Witch Hunt

Witch Hunt recensione film di Elle Callahan con Gideon Adlon e Abigail Cowen [TSPLUSF 21]

Witch Hunt recensione film di Elle Callahan con Gideon Adlon, Abigail CowenElizabeth Mitchell, Echo Campbell, Lulu Antariksa e Ashley Bell

Secondo lungometraggio della regista Elle CallahanWitch Hunt riscrive la figura delle streghe per raccontare l’America di oggi, fortemente percorsa da misoginia e discriminazione.

MadMass.it consiglia by Amazon

In un presente simile al nostro, le streghe e la magia esistono davvero e sono temute e cacciate dal governo, che scaglia contro di loro il BWI, il Bureau of Witchcraft Investigation. Claire (Gideon Adlon) è un’adolescente che vive con la madre e i suoi fratelli gemelli minori in una cittadina vicina al confine con il Messico. Il muro che separa gli USA dal Messico è anche l’ultimo ostacolo da superare per una strega per avere la libertà e restare in vita. La famiglia di Claire aiuta segretamente le streghe a scappare, grazie anche a una rete di alleanze con altre persone. Le ultime fuggiasche sono le sorelle Fiona (Abigail Cowen) e Shae (Echo Campbell), che hanno perso la madre, bruciata viva sul rogo. Il loro arrivo scatenerà una serie di eventi inspiegabili e porterà Claire a porsi domande sulla sua identità e su qualcosa che è sempre stato dormiente dentro di lei.

Abigail Cowen e Elizabeth Mitchell
Abigail Cowen e Elizabeth Mitchell (Credits: Momentum Pictures)

Witch Hunt recensione film di Elle Callahan con Gideon Adlon e Abigail Cowen
Witch Hunt di Elle Callahan con Gideon Adlon, Abigail Cowen e Elizabeth Mitchell (Credits: Momentum Pictures)

Nell’arco di 93 minuti la regista realizza un film che è un piccolo gioiello, in cui la tensione e la minaccia sono mantenuti alti e scorrono come un fiume sotterraneo per l’intera durata della narrazione. Il mondo in cui Claire e gli altri personaggi vivono non è poi così distante dal nostro, in cui misoginia, discriminazione e superstizione hanno plasmato la società. La caccia alle streghe è più attuale che mai e basta il minimo sospetto per finire sul rogo.

A essere colpite sono le donne, spesso prese di mira anche solo per l’aspetto fisico: capelli rossi, nei sospetti diventano tutti segni del male e di stregoneria, indizi – assolutamente inaffidabili – a cui i cacciatori di streghe si appellano per emettere una condanna. Nel film si intrecciano ottimamente elementi scientifici (l’uso del barometro per individuare la magia, perché creatrice di vuoti di pressione) con elementi tipici della tradizione della caccia alle streghe, con tanto di test, spargimento del sale per contrastare la magia e metodi di tortura medievali. In questo clima di forte ostilità, una rete sotterranea di aiuti permette alle streghe di fuggire oltre il confine, in Messico, dove la magia è accettata e incoraggiata. Questo è un compito che la famiglia di Claire porta avanti da molto tempo, eludendo la sorveglianza del BWI e dei suoi emissari.

Elizabeth Mitchell e Abigail Cowen
Elizabeth Mitchell e Abigail Cowen (Credits: Momentum Pictures)

Echo Campbell
Echo Campbell (Credits: Momentum Pictures)

Nonostante ne riconosca l’importanza, la missione della sua famiglia interferisce con la vita sociale di Claire, impedendole di frequentare le amiche e obbligandola a mentire loro. La sua frustrazione aumenta quando le due sorelle Fiona e Shae arrivano e la ragazza comincia a essere perseguitata da inquietanti visioni e sogni premonitori. Ma la sua diffidenza viene a poco poco scalfita da Fiona e dalla sua magia e le permette di accettare parti di sé che fino a quel momento non si erano mai risvegliate. In questo senso, Witch Hunt è un racconto di formazione, che vede il risveglio di una coscienza magica e femminile grazie alla compassione e a un’amicizia che accomuna due adolescenti non così diverse. La reference ad altre due “streghe” come Thelma e Louise dell’omonimo film accentua ancora di più il sottotesto della pellicola: si è streghe non perché si pratica la magia, lo si è quando si esce fuori dai canoni stabiliti da un mondo misogino e patriarcale, quando ci si ribella e si lotta per avere libertà e uguaglianza. Essere strega non dipende dai geni, dal sangue, ma dalla capacità di sognare e creare un mondo diverso, in cui compassione e accettazione dell’altro sono alla base di tutto.

Unica nota dolente è la mancanza di personaggi appartenenti a minoranze discriminate. Un aspetto irrealistico e poco in linea con il messaggio della pellicola, perché la lotta contro il modello maschile dominante dovrebbe riunire tutte le streghe di qualunque etnia, orientamento sessuale o identità di genere.

Sintesi

Witch Hunt è il secondo lungometraggio di Elle Callahan che mette in scena un horror politico, ad alta tensione, in cui la caccia alle streghe è espressione dell'oppressione sistemica e patriarcale. Un film che è anche racconto di formazione e vede la nascita di una comunità femminile che lotta ed è coesa contro il nemico comune.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli