Film in uscita al cinema: Boys, La terra dei figli, Io sono nessuno e Peter Rabbit 2

Film in uscita al cinema nella settimana del 1 luglio: Boys, La terra dei figli, Dream Horse, Io sono nessuno, Peter Rabbit 2, Songbird, Agente Speciale 117 – Missione Cairo, FEFF on Tour e le altre uscite

Film in uscita al cinema dal 30 giugno

  1. Boys
  2. La terra dei figli
  3. Mi chiedo quando ti mancherò
  4. Dream Horse
  5. Io sono nessuno
  6. Peter Rabbit 2 – Un birbante in fuga
  7. State a casa
  8. Songbird
  9. Madre
  10. Agente Speciale 117 al Servizio della Repubblica – Missione Cairo
  11. Speciale FEFF On Tour
  12. Documentari e altre uscite

Boys

MadMass.it consiglia by Amazon

Film in uscita: Boys
Film in uscita: Boys

di Davide Ferrario scritto da Davide Ferrario e Cristiana Mainardi con Neri Marcorè, Marco Paolini, Giovanni Storti e Giorgio Tirabassi

Joe (Marco Paolini), Carlo (Giovanni Storti), Bobo (Giorgio Tirabassi) e Giacomo (Neri Marcorè) negli anni settanta erano The Boys, una band che aveva avuto un successo da meteora. Da allora, la notorietà è passata, ma i quattro sono rimasti amici, e, soprattutto, sono rimasti Boys dentro, sessantenni che non si sentono tali. Quando si presenta la possibilità di tornare on the road, si accorgeranno che i tempi sono cambiati, e avranno l’occasione di crescere insieme.
Davide Ferrario, regista di Tutti giù per terra e Dopo mezzanotte, torna a scrivere e dirigere un film non-documentario a otto anni da La luna su Torino. Cristiana Mainardi, co-autrice della sceneggiatura, aveva scritto assieme a Marco Tullio Giordana Nome di donna.
Le musiche sono di Mauro Pagani.

La terra dei figli

Film in uscita: La terra dei figli
Film in uscita: La terra dei figli

di Claudio Cupellini
scritto da Claudio Cupellini, Filippo Gravino, Guido Iuculano, dalla graphic novel di Gipi
con Leon de La Vallée, Paolo Pierobon, Maria Roveran, Fabrizio Ferracane, Maurizio Donadoni

Claudio Cupellini (Alaska, Una vita tranquilla, Lezioni di cioccolato) dirige e liberamente adatta (assieme agli usuali collaboratori Filippo Gravino e Guido Iuculano) La terra dei figli, romanzo grafico di Gipi, che racconta di un padre (Paolo Pierobon) ed un figlio (Leon de la Vallée, ossia il rapper Leon Faun), tra i pochi superstiti di un cataclisma che ha cancellato la civiltà moderna. Dalla loro palafitta, i due lottano per sopravvivere, conducendo un’esistenza nella quale ogni incontro con un altro essere umano può essere fatale. Per non gravare il ragazzo con le sue preoccupazioni, l’uomo tiene un diario, che il giovane non sa leggere.
Alla morte del padre, il ragazzo si mette in viaggio, deciso a correre i rischi necessari pur di trovare qualcuno che sappia interpretare i segni su quel quaderno.

Mi chiedo quando ti mancherò

Film in uscita: Mi chiedo quando ti mancherò
Film in uscita: Mi chiedo quando ti mancherò

di Francesco Fei
scritto da Chiara Barzini, Luca Infascelli e Francesco Fei, dal romanzo Wonder When You’ll Miss Me di Amanda Davis
con Beatrice Grannò, Federica Fracassi, Dragan Mishevski, Maruša Majer, Riccardo Alemanni

La scrittrice americana Amanda Davis, prima di morire prematuramente in un incidente aereo nel 2003, ha pubblicato una raccolta di racconti, Circling the Drain, ed un romanzo, Wonder When You’ll Miss Me, storia di una ragazza prima e dopo un significativo dimagrimento. Quella storia è diventata la trama di Mi chiedo quando ti mancherò, secondo lungometraggio ‘di finzione’ di Francesco Fei, dopo il suo Onde del 2005.
Scritto con la collaborazione di Chiara Barzini (Scusa ma ti chiamo amore, Magari) e Luca Infascelli (Scusa ma ti chiamo amore, Lasciami andare), il film sposta la vicenda in Italia, seguendo le storie di Amanda (Beatrice Grannò), sedicenne sovrappeso soggetta agli abusi di compagne e compagni di scuola, e di Annabella, diciassettenne che ha deciso di lasciare il paese (ed il Paese) e di unirsi ad una compagnia circense multiculturale assieme all’inseparabile amica Cicciona (Claudia Marsicano).

