Coco

Coco – recensione in anteprima del nuovo film Pixar

Miguel Rivera è un dodicenne che vive nel paesino messicano di Santa Cecilia, il cui vanto è aver dato i natali a Ernesto De La Cruz, compianto cantautore e star del cinema. Ernesto è anche l’idolo di Miguel, che ha imparato a suonare la chitarra guardando e riguardando spezzoni dei film dell’artista. Clandestinamente, perché la musica è bandita in famiglia da quando il trisnonno, provetto mariachi, lasciò moglie e figlia per inseguire il successo, e non fece più ritorno. Miguel si trova quindi combattuto tra la passione per la musica e la lealtà verso la famiglia, due sentimenti apparentemente incompatibili.
Nel tentativo di inseguire il suo sogno, durante le tradizionali celebrazioni per il Giorno dei Morti, Miguel innesca una serie di eventi che lo catapultano, vivente, nel Mondo dei Morti. Il ragazzo dovrà trovare il modo di ritornare a casa, e possibilmente anche una soluzione ai suoi problemi.

Coco è diretto da Lee Unkrich (regista, da solo o in coppia, dei due ultimi Toy Story, del primo Monsters e di Nemo) e Adrian Molina (anche autore della sceneggiatura e attivo in Pixar sin da Ratatouille).

Il Dia de Muertos desta sempre un po’ di perplessità e curiosità nella nostra cultura, non abituata ad accostare il concetto di morte con le celebrazioni festose e colorate della tradizione messicana: se il nostro primo contatto con questa festività fu il videogame Grim Fandango, negli ultimi anni questa frequentazione si è intensificata, con le prime scene di 007 in Spectre e con un altro film di animazione – uscito solo tre anni fa e già dimenticato – The Book of Life, che raccontava un’altra storia di passaggio nell’aldilà nel Giorno dei Morti.

Coco ha il merito di non limitarsi ad ordire una trama generica su un’ambientazione esotica, ma imbastisce sul Dia de Muertos e sulle sue usanze l’intera trama del film. E’ un approccio difficile, che richiede di educare lo spettatore su nozioni e tradizioni che non conosce, e il film fa un ottimo lavoro nel disseminare, fin dalle prime scene, accenni alle inusuali ‘regole’ di questo mondo, così che quando torneranno utili più avanti, ci sembreranno perfettamente naturali.

Se la posta in gioco per il nostro eroe è chiara, la sfida è rendere interessanti gli abitanti dell’aldilà: defunti così vivaci devono avere qualcosa che li anima, passioni, aspirazioni, paure. Che cosa possono ancora temere i morti?

Coco riesce non solo a dare a questo problema una risposta convincente, ma anche a farne il vero cuore del film.

Vedere il logo Pixar al cinema è ancora emozionante perché la lampada saltellante ci ricorda che i migliori film sono capaci di muovere le nostre corde senza ricorrere a facili sotterfugi. Coco entra di diritto nell’Olimpo dell’animazione, toccando vette di puro sentimento come Pixar non faceva da quei famosi cinque minuti di Up.

Coco non è un film perfetto, per molti versi non è neanche troppo originale, ma tutte le obiezioni che una mente analitica può sollevare, alla fine, non lasciano traccia, cancellate da una sensazione di tenerezza che ci fa uscire dal cinema con il sorriso sulle labbra.

p.s. lo stesso non si può dire del ‘corto’ che precede il film. Se una volta i corti Pixar erano piccole perle di originalità, a questo turno ci toccano venti minuti di tediosissimo cartone con i personaggi di Frozen.

p.p.s. in compenso, potete fare conoscenza fin da subito con Dante, il cane che accompagna Miguel nel suo viaggio nell’oltretomba, in questo vero corto pubblicato qualche mese fa:

Sintesi

Coco entra di diritto nell’Olimpo dell’animazione, toccando vette di puro sentimento come Pixar non faceva da quei famosi cinque minuti di Up.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Blackpink: Light Up the Sky recensione film documentario sulla K-pop band Blackpink [Netflix]

Blackpink: Light Up the Sky recensione documentario di Caroline Suh con Jennie Kim, Ji-soo Kim, Lalisa Manoban e Rosé dedicato alla K-pop band Blackpink Il...

Cinema News del 2 dicembre [Rassegna Stampa]

Il trailer di The Mauritanian Il making of de Il Padrino… Parte Seconda Jada Pinkett Smith in Redd Zone Il nuovo Van Helsing ...

Ghostbusters recensione film di Ivan Reitman con Bill Murray, Dan Aykroyd e Harold Ramis

Ghostbusters recensione del film di Ivan Reitman con Bill Murray, Dan Aykroyd, Harold Ramis, Sigourney Weaver, Ernie Hudson e Rick Moranis "Who ya gonna call?...

Quiz Show recensione film di Robert Redford con Ralph Fiennes e John Turturro

Quiz Show recensione film di Robert Redford con Ralph Fiennes, John Turturro, Rob Morrow, Paul Scofield, Christopher McDonald, Hank Azaria e Martin Scorsese Brillante interprete...

Hamilton recensione film di Thomas Kail con Lin-Manuel Miranda e Daveed Diggs [Disney+]

Hamilton recensione film di Thomas Kail con Lin-Manuel Miranda, Daveed Diggs, Renée Elise Goldsberry, Leslie Odom Jr. e Phillipa Soo Hamilton è uno dei pochi...

Cinema News 1 dicembre [Rassegna Stampa]

La vita tedesca di Maggie Smith Nitram e il Massacro di Port Arthur Back to the Outback Naomi Watts e Penguin la gazza ...

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...