Il potere del cane

Il potere del cane recensione film di Jane Campion con Benedict Cumberbatch [Venezia 78]

Il potere del cane recensione film di Jane Campion con Benedict Cumberbatch, Kirsten Dunst, Jesse Plemons, Kodi Smit-McPhee e Thomasin McKenzie

Raccontare l’America selvaggia dei rancher vuol dire incorrere in un immaginario abbondantemente scolpito dalla cultura americana, vasto come le praterie che lo definiscono. Colori, suoni, usanze, addirittura i materiali sono dati acquisiti per chiunque senta anche solo nominare il vecchio West visualizzando immediatamente distese di grano, cavalli, stivali e tenute in legno scurissimo.

Thomas Savage ci è letteralmente cresciuto e nel 1967 lo ha fatto diventare l’humus su cui poggiare il romanzo western Il potere del caneJane Campion lo ha amato alla follia e ha avuto il compito di trasformarlo in cinema per riportarlo all’attenzione di tutti e presentarlo, in anteprima mondiale, alla 78esima Mostra del Cinema di Venezia.

Benedict Cumberbatch e Jesse Plemons
Benedict Cumberbatch e Jesse Plemons (Credits: Netflix)
Kirsten Dunst
Kirsten Dunst (Credits: Netflix)

Phil (Benedict Cumberbatch) e George (Jesse Plemons) sono fratelli e proprietari di un ricco ranch delle aree interne a stelle e strisce. Diametralmente opposti ma profondamente legati, sono costretti a “separarsi” a causa del matrimonio di George con una vedova del posto (Kirsten Dunst) e il conseguente trasloco a casa insieme al figlio, Peter (Kodi Smit-McPhee) del precedente matrimonio.
Un evento che turba l’ordine costituito, sgretolando certezze e rapporti per permettere alla vita di continuare a fare il suo corso.

Innovare, all’interno di un canone, è uno sforzo che comporta molti rischi. La storia dei fratelli Burbank ha un portato psicologico che cuoce a bassissima temperatura con diversi passaggi da seguire. Il nucleo del film, rappresentato dalle misteriose dinamiche del non-detto, è ammantato da un’azione così simile a quella del quotidiano da non sembrare cinematografica. La vacuità che viene comunicata già dagli ambienti e dai paesaggi di un Montana aspro è espressione di dinamiche relazionali crude e violente che investono una porzione dimenticata di terra in cui è facile rimanere soli con se stessi.

Benedict Cumberbatch
Benedict Cumberbatch (Credits: Netflix)
Kodi Smit-McPhee
Kodi Smit-McPhee (Credits: Netflix)

Sembrerebbe un successo. Cast di prim’ordine, fotografia di un certo livello, colonna sonora su misura, ma la superficie de Il potere del cane è spigolosa anche se ben fatta e prima di poter andare oltre si viene facilmente respinti.

Il lavoro della regista neozelandese sull’essenzialità narrativa vorrebbe che fosse la composizione a parlare più che i suoi personaggi. Vorrebbe che tutti, come Phil, intravedessero il cane che abbaia disegnato dalle colline su cui affaccia il ranch per raggiungere i significati latenti del film. Sembra più un caso di pareidolia, lì in fondo ci sono soltanto delle bellissime rocce.

Sintesi

Rappresentato dalle misteriose dinamiche del non-detto, Il potere del cane è ammantato da un'azione così simile a quella del quotidiano da non sembrare cinematografica. La visione di Jane Campion basata sull'essenzialità narrativa vorrebbe che fosse la composizione a parlare più che i suoi personaggi, ma nonostante cast di prim'ordine, fotografia di livello e colonna sonora su misura, il risultato dell'opera della regista neozelandese è respingente.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Il potere del cane recensione film di Jane Campion con Benedict Cumberbatch [Venezia 78]Rappresentato dalle misteriose dinamiche del non-detto, Il potere del cane è ammantato da un'azione così simile a quella del quotidiano da non sembrare cinematografica. La visione di Jane Campion basata sull'essenzialità narrativa vorrebbe che fosse la composizione a parlare più che i suoi personaggi, ma nonostante cast di prim'ordine, fotografia di livello e colonna sonora su misura, il risultato dell'opera della regista neozelandese è respingente.