La storia della Mostra del Cinema di Venezia [Throwback Thursday]

È iniziata la 78° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Ripercorriamo la storia di questo importantissimo evento, con qualche curiosità

La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è il festival di cinema più famoso del nostro Paese, ma anche uno dei più importanti al mondo. Si tiene al Lido di Venezia, tra la fine di agosto e l’inizio di settembre.
Si tratta di una delle manifestazioni cinematografiche più illustri, nonché la più antica.
Vediamo la sua storia e qualche curiosità al riguardo.

La storia della Mostra del Cinema di Venezia

La prima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia si svolse dal 6 al 21 agosto 1932. L’idea venne al conte Giuseppe Volpi, presidente della Biennale di Venezia, lo scultore Antonio Maraini e a Luciano De Feo, segretario generale de l’Unione Cinematografica Educativa.

All’epoca, la Mostra ebbe un forte appoggio dalle autorità fasciste e la prima edizione di svolse all’Hotel Excelsior al Lido di Venezia, nonostante, all’inizio, non si trattasse di una rassegna competitiva.

Nella prima edizione, i titoli vennero solamente presentati al pubblico, ma il festival, fin da subito, ha ospitato pellicole di grande lustro, come Frankenstein di James Whale, A me la libertà! di René Clair e Grand Hotel di Edmund Goulding. L’evento era costellato anche da grandi stelle del cinema nazionale e internazionale, come Greta Garbo, Clark Gable, Joan Crawford, Vittorio De Sica e Boris Karloff.
Il primo film ad essere presentato fu Il dottor Jekyll di Rouben Mamoulian, nella sera del 6 agosto 1932.

Il dottor Jekyll di Rouben Mamoulian
Il dottor Jekyll di Rouben Mamoulian

Già dall’edizione successiva, quella del 1934, la manifestazione divenne competitiva e venne istituita la Coppa Mussolini, per il miglior film straniero e italiano, nonostante non ci fosse ancora una giuria. I premi, infatti, venivano dati a seconda del parere di alcuni esperti e del pubblico.

Col tempo, la mostra divenne sempre più importante e ben vista anche all’estero, attirando sempre più film in gara.

Gli anni Quaranta, però, furono un periodo difficile anche per la Mostra del cinema di Venezia, che subì diverse pressioni politiche, che falsarono alcune edizioni. Dopo la guerra, il premio per le migliori interpretazioni viene chiamato Coppa Volpi.
Ma in questa decade parteciparono anche diversi film importanti, appartenenti al genere del Neorealismo, come Paisà di Roberto Rossellini e La terra trema di Luchino Visconti; nonostante l’indiscusso valore delle pellicole, però, non ottennero il giusto riconoscimento da parte della critica.
Tanti anche gli ospiti illustri, come Orson Welles e Laurence Olivier e il ritorno alla normalità, dopo la guerra, permette anche il ritorno delle grandi icone del cinema mondiale, come Rita Hayworth.
L’edizione del 1947 viene considerata come una delle migliori nella storia del festival, anche per il ritorno in gara delle opere dell’URSS.

La terra trema (1948)
La terra trema (1948)

Gli anni Cinquanta decretano l’arrivo di alcune scuole di cinema, fino a quel momento, sconosciute in Occidente, come quella giapponese e quella indiana. Ma sono anche anni d’oro per il cinema italiano, con l’arrivo di grandi registi come Federico Fellini e Michelangelo Antonioni.

Gli anni Sessanta furono una decade piuttosto intrisa di polemiche al festival e perciò, anche a causa delle contestazioni del ’68, si decise di non rendere competitive le edizioni dal 1969 al 1979. Ma, sempre in questi anni, fu introdotto il Leone alla carriera, per sopperire alla mancata competizione.

In questa decade furono presentate pellicole molto importanti, come I diavoli di Ken Russell, Novecento di Bernardo Bertolucci e Arancia Meccanica di Stanley Kubrick, quest’ultima fu una pellicola che fece molto discutere alla sua presentazione.

La storia della Mostra del Cinema di Venezia: Arancia meccanica (1971)
La storia della Mostra del Cinema di Venezia: Arancia meccanica (1971)

Negli anni Ottanta l’apertura al cinema più “popolare”: arrivano al Lido pellicole come I predatori dell’arca perduta, E.T. l’extra-terrestre, Poltergeist e L’impero colpisce ancora. Il 1980 è anche l’anno che reintroduce la competizione a Venezia.
Tra i film più importanti di questi anni troviamo Zelig di Woody Allen, Blade Runner di Ridley Scott e C’era una volta in America di Sergio Leone.
Nel 1988 la Mostra del Cinema di Venezia si arricchisce di due nuove importanti sezioni: Orizzonti e Notte.

Gli anni Novanta sono caratterizzati da grandi film, ma anche dal ritorno di grandi star hollywoodiane al Lido, come Jack Nicholson, Harrison Ford, Mel Gibson, Al Pacino e Robert De Niro.

Ad oggi, la Mostra del Cinema di Venezia riesce a dare spazio a film d’autore e di nicchia, ma anche ai grandi blockbuster e al cinema più vicino al pubblico, basti pensare alla vittoria di Joker di Todd Phillips nel 2019.

C'era una volta in America (1984)
C’era una volta in America (1984)

Alcune curiosità sulla Mostra del Cinema di Venezia

  • Il primo scandalo del festival fu nel 1934, quando Hedy Lamarr apparve sul grande schermo in un nudo integrale;
  • Il Leone d’Oro è andato 11 volte ad un film italiano e altrettante volte ad un film francese;
  • Nessun attore è ancora riuscito a vincere per più di due volte la Coppa Volpi;
  • La Mostra del Cinema di Venezia è il festival cinematografico più antico di sempre. Solo gli Oscar sono più longevi, ma si tratta di una premiazione e non di un festival;
  • Joker è stato il primo film sui supereroi a vincere il Leone d’Oro, nonché il primo film del genere ad essere presentato a Venezia;
  • Nella storia del festival, ci sono stati tanti diverbi tra i giurati, ma uno dei più noti è quello del 1994 tra Carlo Verdone e David Lynch, che portarono l’attore italiano a lasciare la giuria.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli