Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

  1. Wonka
  2. Quello che non ti uccide/Boss Level
  3. Fate: The Winx Saga
  4. Libra
  5. Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio
  6. The Walled City
  7. La miniserie su Frida Kahlo
  8. Il Muppet Show su Disney+

Cinema News 20 gennaio

Wonka

Quasi tre anni fa si era mormorato di una possibile nuova versione di Charlie and the Chocolate Factory, che Paul King avrebbe dovuto girare. Ora veniamo a scoprire che i piani del regista dei due Paddington erano leggermente diversi: Wonka sarà l’inevitabile, assolutamente necessario prequel del romanzo di Roald Dahl, e racconterà l’origin story di Willy Wonka, il mago del dolciume già interpretato da Gene Wilder e Johnny Depp.
Per ora, nessuna indiscrezione sul casting, solo una data d’uscita: 17 marzo 2023. (Deadline)

Quello che non ti uccide/Boss Level

MadMass.it consiglia by Amazon

La gente si lamenta che, causa COVID e lockdown, i giorni chiusi in casa sono tutti uguali, perciò l’industria dell’intrattenimento, per empatia, propone nuovi film nei quali il personaggio protagonista è costretto a rivivere apparentemente all’infinito la stessa giornata: un genere trasversale, quello del time loop, che si presta ad essere declinato in mille varianti tutte diverse e tutte uguali.
Arriva ora Boss Level/Quello che non ti uccide, diretto da Joe Carnahan (The Grey), che già nel 2012 descriveva la sua originale idea come ‘Groundhog Day versione action movie’, che è esattamente la descrizione che chiunque potrebbe dare dopo la visione del trailer (l’alternativa sarebbe ‘Kill Bill versione Groundhog Day’).
La trama ufficiale spiega che il militare delle forze speciali Roy Pulver (Frank Grillo, che qui ruba al suo recente antagonista Capitan America la battuta ‘I can do this all day’) si ritrova a morire, ogni giorno, per mano degli sgherri inviati da Mel Gibson. Si risveglia, lo stesso giorno, con una morte in più ma anche con un’accresciuta consapevolezza di ciò che lo attende: morte dopo morte, apprendendo le tattiche dei sicari, si avvicina all’obiettivo: sconfiggere il Boss di fine livello e salvare la principes… la fidanzata Naomi Watts.
Per scrivere questa storia elaborata non è bastato il solo Carnahan, che si è fatto affiancare da Eddie e Chris Borey. Come siano riusciti a convincere Gibson, Watts e Michelle Yeoh a partecipare, è attualmente un mistero.

Fate: The Winx Saga

Le Winx di Iginio Straffi arrivano venerdì 22 gennaio su Netflix, con una serie live-action di chiara ispirazione potteriana, che vede Bloom (Abigail Cowen, vista ne Le terrificanti avventure di Sabrina e apparsa in Stranger Things) arrivare nell’Oltre Monde e nella scuola che la aiuterà a comprendere ed usare i suoi poteri.
La serie è stata creata dallo stesso Straffi, assieme a Brian Young, che si è fatto le ossa su The Vampire Diaries.

Libra

Il romanzo Libra di Don DeLillo (autore di Cosmopolis e di Rumore Bianco, che Noah Baumbach sta trasformando in un film), pubblicato nel 1988, è una delle tante narrazioni speculative che gli autori americani hanno intessuto attorno all’assassinio di John Fitzgerald Kennedy, e propone una propria versione della teoria cospirazionista che tanto attira gli oppositori del Rasoio di Occam, intercalata con gli elementi salienti della vita del killer Lee Oswald.
Libra diventerà una miniserie, adattata da Lauren Wilkinson, autrice del bestseller spionistico American Spy. (Deadline)

Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio

L’unico e solo Jamie Lannister, Nikolaj Coster-Waldau, porterà su Netflix un suo personale progetto: l’adattamento del libro danese Two Against the Ice, ossia le memorie dell’esploratore Ejnar Mikkelsen, che all’inizio del novecento si imbarcò in una missione artica per smentire l’esistenza del Canale di Peary, e mettere così fine alle pretese statunitensi che la Groenlandia fosse geograficamente divisa in due.
Oltre ad interpretare il capitano Mikkelsen, affiancato da Joe Cole nel ruolo del membro del suo equipaggio Iver Iversen, Coster-Waldau ha anche scritto la sceneggiatura del film, assieme a Joe Derrick.
Le riprese del film sono appena terminate, sotto la guida del regista danese Peter Flinth e la produzione di Baltasar Kormákur. Al film partecipa anche babbo Lannister, Charles Dance. (Netflix)

The Walled City

The Walled City è una città-labirinto, le cui mura rinchiudono fuorilegge di ogni tipo, segregati dal resto del mondo ma tuttora attivi con successo all’interno di questa comunità ristretta. I ragazzi si ingegnano come possono per sopravvivere, cercando al tempo stesso una via di fuga, come Dai, che spaccia stupefacenti, o Mei Yee, intrappolata in una casa d’appuntamenti, o, ancora, Jin, ragazza che si fa passare per maschio, per non farsi notare mentre cerca la sorella, dispersa nei meandri del labirinto.
The Walled City è un romanzo ‘young adult’ dell’autrice americana Ryan Graudin che verrà adattato per lo schermo da Elliott San – non è ancora chiaro se per un film o una serie. (Deadline)

La miniserie su Frida Kahlo

La figura di Frida Kahlo continua ad ispirare: dal Frida di Julie Taymor e Salma Hayek del 2002 alla sua apparizione nell’aldilà in Coco, l’artista messicana, grazie alla sua biografia e al potere dei suoi autoritratti surrealisti, è diventata un’icona per svariati movimenti attivisti, dai diritti delle donne a quelli della comunità LGBTQ+.
Il team creativo composto da Joel Novoa e Marilu Godinez, in collaborazione con la Frida Kahlo Corporation, sta progettando una serie sull’artista, con l’idea di illustrare la storia ed il contesto dietro la creazione dei suoi dipinti più famosi. (Deadline)

Il Muppet Show su Disney+

A fare felici e riempire di nostalgia gli spettatori di una certa età (la nostra) potrebbero arrivare presto su Disney+ le cinque stagioni originali del The Muppet Show, realizzate tra il 1976 ed il 1981. Il condizionale è d’obbligo, dal momento che l’uscita in Italia per ora non è stata ufficializzata; negli Stati Uniti, l’arrivo della serie è previsto per il 19 febbraio.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli