No Time to Die

No Time to Die recensione film di Cary Joji Fukunaga con Daniel Craig e Rami Malek [Anteprima]

L'ultimo James Bond di Daniel Craig, Bond 25: la recensione in anteprima di No Time to Die

No Time to Die recensione film di Cary Joji Fukunaga con Daniel Craig, Rami Malek, Ana de Armas, Léa Seydoux, Lashana Lynch e Ralph Fiennes

Congelato, rimandato due volte: è giunto finalmente il momento di No Time to Die, in assoluto uno dei film più attesi da un anno e mezzo a questa parte. È lo stesso Daniel Craig a presentare il 25esimo capitolo della saga di James Bond, ringraziando il pubblico per la pazienza e soffermandosi sull’importanza di questa visione all’interno della sala, il luogo per elezione per chi ama il cinema.

MadMass.it consiglia by Amazon

Girata tra Giamaica, Norvegia, Regno Unito, Puglia e Matera, la nuova avventura di Bond arriva a chiudere un ciclo, dicendo addio a Daniel Craig e aprendosi a una serie di sviluppi che potrebbero, già a partire dal prossimo film, rivoluzionare il franchise, se non proprio negli elementi tipici almeno nelle atmosfere. Cary Joji Fukunaga raccoglie uno scettro pesante da Sam Mendes, che con Skyfall e Spectre aveva dimostrato di guardare al “genere” con un occhio diverso, più da autore.

Léa Seydoux e Daniel Craig in No Time to Die
Léa Seydoux e Daniel Craig in No Time to Die (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Daniel Craig e Christoph Waltz
Daniel Craig e Christoph Waltz (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

No Time to Die si muove in buona continuità con i precedenti capitoli, aprendosi con il (presunto) ritiro dalle scene di James Bond e una spettacolare sequenza di azione ambientata a Matera. Gli elementi sono quelli di sempre, adeguati ai continui cambi sociali che stiamo vivendo.

Non volendo rovinare la sorpresa a chi legge, ci limitiamo a segnalare almeno un paio di colpi di scena interessanti che vanno nella direzione proprio di quel mutamento di cui sopra. La componente action è persino più marcata rispetto al passato e questo è dovuto anche alla durata monstre, che comporta un susseguirsi di cambi narrativi che vanno a comporre piccoli film nel film.

In alcuni momenti, va detto, si avverte la sensazione di un’eccessiva diluizione degli avvenimenti. Nel complesso, però, Fukunaga riesce a mantenere l’attenzione grazie a un sapiente dosaggio della suspense, una buona costruzione delle sequenze e un interesse, non scontato, anche verso i personaggi secondari.

Ana de Armas è l'agente della CIA Paloma in No Time to Die
Ana de Armas è la Bond girl Paloma in No Time to Die (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Lashana Lynch è Nomi in No Time to Die
Lashana Lynch è Nomi in No Time to Die (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

No Time to Die molto probabilmente sarà ricordato, oltre che per le tristi sorti distributive, per il suo ruolo di chiusura di un cerchio. Come Casino Royale aveva segnato una sorta di rilancio delle vicende dell’agente segreto di Sua Maestà, il 25esimo capitolo tira le fila di un discorso che ha inevitabilmente trasferito il personaggio di Ian Fleming nella contemporaneità. Che cosa ci attenderà dopo? Il film di Fukunaga dissemina una serie di indizi che potrebbero rappresentare una rottura rispetto al passato, pur mantenendo una certa continuità con gli archetipi di questo immaginario. La chiusura è per certi versi epocale, nonostante rimescoli alcuni degli elementi di un modo di fare cinema d’antan: l’eroismo, l’afflato epico e la ricerca insistita della commozione.

No Time to Die si ferma quindi a un passo dalla rivoluzione, prova ad accennare alcuni cambiamenti, si crogiola nelle certezze del passato, si affida completamente a un Daniel Craig che è ormai tutt’uno con James Bond, crea sequenze spettacolari in ambienti magnifici. Eppure la vitalità del film sta tutta in quegli accenni, nelle possibilità solamente suggerite, negli spunti che potranno (o meno) essere colti. A quasi settant’anni di distanza dalla sua creazione e a sessanta dal primo capitolo, sorprende come ci sia ancora molto da dire su un personaggio che, a suo modo, ha subito un’evoluzione in contemporanea con quella del cinema. Lo abbiamo aspettato tanto e, tutto sommato, ne è valsa la pena.

Rami Malek è Lyutsifer Safin in No Time to Die
Rami Malek è Lyutsifer Safin in No Time to Die (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Ana de Armas è la Bond girl Paloma in No Time to Die
Ana de Armas è la Bond girl Paloma in No Time to Die (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Lashana Lynch e Daniel Craig in No Time to Die
Lashana Lynch e Daniel Craig in No Time to Die (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Jeffrey Wright
Jeffrey Wright (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Léa Seydoux è Madeleine Swann
Léa Seydoux è Madeleine Swann (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Daniel Craig va a pesca dopo essersi ritirato da agente 007
Daniel Craig va a pesca dopo essersi ritirato da agente 007 (Credits: Nicola Dove/DANJAQ/LLC/MGM)

Sintesi

Cary Joji Fukunaga raccoglie uno scettro pesante da Sam Mendes, che con Skyfall e Spectre aveva dimostrato di guardare al “genere” con un occhio diverso, più da autore. No Time to Die chiude un ciclo, dicendo addio a Daniel Craig e aprendosi a una serie di sviluppi che potrebbero, già a partire dal prossimo film, rivoluzionare il franchise, se non proprio negli elementi tipici almeno nelle atmosfere, pur mantenendo una certa continuità con gli archetipi di questo immaginario. Il venticinquesimo film della saga di James Bond si ferma a un passo dalla rivoluzione con una chiusura epocale che rimescola eroismo, afflato epico e commozione, affidandosi completamente a Daniel Craig e alle possibilità, solamente suggerite, che potranno o meno essere colte.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli