Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli

Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli recensione film con Simu Liu e Awkwafina [Anteprima]

Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli porta una boccata d'aria fresca nel Marvel Cinematic Universe: la recensione

Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli recensione film di Destin Daniel Cretton con Simu Liu, Tony Leung, Awkwafina, Michelle Yeoh e Meng’er Zhang

Chi è addentro all’Universo Cinematografico Marvel ha un’idea ben precisa di quanto può aspettarsi da una produzione di questo tipo, dato che il conglomerato di film e prodotti d’intrattenimento realizzati sotto l’attenta direzione di Kevin Feige e vigilati dalla casa madre Disney hanno tutti uno stile ben preciso, che rende le singole pellicole facilmente associabili e identificabili come un unicum esperienziale. Con il tempo, tuttavia, il pubblico deve vedere un’evoluzione rispetto a quanto abituato, altrimenti potrebbe iniziare a considerare il tutto abbastanza stucchevole, con la relativa fascinazione iniziale destinata a scemare. Ciò può portare al raggiungimento di diverse vie, che comprendono l’introduzione di nuovi volti o anche una lieve variazione sul tema stilistico, che spinga lo spettatore a riconoscere l’universo di appartenenza, ma a considerarla comunque una boccata d’aria fresca in grado di tornare a stupire con elementi rinnovati; una sorta di restauro capace di dare nuovo lustro a una creazione che inizia a mostrare il peso degli anni.

Questo è quanto accade dopo aver visto Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli, ovvero trovarsi al cospetto di qualcosa di estremamente familiare, ma in grado di scovare un modo rinnovato di esprimere i suoi intenti, quali l’intrattenimento ipercinetico, il richiamo nostalgico e la costruzione di un nucleo famigliare eterogeneo in continua espansione, sdoganato dall’ottemperamento tirannico dettato dal binarismo normativo.

Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli recensione film Marvel
Simu Liu è il protagonista di Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli (Credits: Marvel Studios)

Tony Leung e Michelle Yeoh
Tony Leung e Michelle Yeoh (Credits: Marvel Studios)

Come la maggior parte delle pellicole focalizzate su eroi mai apparsi prima nell’MCU, la storia segue l’ascesa di Shang-Chi (Simu Liu), figlio di un potente signore della guerra reso immortale da Dieci Anelli dalle caratteristiche soprannaturali.
Quando c’è di mezzo una relazione padre/figlio che porta all’associazione tra bene e male, solitamente la cosa si risolve in un’incomunicabilità di fondo che porta i due agli antipodi. Anche in questo caso accade qualcosa di simile, ma non totalmente, merito di una non banale attenzione alle relazioni tra i vari personaggi.

Nonostante venga presentato come un uomo assetato di potere, il cattivo di turno (che possiamo identificare come il vero Mandarino, per intenderci), interpretato da un Tony Leung sensazionale, presenta diverse sfaccettature e uno spessore che non è facile trovare nella maggior parte degli antagonisti della Marvel cinematografica.

Tony Leung e Michelle Yeoh
Tony Leung e Michelle Yeoh (Credits: Marvel Studios)

Meng'er Zhang
Meng’er Zhang (Credits: Marvel Studios)

Le relazioni che si intessono e si disvelano durante il film, pur non essendo estremamente originali e inaspettate, attribuiscono una certa complessità caratteriale ai personaggi, che ne escono rafforzati e ben congegnati. Tuttavia, a rubare la scena è proprio il villain di Tony Leung, ma forse non tanto per la scrittura, quanto per la forte presenza scenica e l’indole carismatica dell’attore, in grado di far focalizzare l’attenzione su di lui ogni volta che entra in campo (e al quale forse proprio per questo è stato dato così ampio spazio).

Per il resto, troviamo tutte le varie “balene bianche” che Disney insegue con ardore da qualche anno, tra cui personalità femminili forti ed emancipate (qualità incarnate principalmente dalla sorella di Shang-Chi, Xialing, egregiamente portata sullo schermo da Meng’er Zhang) e inclusività senza limitazioni, con grande attenzione (forse anche troppa) per una rappresentazione priva di stereotipi che valorizzi la tradizione, ma che guardi anche al sentimento (tutto occidentale) di una globalizzazione capace di abbattere barriere e divergenze culturali, così da portare uguaglianza e pari opportunità per ogni individuo (sotto lo stendardo a stelle e strisce di un’America che si prefigge sempre e comunque come centro dell’attenzione universale, anche quando l’azione si svolge altrove).

Awkwafina e Meng'er Zhang
Awkwafina e Meng’er Zhang (Credits: Marvel Studios)

Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli recensione film Marvel
Tony Leung, Meng’er Zhang, Simu Liu e Awkwafina (Credits: Marvel Studios)

A livello visivo Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli “picchia forte”. Pur rimanendo fotograficamente abbastanza affine a quanto la Marvel ci ha abituato negli ultimi dieci anni, il film spicca per una marcata dinamicità e una coreografia dei combattimenti che fa tornare la mente ai classici del genere wuxia (pur scendendo a compromessi con le dinamiche produttive hollywoodiane).

Queste immagini ipercinetiche, che portano la firma di un cineasta da tenere sott’occhio, Destin Daniel Cretton (la cui attenzione alle relazioni tra individui già dimostrata in una piccola perla cinematografica come Short Term 12 trova efficacemente sfogo in alcuni dei momenti più emotivamente carichi della pellicola), raggiungono la compattezza necessaria grazie al fiore all’occhiello di questa produzione Marvel: la magnifica colonna sonora composta da Joel P. West (già collaboratore del regista). Proprio grazie a tale connubio orchestrato con maestria, il film è in grado di proporre un alto taso di spettacolarità senza sfociare nell’eccesso audivisivo, trovando un equilibrio interno capace di stupire ed esaltare per la maggior parte della visione.

Sintesi

Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli è esattamente ciò di cui la Marvel aveva bisogno, ovvero una via alternativa all’ormai stantia dinastia degli Avengers. Serviva una svecchiata e la regia di Destin Daniel Cretton è stata in grado di adempiere a questo compito in modo inaspettato, portando il wuxia nuovamente all’attenzione del cinema hollywoodiano e ibridandolo alla perfezione con la tradizione supereroistica cinematografica, all'ombra della quale si cela il ghigno sornione della Disney. Una boccata d’aria fresca per questo rinnovato Universo, dal quale, arrivati a tal punto, iniziamo ad aspettarci una vera e propria rivoluzione interna, capace di superare la vecchia e segnata traiettoria del mero intrattenimento per puntare verso direzioni inesplorate.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli