The Deep

The Deep recensione

The Deep recensione del film di Baltasar Kormákur con Ólafur Darri Ólafsson, Stefan Hallur Stefánsson, Joi Johannsson e Thora Bjorg Helga

Pellicola drammatica girata in Islanda, tratta da una storia vera e sconvolgente, The Deep ruota intorno a quella che sembra essere più una leggenda che un evento reale. Nelle isole Vestmann in una notte del gelido inverno del 1984, un peschereccio si inabissa lontano dalla costa. I membri dell’equipaggio, nonostante i molti tentativi per cercare di salvarsi, muoiono nelle acque congelate dell’oceano. Solo un uomo riesce a salvarsi: Gulli (Ólafur Darri Ólafsson). Nuotando e camminando per ore ed ore nel clima rigido dell’Islanda, Gulli riesce a tornare a casa e a scatenare la sorpresa di tutti. La comunità scientifica tenta quindi di giungere ad una risposta, seppur tale obiettivo risulti quasi impossibile.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Ólafur Darri Ólafsson
The Deep recensione del film di Baltasar Kormákur con Ólafur Darri Ólafsson

Joi Johannsson e Thora Bjorg Helga
Joi Johannsson e Thora Bjorg Helga

MadMass.it consiglia (by Amazon)

La regia di Kormákur è carica di mezzi primi piani e di molti dettagli, soprattutto nella prima parte della pellicola. La macchina da presa cerca di rimanere molto vicina ai personaggi che vuole presentare al pubblico e man mano che la storia si evolve la visuale si allontana. Durante la terribile disavventura di Gulli le inquadrature lo ritraggono come un piccolo puntino immerso in acque gelide ed ostili.

La realtà che viene rappresentata, quella delle isole Vestmann, è una realtà fredda, piccola, scura e per questo soffocante. La fotografia chiaramente non punta ad avere colori accesi ma vira verso colori scuri e spenti, capaci di rappresentare perfettamente l’atmosfera. I ritmi della narrazione sono lenti, apatici. Un po’ per favorire un’idea reale della vita dei marinai e della terribile esperienza del protagonista, un po’ perché il film non alleggerisce in alcun modo una storia che di dinamico già non ha molto. Forse questa è la vera pecca di The Deep, una narrazione che tende a tediare a lungo andare.

Thora Bjorg Helga
Thora Bjorg Helga

The Deep recensione
The Deep di Baltasar Kormákur

Gulli, l’unico superstite della tragedia, è stato sei ore in mare in pieno inverno ed è riuscito a camminare per più di due ore a piedi scalzi, sul terreno ghiacciato. Tutti sono sorpresi da un evento così unico, definibile come impossibile. Persino la televisione si avvicina al caso. Nessuno riesce a spiegare come un fatto del genere sia fisicamente possibile. La comunità scientifica inizia a studiare Gulli per comprendere un fenomeno tanto singolare. Il corpo del sopravvissuto sembra poter nascondere qualcosa che spieghi quello che appare come un “miracolo”. Tutti intorno a lui lo ritengono “qualcuno di speciale”, ma l’uomo si sente una persona qualsiasi. Una persona comune che ha tentato con tutta se stessa di combattere per la sua vita.

Valentina

Sintesi

Tratto da una storia vera e sconvolgente, The Deep narra quella che sembra essere più una leggenda che un evento reale, unico e apparentemente impossibile, la storia di una persona comune che ha tentato con tutta se stessa di combattere per la sua vita sopravvivendo sei ore in mare in pieno inverno. La regia di Kormákur è dettagliata e carica di mezzi primi piani, la realtà delle isole Vestmann è rappresentata come fredda, scura e soffocante, in una narrazione lenta e apatica che tende a tediare a lungo andare.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Siberia recensione film di Abel Ferrara [Venezia 77]

Siberia recensione film di Abel Ferrara con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac e Valentina Rozumenko Voglio vedere se possiamo raffigurare cinematograficamente...

Il re di Staten Island recensione

Il re di Staten Island recensione film di Judd Apatow con Pete Davidson, Marisa Tomei, Steve Buscemi, Bill Burr, Bel Powley, Maude Apatow e...

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto: il prequel drammatico di Willy il Principe di Bel-Air, la trilogia Fear Street sbarca su Netflix, il trailer...

Lovecraft Country recensione serie TV Episodi 1-5 [Anteprima]

Lovecraft Country recensione della serie TV di Misha Green con Jurnee Smollett, Jonathan Majors, Courtney B. Vance, Aunjanue Ellis, Abbey Lee, Jada Harris, Wunmi Mosaku,...

Cine Rassegna Stampa 11 agosto

Cine Rassegna Stampa 11 agosto: Jared Leto protagonista del terzo capitolo di Tron e del biopic su Andy Warhol, Madonna e Diablo Cody per...

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto: Ben Affleck alla regia di The Big Goodbye sulla storia della realizzazione di Chinatown, Jonas Cuarón dirige un...

Caleb recensione [Anteprima]

Caleb recensione del film diretto ed interpretato da Roberto D'Antona con Annamaria Lorusso, Francesco Emulo, Alex D'Antona, Nicole Blatto e Natalia Moro Quello di Roberto D'Antona...

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...