Snowpiercer

Snowpiercer Netflix recensione prima stagione completa serie TV Episodi 6-10

Snowpiercer Netflix: recensione serie TV con Jennifer Connelly, Daveed Diggs, Mickey Sumner, Iddo Goldberg, Alison Wright, Sheila Vand e Lena Hall

Keep the faith,
and you just remember that
his engine always provides.
So find someone
and hold them close.
And please, stay warm.
(Snowpiercer)

Abbiamo avuto il piacere di completare in anteprima e con due mesi di anticipo la visione di Snowpiercer, la nuova serie Netflix creata da Graeme Manson e tratta dalla graphic novel di fantascienza Le Transperceneige di Jacques Lob e Jean-Marc Rochette, già approdata sul grande schermo con Chris Evans, Ed Harris, Tilda Swinton e Song Kang-ho diretti da Bong Joon-ho al suo primo film in lingua inglese.

Il finale di stagione conferma e amplifica le nostre buone impressioni iniziali, espresse nella recensione in anteprima dei primi cinque episodi della serie disponibile su Netflix.

Snowpiercer: la timeline ufficiale
Snowpiercer: la timeline ufficiale tra graphic novels, serie TV e film

Lena Hall
Lena Hall

Attraverso la timeline ufficiale della saga letteraria, i cui diritti sono detenuti da Titan Comics e che vedrà la pubblicazione di ben sei nuove graphic novels, possiamo inoltre incastrare lo show televisivo ben otto anni prima del lungometraggio di Bong Joon-ho il che, al di là dell’estendere per fini commerciali il franchise, stuzzica decisamente l’interesse verso una storia che, dietro al velo dello scenario post-apocalittico, mette a nudo la nostra complessa umanità, dove siamo tutti uguali ma c’è sempre qualcuno più uguale degli altri, dove viviamo tutti sotto lo stesso cielo ma c’è sempre qualcuno che alla fine non riesce a respirare – RIP George Floyd, ucciso il 25 maggio 2020 a Minneapolis da un poliziotto assassino ed infedele – dove siamo tutti generosi a parole ma classisti nell’anima, dove siamo pronti a tutto pur di scavalcare il prossimo per salire su un treno di opportunità che ci doni benessere e aumenti il divario tra noi e gli altri, spesso in sfregio alle regole della società e del vivere comune dalle quali pretendiamo di trarre solo (ingiusti) vantaggi, costi quel che costi e purché il prezzo del nostro benessere ricada sui meno scaltri o “uguali”.

È il momento che il treno funzioni per tutti allo stesso modo.
Oggi marciamo fino alla locomotiva.
Un solo fondo… No! un solo treno!
(Daveed Diggs, Snowpiercer)

La locomotiva di Wilford
La locomotiva di Wilford

Daveed Diggs
Daveed Diggs

Snowpiercer rappresenta il treno dell’umanità, la nostra umanità perduta alla ricerca della felicità più fuggevole e vanagloriosa, ben lontani dal coraggio dei macchinisti che tengono il mondo in vita anteponendo le esigenze del treno alla loro felicità. Persino in un mondo morente non riusciremmo probabilmente ad unirci per il bene comune perché troppo forte e prepotente è la convinzione che unire le classi non funzionerà mai.

La smagliante Jennifer Connelly ci accompagna verso un finale di stagione teso e in crescendo che apre a nuovi, avvincenti scenari e che ci spinge ad andare avanti con la narrazione così come prosegue la marcia del treno che ospita quel che resta dell’umanità, esattamente come dovremmo andare avanti noi nella nostra umanità e nel nostro vissuto quotidiano, con maggiore consapevolezza delle scelte che facciamo e con il coraggio di decidere cos’è giusto e cos’è sbagliato, a prescindere dalle conseguenze per noi. Utopia.

Le nostre scelte ci hanno portato sin qui.
Sapevamo da decenni del cambiamento climatico,
eppure… eccoci qui.
(Jennifer Connelly, Snowpiercer)

Sintesi

La conclusione della prima stagione di Snowpiercer conferma e amplifica le nostre buone impressioni iniziali: dietro al velo dello scenario post-apocalittico, la serie Netflix creata da Graeme Manson mette a nudo la nostra complessa umanità, perduta alla ricerca della felicità più fuggevole e vanagloriosa ed incapace di perseguire il bene comune, accompagnandoci verso un finale teso e in crescendo che apre a nuovi ed avvincenti scenari.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli