Madres Paralelas

Madres paralelas recensione film di Pedro Almodóvar con Penélope Cruz [Venezia 78]

Madres paralelas recensione film di Pedro Almodóvar con Penélope Cruz, Milena Smit, Israel Elejalde, Aitana Sánchez-Gijón e Rossy De Palma a Venezia 78

L’inaspettato compagno Pedro

Il pubblico abituale di Pedro Almodóvar troverà in Madres Paralelas tutti i temi che lo hanno reso uno dei cineasti europei più amati dello Stivale. La vera sorpresa è piuttosto come il regista spagnolo utilizzi tematiche trasversali al suo cinema come la maternità e le dinamiche queer non tanto come punto focale della storia, quanto piuttosto come schermo abitudinario dietro cui nascondere gli elementi sorprendenti, quasi spiazzanti rispetto a quanto visto negli ultimi anni nel suo cinema.

Il precedente, bellissimo Dolor y Gloria sembra aver chiuso la parentesi autobiografica e incentrata sul corpo e sulla conoscenza dello stesso attraverso il dolore. Non fatevi ingannare del promo di Madres Paralelas: non è un ritorno ai suoi cult degli anni ’90, bensì una vera e propria svolta politica, in cui affronta a viso aperto i fantasmi della Spagna franchista.

Milena Smit e Penélope Cruz
Milena Smit e Penélope Cruz (Credits: El Deseo)

La maternità come benedizione

Al centro della pellicola c’è Janis (Penélope Cruz) discendente di una stirpe di madri single e donne politicamente attive. A quarant’anni si ritrova incinta di un amante occasionale e considera l’evento una benedizione, mentre la giovane compagna di stanza in ospedale, la minorenne Ana (Milena Smit), considera la sua gravidanza una punizione. Tra le due novelle madri (e tra le rispettive madrine) si crea un legame inaspettato, nonostante l’abissale distanza sociale. Janis è una fotografa attivista con un passato strettamente connesso alla Spagna dittatoriale, mentre l’altra d’estrazione borghese, trascurata dai genitori e saldamente rivolta al futuro.

Oltre ai solidi ritratti femminili – su tutti quello di Penélope Cruz, a cui l’amico regista regala un ruolo da matriarca e capoclan – a convincere in Madres Paralelas è il messaggio politico inaspettato, enunciato forte e chiaro, che il film si porta dietro. In apertura di pellicola, quando Cruz discute il destino del nonno (ucciso e sepolto in una fossa comune dai militanti franchisti), il tema del rapporto tra la Spagna presente e il recente, efferato passato sembra totalmente marginale, salvo poi riemergere con prepotenza nella parte finale.

Madres paralelas di Pedro Almodóvar a Venezia 78
Madres paralelas di Pedro Almodóvar a Venezia 78 (Credits: El Deseo)

La guerra non finita

Durante il momento più drammatico del film Janis dice ad Ana che ognuno deve chiedersi da che parte stesse la propria famiglia durante il regime di Franco, un periodo che non può dirsi concluso finché i tanti scomparsi (circa centomila) rimangono ancora sepolti in fosse comuni in attesa di essere riaperte. Bisogna resistere alla tentazione di guardare al futuro senza aver chiuso i conti con il passato: la storia per Almodóvar non può essere messa a tacere, perciò Madres Paralelas la lascia emergere con forza al momento giusto, enunciata da attrici ricorrenti del suo cinema, intervallata dalla sua peculiare capacità di gestire un gran numero di product placement di lusso e di far rivivere in ogni casa, in ogni set, l’estetica vivida e colorata ormai associata a doppio filo con alla sua opera.

Un film intimo, personale e potentissimo come Dolor y Gloria lo si può fare forse una volta nella vita. Dopo The Human Voice, Madres Paralelas però conferma che il 71enne regista spagnolo è in stato di grazia e in piena fase rinnovativa del proprio cinema.

Pedro Almodóvar con il cast di Madres paralelas
Pedro Almodóvar con il cast di Madres paralelas (Credits: Nico Bustos/El Deseo)

Sintesi

Madres Paralelas conferma che Pedro Almodóvar è in stato di grazia e in piena fase rinnovativa del proprio cinema, utilizzando tematiche trasversali alle sue opere, come la maternità e le dinamiche queer, come schermo abitudinario dietro cui nascondere elementi sorprendenti e quasi spiazzanti con cui affronta a viso aperto i fantasmi della Spagna franchista in una vera e propria svolta politica.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli