The Last Planet, il nuovo progetto di Terrence Malick sulla vita di Gesù

Terrence Malick dirigerà The Last Planet
Terrence Malick - The Last Planet sulla vita di Gesù

A pochi mesi dall’uscita de La vita nascosta – Hidden Life, Terrence Malick è già all’opera su un nuovo progetto con un cast assolutamente eccezionale. The Last Planet è il titolo del film di cui Malick è regista e sceneggiatore. Della trama in sé si sa poco: secondo alcune indiscrezioni il film parla della vita di Gesù Cristo attraverso una serie di parabole.

E se A Hidden Life sta ancora riscuotendo un buon successo di pubblico e critica – tanto che la Fox Searchlight ha deciso di distribuire il film nei cinema americani a partire dal 13 dicembre – si sa poco dei finanziamenti di questo The Last Planet. Oltre le indiscrezioni della trama e i nomi di una parte del cast, sappiamo solo che verrà in parte girato in Italia.

Géza Röhrig, protagonista de Il figlio di Saul, film vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria a Cannes nel 2015 e dell’Oscar 2016 come miglior film straniero, interpreterà la figura di Cristo. Con lui, però, sono molti i nomi di eccezione: da Ben Kingsley a Joseph Fiennes, da Matthias Schoenaerts a Mark Rylance, fino all’ultimo, annunciato proprio in questi giorni, Aidan Turner.

Mark Rylance ha da poco parlato al The Guardian del suo personaggio nel film, Satana, e di come Terrence Malick lo ha pensato: “Terry ha scritto quattro versioni diverse del mio personaggio. Pensavo che avrei interpretato solo una di queste quattro, poi però ho capito che le avrei dovute fare tutte. Una di queste ad un certo punto sembra sia stata una versione femminile, ma quando poi mi ha chiesto di farmi crescere la barba ho capito che non avrei dovuto interpretarla in quel modo. Sono felice di recitare per Terrence Malick, ma sono curioso. Mi hanno detto che è uno che parla molto sul set. Io vengo dal teatro, dove nessuno ti dice cosa fare mentre sei in scena. I suoi film, però, mi hanno sempre incuriosito”.

È ancora presto per poter parlare più approfonditamente del progetto in cui Malick ha deciso di lanciarsi. Certo è che si tratta di un’opera ambiziosa che potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio per il regista americano.