I migliori film sui serial killer da vedere [Throwback Thursday]

Che siano vere o inventate, le storie sui serial killer ci affascinano sempre. Scopriamo insieme i migliori film sui serial killer da non perdere

Non importa se abbiano infestato la cronaca nera o se siano solo il frutto dell’immaginazione di un regista (o di uno scrittore): i serial killer sono stati spesso i protagonisti di diversi film ad alta tensione, che ci hanno fatto tenere il fiato sospeso.

Il fascino dei serial killer lo possiamo constatare dal successo che hanno avuto diverse docuserie uscite recentemente su Netflix o dalla serie Mindhunter (ingiustamente in sospesa). Volenti o nolenti, siamo spesso affascinati da queste storie e cerchiamo di seguirne gli sviluppi, fino ad un lieto fine, anche se spesso non c’è.
Per questo, riscopriamo 5 film incentrati sui serial killer da vedere assolutamente.

I migliori film sui serial killer

I migliori film sui serial killer da vedere
Il silenzio degli innocenti (1991)

Il silenzio degli innocenti (1991)

Partiamo da uno dei thriller più classici e conosciuti: Il silenzio degli innocenti, film del 1991, diretto da Jonathan Demme e tratto dal romanzo omonimo di Thomas Harris. Questo sarà solo la prima delle tante pellicole incentrate sulla figura del serial killer Hannibal Lecter, interpretato da un magistrale Anthony Hopkins.
Dopo la comparsa di un sadico serial killer che uccide e scuoia delle giovani ragazze, la polizia cerca l’aiuto del dottor Hannibal Lecter, ex psichiatra e criminologo, accusato di aver ucciso e divorato alcuni dei suoi pazienti. Il caso viene assegnato alla giovane recluta Clarice Starling (Jodie Foster), che cercherà di entrare nella mente del serial killer per risolvere il caso. Tra i due s’instaura un rapporto particolare e molto intenso, che porterà Clarice nei meandri oscuri della mente di Lecter.
Il film, oltre ad avere un ritmo incalzante e un’ottima sceneggiatura, brilla grazie alle interpretazioni di Hopkins e Foster, entrambi vincitori di un Oscar per il film.
Il silenzio degli innocenti è il primo thriller a vincere cinque Oscar, grazie anche (e soprattutto) alla perfetta sintonia tra i due protagonisti e all’interpretazione di Hopkins, che rende Lecter ancora più inquietante e mefistofelico della sua controparte letteraria.

Seven (1992)
Seven (1992)

Seven (1992)

Passiamo a Seven, film del 1992, diretto da David Fincher, con protagonisti Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey.
Al detective William Somerset manca una settimana per andare in pensione e gli viene affiancato il giovane e impulsivo agente David Mills, il quale andrà a sostituirlo. Tra i due non corre buon sangue, a causa dei loro caratteri troppo diversi, ma vengono assegnati ad un nuovo caso, che inizia con l’uccisione di un uomo obeso, che è stato costretto a mangiare a dismisura, fino alla sua morte. Il caso appare fin da subito fuori dall’ordinario e dopo la morte di un famoso avvocato, noto per aver difeso criminali e truffatori, si rendono conto di essere di fronte ad un serial killer, che si scoprirà uccidere le sue vittime in base al loro essere rappresentative dei sette peccati capitali, uccidendole tramite un contrappasso crudele e brutale.
In Seven vediamo tutti i temi tipici di un film con un serial killer: i crimini efferati, la ricerca del colpevole e un grande colpo di scena finale. Ma i protagonisti sono molto più che degli stereotipi e vengono dotati di background interessanti, che muovono le loro azioni.
Fincher sfoggia tutte le sue doti per creare un thriller con una tensione crescente, che cattura e prepara lo spettatore fino all’ultimo minuto della pellicola, ormai immedesimato nel film, come se fosse uno dei protagonisti.

I migliori film sui serial killer da vedere
Zodiac (2007)

Zodiac (2007)

Rimaniamo con David Fincher, per parlare di un altro film con un serial killer, stavolta veramente esistito: Zodiac.
Zodiac è un film del 2007, basato sui libri di Robert Graysmith dedicati al Killer dello Zodiaco, che sconvolse San Francisco negli anni Sessanta e Settanta.
Un serial killer uccide diverse coppie di fidanzati, sempre con la stessa procedura, per poi chiamare la polizia e riferire dettagli e indizi dell’omicidio. Inoltre, il killer invia sempre alla polizia un messaggio in codice, impossibile da decifrare, con segni relativi allo zodiaco che nascondono la sua identità.
A condurre le indagini ci sono gli ispettori David Toschi (Mark Ruffalo) e William Armstrong (Anthony Edwards), ma la trama gioca su due fronti, contrapponendo la polizia alla stampa, ormai incuriosita dal caso. Sul Killer dello Zodiaco s’interessano anche il giornalista Paul Avery (Robert Downey Jr.) e il fumettista Robert Graysmith (Jake Gyllenhaal).
La particolarità di questa pellicola è proprio nel tema centrale: il Killer dello Zodiaco non è mai stato scovato. Il film mostra una storia incompleta, con un non-finale, a causa dell’indagine mai risolta, focalizzandosi maggiormente sugli individui intorno all’indagine, rispetto al killer stesso.
Zodiac racconta di ogni pista sbagliata, di ogni indizio non captato da parte della polizia e dell’ossessione cieca che hanno avuto gli attori di quest’indagine intorno al caso: in Zodiac abbiamo un protagonista che rimane in ombra, lasciando la scena alle sue controparti, ma rimanendo comunque al centro della storia.

Prisoners (2013)
Prisoners (2013)

Prisoners (2013)

Prisoners è un film del 2013, diretto da Denis Villeneuve, con protagonisti Jake Gyllenhaal, Hugh Jackman e Paul Dano.
Durante i festeggiamenti del Giorno del Ringraziamento, due bambine scompaiono misteriosamente. Il film si dipana su due linee narrative: una vede Keller, padre di una delle due bambine, imprigionare un ragazzo del quartiere, convinto sia lui il colpevole; nell’altra vediamo l’investigatore Loki, impegnato ostinatamente sul caso.
In molti considerano Prisoners uno dei thriller più belli degli ultimi anni, grazie alla preziosità della regia di Villeneuve, alla fotografia del film e alle interpretazioni dei protagonisti.
Tutti i personaggi nascondono una certa ambiguità, che porta la trama a cambiare direzione continuamente, solleticando la curiosità dello spettatore che vuole conoscere la verità, il volto del rapitore di quelle due bambine.

La casa di Jack
Jack (Matt Dillon)

La casa di Jack (2018)

Chiudiamo la nostra lista, con uno dei thriller più recenti: La casa di Jack, film del 2018, diretto da Lars von Trier.
Ci troviamo negli anni Settanta e Jack (interpretato da Matt Dillon) è un ingegnere psicopatico con tendenze ossessivo-compulsive. Dopo aver ucciso la sua prima vittima, che gli aveva chiesto soccorso per strada, si convince a dover continuare ad uccidere per raggiungere la perfezione. I suoi omicidi diventano sempre più ingegnosi e complessi, con l’obiettivo di cercare la perfezione. Inizia così la dura indagine della polizia contro un serial killer che li terrà sotto scacco per oltre 12 anni.
Si tratta di uno dei film più discussi degli ultimi anni: La casa di Jack è stato presentato al Festival di Cannes, dove diversi spettatori hanno abbandonato la sala a causa della violenza mostrata, nonostante il film abbia ricevuto una standing ovation.

E voi quale film sui serial killer preferite?

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli