Max von Sydow: un addio commosso

Addio a Max von Sydow: ricordiamo il grande attore svedese de Il settimo sigillo e L’esorcista, pupillo di Ingmar Bergman e candidato due volte al premio Oscar

L’uomo che giocava a scacchi con la Morte

Candidato due volte al premio Oscar, come miglior attore protagonista per Pelle alla conquista del mondo (Bille August, 1989) e come miglior attore non protagonista per Molto forte, incredibilmente vicino (Stephen Daldry, 2011), Max von Sydow ci ha lasciato l’8 marzo 2020 all’età di 90 anni. Ad annunciarlo è la moglie Catherine Brelet sul periodico francese Paris Match: “È con il cuore spezzato e con infinita tristezza che abbiamo l’estremo dolore di annunciare la dipartita di Max von Sydow l’8 marzo 2020”. Ripercorriamo assieme la sua lunga carriera.

Max von Sidow ne Il settimo sigillo
Max von Sidow ne Il settimo sigillo di Ingmar Bergman

Nato a Lund in Svezia il 10 aprile 1929, si approcciò al mondo dello spettacolo a partire dal 1948, quando si iscrisse alla scuola di recitazione del Kungliga Dramatiska Teatern (Teatro drammatico reale) di Stoccolma. In seguito lavorò per il Teatro Municipale di Norrköping-Linköping e fece il suo primo debutto nel mondo cinematografico interpretando piccoli ruoli in due importanti film di Alf Sjöberg, Solo una madre (Bara en mor, 1949) e La notte del piacere (Fröken Julie, 1951). Conseguito il diploma, recitò nei teatri stabili di Skåne e di Malmö, quest’ultimo diretto proprio da Ingmar Bergman.

Il suo primo ruolo di spicco nel cinema risale al 1957 quando, con Il settimo sigillo di Bergman, calò nei panni del giovane cavaliere crociato Antonius Block impegnato a fronteggiare la Morte in una lunga ed estenuante partita a scacchi. Il successo fu tale che in brevissimo tempo Sydow raggiunse la fama internazionale: complice anche il duraturo connubio con il regista assieme al quale lavorò per un lungo periodo recitando in ben altre sue undici produzioni. Tra queste vanno ricordate: Il posto delle fragole (Smultronstället, 1957), Alle soglie della vita (Nära livet, 1958), Il volto (Ansiktet, 1958), La fontana della vergine (Jungfrukällan, 1960), Come in uno specchio (Såsom i en spegel, 1961), Luci d’inverno (Nattvardsgästerna, 1963), L’ora del lupo (Vargtimmen, 1968), La vergogna (Skammen, 1968), Passione (En Passion, 1969), L’adultera (Beröringen, 1971) e un film destinato alla televisione intitolato Rabies (1958).

Max von Sidow ne L'Esorcista
Max von Sidow nel suo ruolo più famoso, L’Esorcista di William Friedkin

Max von Sidow e Tom Cruise
Max von Sidow e Tom Cruise in Minority Report di Steven Spielberg

Nello stesso periodo lavorò anche per altri registi svedesi riuscendo ad acquisire sempre più notorietà e successo; elementi che gli permisero di varcare le porte di Hollywood a partire dal film La più grande storia mai raccontata (George Stevens, 1965) e di allontanarsi pian piano dalle produzioni svedesi e da Ingmar Bergman con cui c’erano state alcune discussioni.

Giunto in America, Max von Sydow decise di dedicarsi al cinema di genere. Interpretò numerosissimi ruoli tra i quali sicuramente lo ricordiamo vestito nei panni del sacerdote ne L’esorcista (William Friedkin, 1973) oppure quelli del killer in I tre giorni del Condor (Sydney Pollack, 1975).

