La ragazza d'autunno

La ragazza d’autunno recensione

La ragazza d’autunno recensione del film di Kantemir Balagov con Viktoria Miroshnichenko, Vasilisa Perelygina, Konstantin Balakirev e Olga Dragunova

Diretto dal giovane regista russo Kantemir Balagov, La ragazza d’autunno rappresenta la Russia agli Oscar, candidato come miglior film straniero dall’Academy dopo essere stato premiato al Festival di Cannes e al Torino Film Festival.

1945: Leningrado, per quanto tenti disperatamente di riprendersi, è amaramente distrutta dalla guerra appena finita. E così anche la sua gente. La protagonista della vicenda è Iya (Viktoria Miroshnichenko), giovane ragazza alta, quasi albina e timida che lavora come infermiera e si prende cura del piccolo Pashka (Timofey Glazkov). Un evento improvviso stravolge all’improvviso la narrazione e con esso il ritorno dal fronte di Masha (Vasilisa Perelygina), la madre naturale di Pashka.

La ragazza d'autunno recensione
Viktoria Miroshnichenko e Timofey Glazkov

La ragazza d'autunno recensione
La ragazza d’autunno

Con estrema grazia ed eleganza La ragazza d’autunno rappresenta un grido soffocato di dolore e disperazione. Iya ma soprattutto Masha ne sono l’immagine più palese. Leningrado, come le nostre protagoniste, cerca lentamente di riprendersi, senza farsi scoraggiare. Forse perché i personaggi sembrano tutti ben coscienti di una drammaticità nell’aria che non potrà mai essere portata via dai quei muri, seppur nuovamente in costruzione. La trama si muove leggera, lentamente, appoggiata ad una macchina da presa che osserva le storie e le vicende dei personaggi cercando quasi di non invadere il loro spazio. La narrazione indugia sugli eventi con tempi dilatati attraverso scene coraggiosamente cariche di silenzi, prive di colonna sonora.

La ragazza d'autunno recensione
Vasilisa Perelygina

Vasilisa Perelygina e Viktoria Miroshnichenko
Vasilisa Perelygina e Viktoria Miroshnichenko

Le protagoniste sembrano fingere di non ascoltare le tragedie che si annidano nei loro cuori. Masha cerca di riempirsi di cose da fare, trascinando con sè Iya, la più passiva delle due, almeno a livello di scelte. I colori sono il vero punto forte de La ragazza d’autunno nel creare un’atmosfera famigliare ed accogliente fatta di giallo oro, arancio, verde, nonostante la miseria e la tristezza di un luogo che cerca di risorgere dalle sue ceneri estenuate, creando un misto di angoscia e vicinanza nello spettatore che osserva.

Seppur affronti un tema storico a tutti ben noto, l’opera di Balagov attira l’attenzione e sorprende, facendoci spesso soffrire nell’osservare ciò che accade sullo schermo, ben oltre le aspettative di una visione tristemente dura.

Valentina

Viktoria Miroshnichenko e Vasilisa Perelygina
La ragazza d’autunno di Kantemir Balagov

Sintesi

Con estrema grazia ed eleganza La ragazza d'autunno rappresenta un grido soffocato di dolore e disperazione. La narrazione indugia sugli eventi con tempi dilatati attraverso scene coraggiosamente cariche di silenzi, prive di colonna sonora, dove le protagoniste sembrano fingere di non ascoltare le tragedie che si annidano nei loro cuori. L'opera di Balagov, candidata agli Oscar come miglior film straniero, ci regala una visione tristemente dura, ben oltre le aspettative.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...