L'anno che verrà

L’anno che verrà recensione

L’anno che verrà recensione film di Grand Corps Malade e Mehdi Idir con Zita Hanrot, Liam Pierron, Soufiane Guerrab, Moussa Mansaly, Alban Ivanov, Antoine Reinartz e Redouane Bougheraba

Dalla Palma d’Oro vinta a Cannes nel 2008 da La classe – Entre les murs, il cinema francese ha mostrato negli anni una fascinazione per la rappresentazione del mondo scolastico, specialmente nelle realtà ai margini. La banlieue parigina è infatti diventata teatro di film in cui mettere in scena le differenze culturali, l’emarginazione e, alle volte, anche le possibilità di riscatto di alcuni ragazzi dotati di talento ma ingabbiati nella propria prigione sociale. Nelle tue mani o La mélodie sono solo due esempi recenti di un interesse che sta dando vita gradualmente a un vero e proprio filone, con risultati più o meno riusciti.

MadMass.it consiglia by Amazon

L’anno che verrà si immette in questa scia con un approccio tendente a un realismo molto più accentuato rispetto a quanto visto in passato. Un intero anno in una scuola media della periferia di Saint Denis presentato attraverso la prospettiva di chi la vive quotidianamente: docenti e alunni. Da una parte la giovane Samia, al primo anno come vicepreside nell’istituto e desiderosa di fare il possibile per dare supporto ai ragazzi in difficoltà; dall’altra Yanis, adolescente con grandi potenzialità ma segnato dalla mancanza del padre, finito in galera, e da una generale disillusione verso quello che sarà il suo futuro. In mezzo, una serie di personaggi a volte sfumati, a volte approfonditi, che danno struttura a un universo in cui si amplificano le problematiche della nostra società.

Zita Hanrot
Zita Hanrot

L'anno che verrà recensione
L’anno che verrà di Grand Corps Malade e Mehdi Idir

I registi, il poeta francese Grand Corps Malad e Mehdi Idir, pongono il loro sguardo al servizio di un racconto che non vuole riscrivere i codici del genere. Lavorando con attori non professionisti, traggono dalla loro spontaneità quelle scintille di realismo che rendono credibili le situazioni messe in scena. Non succede nulla di particolarmente destabilizzante in L’anno che verrà, non viene mai calcata la mano su situazioni eccessive o emotivamente forti: il cuore della narrazione è la quotidianità, gli scontri con l’insegnante di turno, le differenze di classe, il razzismo, la consapevolezza di essere lasciati ai margini da un sistema che ha già deciso tutto. Nonostante la sensazione di déjà-vu sia sempre dietro l’angolo, il film tiene proprio grazie alla sua profonda sincerità, all’aderenza a uno stile che vuole essere nient’altro che un pedinamento della realtà. Qua e là si palesa qualche semplificazione di senso, come se si volesse rendere il tutto volutamente comprensibile, che è da attribuire però anche alla veridicità dei protagonisti.

Nel complesso, L’anno che verrà è un film che, collocato in questo particolare periodo distributivo, sia per questioni stagionali che legate alla ripresa dopo il lockdown, potrebbe riuscire a trovare un suo pubblico di riferimento. Le sale hanno infatti bisogno di ripartire anche dal (buon) cinema medio.

Zita Hanrot
Zita Hanrot

L'anno che verrà recensione
L’anno che verrà di Grand Corps Malade e Mehdi Idir

Sintesi

Grand Corps Malad e Mehdi Idir rappresentano il mondo scolastico mettendo in scena le differenze culturali, il razzismo, l’emarginazione e le possibilità di riscatto degli alunni in un universo in cui si amplificano le problematiche della nostra società.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit [TFF 38]

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit con Fazlur Rahman Babu, Shatabdi Wadud e Titas Zia al Torino Film Festival 38 Si...

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu [TFF 38]

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh, Ya-Ling Chang, Ke-Li Miao, Yu Chieh Hsu presentato al Torino Film...

The Disaster Artist recensione film di e con James Franco

The Disaster Artist recensione del film diretto e interpretato da James Franco con Dave Franco, Alison Brie e Seth Rogen Nell'ormai lontano 2003, per la promozione del...

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu [TFF 38]

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu, Ciara Renée, Tzi Ma, Fiona Fu e Lynn Chen Fuori Concorso al...

Cinema News del 22 novembre [Rassegna Stampa]

Joaquin Phoenix protagonista del prossimo film di Ari Aster Channing Tatum mostro Universal con Phil Lord e Chris Miller Sia alla regia di...

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany e Sophia Lillis [Amazon Prime Video Anteprima]

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany, Sophia Lillis, Peter Macdissi, Judy Greer, Steve Zahn, Lois Smith e Margo Martindale Delicato road...

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez [TFF 38]

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez con Mercedes Hernández, David Illescas e Ana Laura Rodríguez “Tierra de oportunidades”: Magdalena riconosce in una...