Tra il 1976 e il 1977 fu attivo anche nel circuito cinematografico italiano, dove privilegiò le opere impegnate come Cadaveri eccellenti (Francesco Rosi, 1976), Cuore di cane (Alberto Lattuada, 1976), Il deserto dei Tartari (Valerio Zurlini, 1976), Gran bollito (Mauro Bolognini, 1977).

Max von Sidow ne Il Trono di Spade
Max von Sidow ne Il Trono di Spade

In seguito decise di esplorare il filone del fantastico lavorando per David Lynch in Dune (1984) e per Steven Spielberg nel film Minority Report (2002). Tra le sue ultime apparizioni va sicuramente ricordata la serie TV Game of Thrones, dove, per tre episodi, ricoprì il ruolo del Corvo con Tre Occhi (per i quali ottenne una nomination agli Emmy) e il settimo capitolo della fortunata saga di Star Wars.

La sua carriera l’ha relegato sempre ad interpretare ruoli tormentati e misteriosi, forse a causa dell’eredità raccolta da Bergman, oppure perché il suo volto scavato e la sua voce dal timbro profondo, misurata ed essenziale, si adattavano maggiormente a dei personaggi vissuti e consumati dal tempo; in ogni caso, proprio perché il suo ricordo non svanirà mai nel corso degli anni, siamo convinti che abbia vinto quella famosa partita a scacchi sulla spiaggia e che ora continui ad insegnarci una grande lezione di cinema.

Nicola

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Victim(s) recensione [FEFF 22]

Victim(s) recensione film di Layla Zhuqing Ji con Lu Huang, Remon Lim, Xianjun Fu, Wilson Hsu e Kahoe Hon secondo classificato al Far East...

Better Days recensione [FEFF 22]

Better Days recensione film di Derek Kwok-cheung Tsang con Zhou Dongyu, Jackson Yee, Yin Fang, Huang Jue, Wu Yue, Zhou Ye e Zhang Yifan Vincitore del...

Far East Film Festival 2020 vincitori: Better Days vince #FEFF22

Far East Film Festival 2020: vince Better Days (Cina) di Derek Kwok-cheung Tsang, secondo Victim(s) (Malaysia) di Layla Zhuqing Ji, terzo I WeirDO (Taiwan)...

Beasts Clawing at Straws recensione [FEFF 22]

Beasts Clawing at Straws recensione film di Young-hoon Kim con Do-yeon Jeon, Woo-sung Jung, Sung-woo Bae, Yeo-jeong Yoon e Man-sik Jeong Premiere italiana anche per il...

#HandballStrive recensione [FEFF22]

#HandballStrive recensione film di Daigo Matsui con Seishiro Kato, Kotaro Daigo, Himi Sato, Ryota Bando, Fuku Suzuki, Seimu Iwamoto e Miku Tanaka Daigo Matsui ha una...

The President’s Last Bang recensione [FEFF 22]

The President’s Last Bang recensione film di Sang-soo Im con Yoon-sik Baek, Suk-kyu Han, Jae-ho Song, Eung-soo Kim e Won-joong Jeong Per il bene della...

The Closet recensione [FEFF 22]

The Closet recensione film di Kwang-bin Kim con Jung-woo Ha, Nam-gil Kim, Yool Heo, Si-ah Kim, Hyun-bin Shin e Soo-jin Kim Prendendo The Closet come...

Dance with Me recensione [FEFF 22]

Dance with Me recensione film di Shinobu Yaguchi con Ayaka Miyoshi, Akira Takarada, Takahiro Miura e Yū Yashiro al Far East Film Festival 2020 Nei...

Romance Doll recensione [FEFF 22]

Romance Doll recensione film di Yuki Tanada con Issey Takahashi, Yū Aoi, Yasuhiro Koseki e Taki Pierre al Far East Film Festival 2020 Fa il suo...

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]

i-Documentary of the Journalist recensione documentario di Tatsuya Mori presentato al Far East Film Festival 2020 "Isoko Mochizuki sono io. Isoko Mochizuki è tutti noi. Un po'...