The Midnight Sky: trama e cast del film di e con George Clooney e Felicity Jones su Netflix

The Midnight Sky: trama e cast del film diretto ed interpretato da George Clooney con Felicity Jones, David Oyelowo, Tiffany Boone e Kyle Chandler

Dopo Spiderhead del quale vi abbiamo appena scritto, Netflix produce anche un film di fantascienza di tutt’altro spessore: The Midnight Sky diretto ed interpretato da George Clooney e tratto da Good Morning, Midnight di Lily Brooks-Dalton.

The Midnight Sky: la trama

The Midnight Sky percorre due binari paralleli molto diversi: da una parte l’equipaggio dell’astronave Aether della NASA in rotta di collisione contro la Terra dopo aver esplorato una luna di Giove appena scoperta e capace di accogliere la razza umana, grazie ad un’atmosfera respirabile e ad un clima abitabile; dall’altra uno scienziato in fin di vita e una bambina affrontano brutali elementi artici sulla Terra morente devastata dalla glaciazione (alla Snowpiercer), cercando di accorrere in aiuto dell’astronave e del suo equipaggio al rientro sulla Terra.

George Clooney con David Oyelowo e Tiffany Boone. Credits: Philippe Antonello/NETFLIX ©2020
George Clooney con David Oyelowo e Tiffany Boone. Credits: Philippe Antonello/NETFLIX ©2020

George Clooney, nel ruolo di Augustine, interpreta e dirige The Midnight Sky. Cr. Philippe Antonello/NETFLIX ©2020
George Clooney, nel ruolo di Augustine, interpreta e dirige The Midnight Sky. Cr. Philippe Antonello/NETFLIX ©2020

Il cast: da George Clooney a Felicity Jones e David Oyelowo 

Gravity incontra The Revenant a detta dello stesso Clooney, paragone calzante considerato anche che lo sceneggiatore è proprio il co-autore di The Revenant, Mark L. Smith.
George Clooney interpreta lo scienziato astronomo Augustine Lofthouse, malato terminale che vive in una stazione di ricerca nel circolo polare artico. Potrebbe essere l’ultimo uomo sulla Terra, ma incontrerà sul suo cammino, reale o frutto della sua fantasia chissà, la piccola Iris (Caoilinn Springall).

Sull’astronave Aether in rotta di collisione con la Terra, il cui equipaggio scopre soltanto durante il rientro, in seguito al ripristino delle comunicazioni, che la Terra sta morendo a causa di un disastro climatico, troviamo la specialista di missione Sully (Felicity Jones) che cerca di ristabilire i contatti e trovare aiuto sulla Terra, il comandante Adewole (David Oyelowo) che cerca di salvare l’astronave dalle collisioni con le nuvole ormai divenute rocce ghiacciate dirigendola verso lo spazio ignoto, l’ingegnere Maya (Tiffany Boone, apprezzata in Hunters) responsabile di mantenere la navicella in funzione nonostante le avversità, mentre il pilota Mitchell (Kyle Chandler) e l’esperto di aerodinamica Sanchez (Demián Bichir) si interrogano se sia davvero la scelta giusta tornare a casa.

Felicity Jones (Sully) e David Oyelowo (Adewole). Cr. Philippe Antonello/NETFLIX ©2020
Felicity Jones (Sully) e David Oyelowo (Adewole). Cr. Philippe Antonello/NETFLIX ©2020

Kyle Chandler nel ruolo di Mitchell. Cr. Philippe Antonello/NETFLIX ©2020
Kyle Chandler nel ruolo di Mitchell. Cr. Philippe Antonello/NETFLIX ©2020

Vista la trama di The Midnight Sky, oltre a Gravity di Alfonso Cuarón e The Revenant di Alejandro González Iñárritu aggiungeremmo ai paragoni anche The 100 e Away.

Dolce curiosità: lo script è stato modificato durante la lavorazione del film poiché Felicity Jones è rimasta incinta, quindi per scelta di Clooney la sua protagonista Sully entrerà in gravidanza nello spazio, accudita dal “partner” David Oyelowo.

In allegato trovate alcune immagini in anteprima da Vanity Fair del nuovo film Netflix diretto ed interpretato da George Clooney, che dovrebbe essere distribuito in streaming entro la fine dell’anno e partecipare alla stagione dei premi cinematografici e degli Oscar in particolare, che quest’anno ricordiamo non prevedono l’obbligo di uscita in sala.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli