Cursed

Cursed Netflix recensione serie TV [Anteprima]

Cursed Netflix recensione serie TV di Tom Wheeler con Katherine Langford, Devon Terrell, Gustaf Skarsgård, Shalom Brune-Franklin, Daniel Sharman, Bella Dayne, Peter Mullan, Sebastian Armesto e Lily Newmark

Siamo nati nell’alba per morire nel crepuscolo.
(Cursed)

Netflix diventa sempre più la casa del fantasy grazie alla risurrezione e rivoluzione della serialità compiuta dalla piattaforma streaming: dalla scomparsa all’inizio degli anni Duemila – dai grandi ascolti in prima serata con le serie cult Hercules, Xena – Principessa guerriera, Streghe alla bocciatura pomeridiana, quindi lo slittamento alla mattina per poi sparire dai palinsesti in chiaro – al timido ed occasionale ritorno in pay TV e a Merlin, in uno scenario nel frattempo saturo di vampiri, zombie, drama e action supereroistico e non, Netflix ha dimostrato negli ultimi anni una predilezione particolare per il fantasy, prima salvandolo come nel caso di C’era una volta, poi rinnovandolo con la coraggiosa Dark Crystal – La resistenza, quindi riportandolo in auge e sulla bocca di tutti, ai vertici assoluti della serialità con The Witcher.

E adesso, Cursed: a metà tra Carnival Row (Amazon) e The Witcher, la serie originale Netflix rifiuta gli stereotipi del genere proponendo protagoniste dai canoni di bellezza, fisicità ed emotività assai lontani dal passato, pensiamo ad esempio a Xena e Olimpia e a quanto Nimue (Katherine Langford) e Pym (Lily Newmark) ne siano distanti.

Cursed Netflix recensione serie TV
Katherine Langford e Catherine Walker

Cursed Netflix recensione serie TV
Lily Newmark è Pym

La tua è una ricerca o soltanto una fuga? A volte si somigliano, sai.
(Lily Newmark è Pym)

Tom Wheeler, autore del romanzo omonimo illustrato dal maestro Frank Miller e contemporaneamente showrunner della serie, ideata dai due e seguita anche in qualità di produttori esecutivi in una lavorazione pressoché parallela tra libro e serie, rivisita in modo affascinante la leggenda arturiana focalizzandosi sulla figura della Dama del Lago Nimue, appartenente alla mitologia greca e romana e riproposta nel corso dei secoli con origini e peculiarità diverse.

Tra fuga e ricerca, rabbia e coraggio, disperazione e speranza, la Nimue di Cursed rivendica a sé la leggendaria spada ancestrale dei primi re – non Excalibur bensì Dente del Diavolo – come spada della prima regina, per diradare l’oscurità e riportare la luce su un mondo perduto nell’odio e nell’intolleranza.

Gustaf Skarsgård è il Mago Merlino
Gustaf Skarsgård è il Mago Merlino

Katherine Langford e Devon Terrell
Katherine Langford e Devon Terrell

La rabbia è la pietra focaia che ti accende, ma ci sono altri modi.
Crea un’intenzione, e cedi quell’intenzione agli occulti.
(Gustaf Skarsgård è Merlino)

Talento prolifico tra romanzi e audiovisivo, già sceneggiatore de Il gatto con gli stivali, Tom Wheeler preserva il fascino del mondo arturiano stravolgendone in modo accattivante mitologia e caratteristiche dei protagonisti, dal manipolatore subdolo e ubriacone Merlino (Gustaf Skarsgård) al ladro e tagliagole Artù (Devon Terrell), dal mito dell’ultraterrena Fata Morgana alle origin story di Parsifal, Lancillotto e Ginevra.

Seppur con un budget decisamente inferiore a The Witcher, in particolare per effetti speciali visivi e coreografie e che in qualche circostanza potrebbe apparire un freno alle ambizioni dello show, e nonostante qualche timore di troppo nel percorrere con decisione le derive horror come invece già magistralmente fatto da The Witcher, mentre qui accade soltanto sporadicamente come nell’episodio in cui Merlino si reca nel regno dei lebbrosi di re Rugen (Ólafur Darri Ólafsson), Cursed sa conquistare autorevolezza di episodio in episodio in un crescendo narrativo capace di assemblare un solido universo di personaggi e situazioni, non limitandosi ad una narrazione auto conclusiva bensì seminando tanti elementi di una mitologia complessa ed intrecciata com’è del resto quella millenaria della leggenda di re Artù e dei suoi cavalieri.

Daniel Sharman è il Monaco Piangente
Daniel Sharman è il Monaco Piangente

Shalom Brune-Franklin
Shalom Brune-Franklin

– È così che misuri il valore di un uomo, in castelli?
– In terreni? In titoli? È questa l’usanza comune.
– Tu non sei comune.
(Shalom Brune-Franklin e Devon Terrell)

Come e più che in Carnival Row in Cursed gli esseri fatati, qui chiamati Fey, sono perseguitati dagli uomini per la loro diversità e perché dotati di una qualche forma di magia che li collega in modo inesplicabile alle forze della natura e al regno ultraterreno delle ombre, magia a volte incommensurabile come nel caso dei maghi (Merlino) e delle incantatrici (la nostra protagnista Nimue, soprannominata la strega Sangue di Lupo), in grado di evocare gli Occulti e scatenarne i poteri a loro piacimento.

Una persecuzione tragica che vede l’uomo nascondersi dietro la mano della Chiesa e del terrorismo religioso per reclamare il proprio dominio e la propria era a scapito del diverso e della natura stessa, tra guerre odiose, velenosi complotti, continui tradimenti e fanatismi religiosi (rappresentati dai Paladini Rossi radunati da Padre Carden, ottimo villain interpretato da Peter Mullan), in una storia fantastica che unisce finzione, attualità e formazione riuscendo sapientemente a mantenere intatto il sogno di reami da favola, cavalieri impavidi e spade leggendarie, raccontati attraverso le coraggiose gesta di un’eroina diversa… e per questo forse anche più bella.

Sintesi

Cursed preserva il fascino del mondo arturiano stravolgendone in modo accattivante mitologia e protagonisti e rifiuta gli stereotipi del genere proponendo protagoniste dai canoni di bellezza, fisicità ed emotività assai lontani dal passato. In una storia fantastica che unisce finzione, attualità e formazione, l'opera di Tom Wheeler riesce a mantenere intatto il sogno di reami da favola, cavalieri impavidi e spade leggendarie, raccontati attraverso le coraggiose gesta di un'eroina diversa e per questo forse anche più bella.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El Dorado recensione film con John Wayne e Robert Mitchum

El Dorado recensione del film di Howard Hawks con John Wayne, Robert Mitchum, James Caan e Charlene Holt Era il 1959 quando Howard Hawks, con Un...

Cinema News del 20 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 20 ottobre: i trailer dei film Ma Rainey's Black Bottom con Viola Davis e Chadwick Boseman, Qualcuno salvi il Natale:...

BFI London Film Festival 2020: i vincitori della 64esima edizione virtuale del Festival del Cinema di Londra

BFI London Film Festival 64: vince Another Round (Un altro giro) di Thomas Vinterberg con Mads Mikkelsen come Miglior Film. Miglior Documentario a The...

Cinema News del 19 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 19 ottobre: L'Arminuta il nuovo film di Giuseppe Bonito, Kate Hudson e Octavia Spencer insieme nella seconda stagione di Truth Be...

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov [Netflix]

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov con Viktoriya Isakova, Kirill Käro, Aleksandr Robak, Maryana Spivak e Natalya Zemtsova su Netflix Oggi, in piena...

I Am Greta recensione film su Greta Thunberg di Nathan Grossman [Venezia 77]

I Am Greta recensione film documentario di Nathan Grossman con Greta Thunberg presentato alla Mostra del Cinema di Venezia Presentato ai Festival di Venezia e...

Cinema News del 18 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 18 ottobre: il supereroe Static Shock arriva sul grande schermo, Sacha Baron Cohen su Borat 2, buon compleanno Jean-Claude Van Damme! CINEMA...

Sul più bello recensione film di Alice Filippi con Ludovica Francesconi [Anteprima]

Sul più bello recensione film di Alice Filippi con Ludovica Francesconi, Giuseppe Maggio, Eleonora Gaggero, Gaja Masciale e Jozef Gjura Sul più bello è una...

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti [Anteprima]

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti, Edouard Baer, Ramzy Bedia, Tom Levy, Baya Kasmi e Eye Haidara L’ultimo lavoro...

Destino recensione cortometraggio Disney di Walt Disney e Salvador Dalí [Disney+]

Destino recensione cortometraggio Disney di Walt Disney e Salvador Dalí diretto da Dominique Monféry su sceneggiatura di Salvador Dalí e John Hench Nel lontano 1945...