Rosi, 1976), Cuore di cane (Alberto Lattuada, 1976), Il deserto dei Tartari (Valerio Zurlini, 1976), Gran bollito (Mauro Bolognini, 1977).

Max von Sidow ne Il Trono di Spade
Max von Sidow ne Il Trono di Spade

In seguito decise di esplorare il filone del fantastico lavorando per David Lynch in Dune (1984) e per Steven Spielberg nel film Minority Report (2002). Tra le sue ultime apparizioni va sicuramente ricordata la serie TV Game of Thrones, dove, per tre episodi, ricoprì il ruolo del Corvo con Tre Occhi (per i quali ottenne una nomination agli Emmy) e il settimo capitolo della fortunata saga di Star Wars.

La sua carriera l’ha relegato sempre ad interpretare ruoli tormentati e misteriosi, forse a causa dell’eredità raccolta da Bergman, oppure perché il suo volto scavato e la sua voce dal timbro profondo, misurata ed essenziale, si adattavano maggiormente a dei personaggi vissuti e consumati dal tempo; in ogni caso, proprio perché il suo ricordo non svanirà mai nel corso degli anni, siamo convinti che abbia vinto quella famosa partita a scacchi sulla spiaggia e che ora continui ad insegnarci una grande lezione di cinema.

Nicola

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit [TFF 38]

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit con Fazlur Rahman Babu, Shatabdi Wadud e Titas Zia al Torino Film Festival 38 Si...

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu [TFF 38]

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh, Ya-Ling Chang, Ke-Li Miao, Yu Chieh Hsu presentato al Torino Film...

The Disaster Artist recensione film di e con James Franco

The Disaster Artist recensione del film diretto e interpretato da James Franco con Dave Franco, Alison Brie e Seth Rogen Nell'ormai lontano 2003, per la promozione del...

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu [TFF 38]

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu, Ciara Renée, Tzi Ma, Fiona Fu e Lynn Chen Fuori Concorso al...

Cinema News del 22 novembre [Rassegna Stampa]

Joaquin Phoenix protagonista del prossimo film di Ari Aster Channing Tatum mostro Universal con Phil Lord e Chris Miller Sia alla regia di...

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany e Sophia Lillis [Amazon Prime Video Anteprima]

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany, Sophia Lillis, Peter Macdissi, Judy Greer, Steve Zahn, Lois Smith e Margo Martindale Delicato road...