Dream Horse

Film in uscita: Dream Horse
Film in uscita: Dream Horse

di Euros Lyn
scritto da Neil McKay
con Toni Collette, Damian Lewis, Owen Teale, Joanna Page, Nicholas Farrell

Janet Vokes (Toni Collette), barista in una cittadina gallese, viene ispirata dai discorsi dei suoi avventori a tentare una carriera di allevatrice di cavalli da corsa: con scarsa esperienza (eccetto che con cani e piccioni) e ancor meno denaro, riesce a coinvolgere nel suo sogno la comunità della cittadina, fondando la Dream Partnership e crescendo il puledro Dream Alliance, sperando che diventi il suo Dream Horse.
I primi successi del cavallo rinsaldano lo spirito e la fiducia della cittadina, portando Janet e la sua partnership (incluso Damien Lewis) a sognare sempre più in grande.
Una storia vera, adattata dall’autore televisivo Neil McKay e diretta dal Gallese Euros Lyn, nello stile di altri film britannici che celebrano la tenacia dei sognatori della working class, da Full Monty a Fisherman’s Friends.

Io sono nessuno

Film in uscita: Io sono nessuno
Film in uscita: Io sono nessuno

di Ilya Naishuller
scritto da Derek Kolstad
con Bob Odenkirk, Aleksey Serebryakov, Connie Nielsen, Christopher Lloyd, Michael Ironside

Da Bob Odenkirk (Better Call Saul) non ci aspettiamo un film pieno di violenza e combattimenti all’ultimo sangue. Ma d’altro canto per un lungo periodo non ce lo aspettavamo neanche da Liam Neeson, e guardate com’è finita.
Dal regista di Hardcore!/Hardcore Henry (Ilya Naishuller) e dal creatore di John Wick (Derek Kolstad) arriva Io sono nessuno (Nobody), di fatto una variazione sul tema dell’uomo comune che subisce un torto e decide di farsi giustizia da sé (salvo scoprire che poi tanto comune l’uomo non era), con l’aggiunta di un pizzico di History of Violence: Hutch Mansell (Odenkirk), marito e padre qualunque, reagisce passivamente (e, diremmo, ragionevolmente) ad un’effrazione, mantenendo un profilo basso per proteggere la sua famiglia. Passato il peggio, scopre di aver perso il rispetto del figlio (Gage Munroe) e della moglie (Connie Nielsen): rabbia e frustrazione faranno tornare a galla abilità e atteggiamenti del suo passato da agente CIA… con conseguenze sanguinose, soprattutto per la mafia russa capeggiata da Yulian Kuznetsov (Aleksei Serebryakov).
Christopher Lloyd interpreta il padre di Hutch, Michael Ironside suo suocero.

Peter Rabbit 2 – Un birbante in fuga

Film in uscita: Peter Rabbit 2 - Un birbante in fuga
Film in uscita: Peter Rabbit 2 – Un birbante in fuga

di Will Gluck
scritto da Will Gluck e Patrick Burleigh, dai libri di Beatrix Potter
con Rose Byrne, Domhnall Gleeson, David Oyelowo

Continuano le avventure di Peter Rabbit, il personaggio dei libri di Beatrix Potter già portato nel mondo live-action tre anni fa da Will Gluck. Peter Rabbit 2Un birbante in fuga (Peter Rabbit 2: The Runaway) è ancora diretto e sceneggiato da Gluck (con la collaborazione questa volta di Patrick Burleigh, co-autore del prossimo The Eternals), e vede sullo schermo, tra i personaggi in carne ed ossa, ancora Domhnall Gleeson (Thomas) e Rose Byrne (Bea), affiancati da David Oyelowo, che interpreta Nigel, l’editore dei libri per ragazzi scritti da Bea ed ispirati alle avventure di Peter.
Sconvolto dal fatto che Nigel veda in lui il cattivo della storia, Peter (come già il maialino Babe prima di lui) va in città dove resterà implicato in una nuova avventura, mentre Thomas e Bea sono preoccupati che il contratto editoriale possa snaturare i racconti e trasformarli in una proprietà intellettuale da ‘spremere’ in tutti i modi possibili (ironia!).

State a casa

State a casa
State a casa

scritto e diretto da Roan Johnson
con Dario Aita, Tommaso Ragno, Giordana Faggiano, Lorenzo Frediani, Martina Sammarco

La pandemia e il lockdown fanno da sfondo a State a casa, nuovo film di Roan Johnson (con la ‘o’), già regista di Piuma e Fino a qui tutto bene.
State a casa racconta di quattro giovani coinquilini, costretti dalle misure sanitarie nel loro appartamento romano, che vedono la relazione con il loro ambiguo padrone di casa (Tommaso Ragno) deteriorarsi rapidamente, con conseguenze che potrebbero essere fatali.

