The Human Voice

The Human Voice recensione del cortometraggio di Pedro Almodóvar con Tilda Swinton [Venezia 77]

The Human Voice recensione del cortometraggio di Pedro Almodóvar con Tilda Swinton basato sull’opera di Jean Cocteau presentato alla 77esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia

Pedro Almodóvar porta sullo schermo una pièce teatrale in un mediometraggio che lascia a bocca aperta per l’intensità della parola e per la bellezza delle immagini.
Protagonista Tilda Swinton, Leone d’Oro alla Carriera di questa settantasettesima edizione del Festival del Cinema di Venezia.
The Human Voice è l’esempio di come si possa ancora parlare d’amore e soprattutto farlo bene. Un’attrice logorata dalla fine di un amore parla con noi, con se stessa e probabilmente anche con il suo vecchio amante.

La voce umana della Swinton è una voce corale che lotta fra parole e fatti, vita e morte, finzione e realtà. Non sappiamo nulla dei personaggi perché la sceneggiatura della chiamata telefonica è esaustiva e soprattutto ci fa capire come oggi, purtroppo, è sempre meno necessaria la presenza umana, ma i sentimenti primordiali dell’uomo come l’amore, la gelosia, la mancanza, sono immutabili.

Almodóvar ci regala, in contrapposizione alla drammaticità della storia, colori brillanti, costumi eccentrici e grandi riferimenti al cinema e alla letteratura. Tutto è studiato per far risaltare Tilda Swinton ed è perfettamente riuscito.

The Human Voice di Pedro Almodóvar a Venezia 77
The Human Voice di Pedro Almodóvar a Venezia 77
Alla ricerca dell'ascia di The Human Voice
Alla ricerca dell’ascia di The Human Voice

Il testo di Jean Cocteau

Vecchia conoscenza e fonte d’ispirazione per Pedro Almodóvar, il testo di Jean Cocteau al quale è liberamente ispirata la sceneggiatura di The Human Voice è servito al celebre regista anche in altre occasioni. Avrebbe infatti voluto adattarla ai tempi di Donne sull’orlo di una crisi di nervi del 1998, non trovando tuttavia alla fine spazio nella sceneggiatura per il monologo al telefono.

L’anno prima, nel 1997, Almodóvar aveva inserito il testo di Jean Cocteau in una scena de La legge del desiderio, dove il protagonista dirige la sorella proprio in una versione de La voce umana. A proposito della figura dell’ascia, idea già nata ai tempi de La legge del desiderio immaginando che una donna abbandonata dall’uomo che ama potesse essere capace di distruggere a colpi d’ascia la casa dove avevano vissuto, il suo utilizzo irrompe prepotentemente in questo cortometraggio, ad oltre vent’anni di distanza.

Tilda Swinton
Tilda Swinton

Sintesi

Pedro Almodóvar porta sullo schermo una pièce teatrale in un mediometraggio che lascia a bocca aperta per l’intensità della parola e per la bellezza delle immagini, dimostrando come si possa ancora parlare d'amore.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Pedro Almodóvar porta sullo schermo una pièce teatrale in un mediometraggio che lascia a bocca aperta per l’intensità della parola e per la bellezza delle immagini, dimostrando come si possa ancora parlare d'amore.The Human Voice recensione del cortometraggio di Pedro Almodóvar con Tilda Swinton [Venezia 77]