Songbird

Film in uscita: Songbird
Film in uscita: Songbird

di Adam Mason
scritto da Adam Mason e Simon Boyes
con KJ Apa, Sofia Carson, Craig Robinson, Bradley Whitford, Peter Stormare, Paul Walter Hauser, Demi Moore

Nel caso aveste ancora voglia di sentir parlare di pandemia, è in uscita Songbird, del duo Adam Mason (regista e co-sceneggiatore) e Simon Boyes (co-sceneggiatore), già autori nel 2015 di Hangman.
Songbird profetizza che, nel 2024, il virus che ci ha frustrato per quest’ultimo anno e mezzo sarà ancora in circolazione, facendosi chiamare Covid–23, e sarà diventato ancora più mortale, tanto che la città di Los Angeles avrà creato dei campi di internamento per gli ammalati.
Se questa premessa non vi ha scoraggiato, potete allora fare la conoscenza del fattorino Nico (KJ Apa), per sua fortuna immune, che scorrazza (per lavoro) per la città, amoreggiando nel frattempo via smartphone con l’artista Sara (Sofia Carson), che vive, assieme alla nonna, rinchiusa nel proprio appartamento. Quando la nonna di Sara, tradita da un momento di compassione, si ritroverà infetta e minacciata dalle squadre operative dell’ufficio d’igiene guidato da Emmet Harland (Peter Stormare), Nico prometterà di fare l’impossibile per salvare la sua bella.
A complicare la vicenda, la potente famiglia di Demi Moore e Bradley Whitford, frequenti clienti di Nico: i due hanno probabilmente qualcosa da nascondere.

Madre

Film in uscita: Madre
Film in uscita: Madre

di Bong Joon-ho
scritto da Bong Joon-ho e Park Eun-kyo
con Kim Hye-ja, Won Bin, Jin Goo, Yoon Je-moon, Jeon Mi-seon
🏆 Vincitore del Grand Bell Award per il Miglior Attore Non Protagonista (Jin Goo), e del Korean Association of Film Critics Awards come Miglior Film, Miglior Sceneggiatura e Miglior Attrice (Kim Hye-ja)

Dopo il trionfo di Parasite, il recupero del catalogo di Bong Joon-ho porta in sala Madre (Madeo), opera del 2009 che racconta la storia di una vedova (Kim Hye-ja) la cui esistenza è totalmente dedicata al figlio Yoon Do-joon (Won Bin), troppo semplice per cavarsela da solo nella vita di tutti i giorni. Quando il ragazzo viene accusato dell’omicidio di una ragazza, e la polizia sembra accontentarsi della soluzione più rapida, la donna si incarica di provarne l’innocenza, con l’aiuto dello sfaccendato Jin-tae (Jin Goo).

Agente Speciale 117 al Servizio della Repubblica – Missione Cairo

Agente Speciale 117 al Servizio della Repubblica - Missione Cairo
Agente Speciale 117 al Servizio della Repubblica – Missione Cairo

di Michel Hazanavicius
scritto da Michel Hazanavicius e Jean-François Halin, dai romanzi di Jean Bruce
con Jean Dujardin, Bérénice Bejo, Aure Atika, Philippe Lefebvre, Constantin Alexandrov
🏆 Vincitore del César 2007 per la Miglior Scenografia (Maamar Ech-Cheikh)

Prima di The Artist, il regista e autore Michel Hazanavicius e gli interpreti Jean Dujardin e Bérénice Bejo avevano collaborato, nel 2006, per rivitalizzare la saga spionistica francese dell’Agente Speciale OSS 117.
L’agente speciale OS 117 al servizio dell’Office of Strategic Service, al secolo Hubert Bonisseur de la Bath, nato nel 1949 dalla penna di Jean Bruce (pochi anni prima che Ian Fleming pubblicasse Casino Royale), era già stato protagonista di otto film realizzati a partire dal 1957 (cinque anni prima che Dr. No facesse la sua comparsa sugli schermi), periodo durante il quale le vicissitudini produttive di questa serie di pellicole si incrociarono più volte con quelle del suo oggi più noto omologo britannico: il regista di Licenza di uccidere e Dalla Russia con Amore, Terence Young, co-sceneggiò OSS 117 a Tokyo si muore del 1966, portando l’agente speciale a Tokyo un anno prima che James Bond ci arrivasse con Si vive solo due volte, mentre il protagonista del film successivo (Niente rose per OSS 117), John Gavin, fu scritturato per interpretare 007 in Una cascata di diamanti… prima di venire scaricato in favore di un redivivo Sean Connery.
La serie esaurì la sua spinta creativa e l’interesse del pubblico nei primi anni ’70, finché, più di trent’anni dopo, Hazanavicius decise di riportare sullo schermo Hubert Bonisseur de la Bath, dandogli una svolta decisamente parodistica e la faccia (con tutto il rispetto) da schiaffi di Dujardin, e strizzando l’occhio allo stile degli 007 classici.
Il primo di questi film, Agente Speciale 117 al Servizio della Repubblica – Missione Cairo (OSS 117: Le Caire, nid d’espions) porta l’agente, appunto, nel nido di spie che è la capitale egiziana nel 1955, frequentata da doppiogiochisti del blocco occidentale e del blocco comunista, agitata dai monarchici che sostengono il tentativo di Re Faruq di ripristinare la monarchia, da una setta religiosa – le Aquile di Cheope -, e finanche da un gruppo di Nazisti: Hubert Bonisseur de la Bath, sotto la copertura di un’impresa di allevamento di pollame, viene incaricato di riportare l’equilibrio nel Medio Oriente.
I Wonder Pictures inizia il primo luglio la pubblicazione dei film della serie, che proseguirà con Missione Rio alla fine del mese, e si concluderà con il terzo capitolo, Allarme rosso in Africa (per la regia di Nicolas Bedos), dopo la sua presentazione come film di chiusura a Cannes 2021.

Speciale FEFF On Tour

FEFF on Tour
FEFF on Tour

Come evidente dalle nostre pagine, è in corso (dal 24 giugno al 2 luglio) la ventitreesima edizione del Far East Film Festival di Udine, del quale quest’anno MadMass.it è orgoglioso di essere Media Partner.
In concomitanza con la conclusione della manifestazione, dal 2 luglio il FEFF e Tucker Film portano al cinema due delle pellicole protagoniste del Festival l’anno scorso e due dei film presentati quest’anno.

Better Days di Derek Tsang, film di Hong Kong vincitore del FEFF del 2020 e successivamente candidato all’Oscar come Miglior Film Straniero, racconta della liceale Chen Nian (Dongyu Zhou), stressata dagli esami di fine corso e allo stesso tempo perseguitata da un gruppo di coetanee prepotenti, che troverà un inatteso protettore nel delinquente Xiao Bei (Jackson Yee). Il film è stato recensito l’anno scorso da Sergio.

Ancora dal 2020 ritorna il Taiwanese I WeirDo di Liao Ming-yi, che su un iPhone ha girato la storia di Chen Po-Ching (Austin Lin) e Chen Ching (Nikki Hsieh), un lui ed una lei che il mondo considera ‘strambi’ per via della loro germofobia ossessivo-compulsiva: il loro incontro li farà sentire finalmente apprezzati ed accettati, e cambierà le loro vite. Alessandro scrisse la recensione di MadMass.it durante il FEFF 22.

In Wheel of Fortune and Fantasy, premiato con l’Orso d’Argento a Berlino 2021, il regista giapponese Ryûsuke Hamaguchi illustra, in tre episodi (o tre ‘movimenti’), gli effetti della casualità e delle coincidenze sulla vita di tre donne (Kotone Furukawa, Kiyohiko Shibukawa, Fusako Urabe).

Altra novità del FEFF 23 è infine Shock Wave 2, nel quale il regista cinese Herman Yau e la star Andy Lau danno un seguito alla storia dell’esperto artificiere Poon Shing Fung (apparso nel primo Shock Wave, nel 2017), che questa volta non soltanto viene colpito dalla deflagrazione di una bomba, ma è anche sospettato di esserne il responsabile. Marco ha visto e recensito il film.

Documentari e altre uscite

La grande staffetta, di Francesco Mansutti e Vinicio Stefanello, racconta l’iniziativa svoltasi da Luino a Santa Maria di Leuca nel giugno 2020, per celebrare l’uscita dal (primo) lockdown e dare un segnale di vitalità e coraggio a tutto il Paese: una lunga staffetta, percorsa in bicicletta, handbike e carrozzina olimpica, da 51 atleti di Obiettivo 3, il progetto ideato da Alex Zanardi per valorizzare e sostenere gli sportivi portatori di disabilità. L’iniziativa sportiva ebbe poi un risvolto drammatico a causa dell’incidente che coinvolse lo stesso Zanardi, che restò per mesi in coma farmacologico, fino a finalmente riprendere coscienza lo scorso gennaio.

Evangelion: Death (True)²/The End of Evangelion
Evangelion: Death (True)²/The End of Evangelion

Nexo Digital porta in sala per tre giorni, da 28 al 30 giugno, Evangelion: Death (True)²The End of Evangelion, realizzati da Hideaki Anno come finale alternativo/integrativo della serie tv di animazione giapponese Neon Genesis Evangelion. Da sottolineare che il doppiaggio sarà quello originale, anziché i contestati nuovi adattamenti che scandalizzarono i fan due anni fa.
Il sito Nexo elenca i cinema partecipanti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli