Boyhood

Boyhood recensione film di Richard Linklater [Indie]

Boyhood recensione film di Richard Linklater con Patricia Arquette, Ethan Hawke, Ellar Coltrane, Lorelei Linklater, Jessi Mechler e Nick Krause

Girato nell’arco di dodici anni, Boyhood è la storia della crescita di Mason Evans, sensibile ragazzo alle prese con i problemi tipici del coming of age. Quando un film oltre a raccontare una storia diventa un esperimento non solo cinematografico, ma anche sociologico, non può che essere un successo. Ed è ciò che è successo a Boyhood, progetto di Richard Linklater durato dodici anni che ha sconvolto totalmente ogni tipo di schema narrativo.

Tutti i cineasti aspirano a narrare storie di vita vera e reale, proprio per creare quell’empatia particolare con lo spettatore. Il regista texano però questa volta si è spinto oltre ed ha voluto esagerare. Boyhood più che un film si potrebbe definire un inno alla vita, al tempo che scorre, che passa inesorabile nonostante tutto. Con poesia e umanità Linklater snocciola la vita di Mason Evans (Ellar Coltrane) e della sua famiglia, riuscendo a ricreare la stessa reale ciclicità dell’esistenza riunendo nell’arco di 12 anni, esattamente dal 2002 al 2014, la stessa troupe e gli stessi attori.

Patricia Arquette e Ellar Coltrane
Patricia Arquette e Ellar Coltrane

Boyhood recensione film di Richard Linklater
Boyhood di Richard Linklater

Attraverso questo esperimento, unico in ambito cinematografico, il regista della trilogia della storia d’amore tra Jesse (Ethan Hawke) e Celine (Julie Delpy), Before Sunrise (1995), Before Sunset (2004) e Before Midnight (2013), è riuscito a cogliere non solo i cambiamenti fisici dei vari personaggi ma anche la loro evoluzione personale. Con maestria Linklater ha inserito all’interno della narrazione cenni a mutamenti sociali e momenti storici, come la guerra in Iraq, l’entusiasmo per l’elezione di Barak Obama e lo scandalo dei militari della compagnia Blackwater, fondamentali per la contestualizzazione della storia e per aumentare il senso di immedesimazione tra lo spettatore e le storie ordinarie, a volte anche un po’ banali, dei personaggi.

L’infanzia, l’adolescenza e la giovinezza di Mason sono un po’ quelle di tutti ed è proprio questa la forza di Boyhood. Le tematiche sviscerate dal regista, quasi meglio di uno psicologo, quali l’accettazione della separazione dei genitori, interpretati dai magnifici Ethan Hawke e Patricia Arquette, il rapporto complicato con la sorella maggiore (Lorelei Linklater), la creazione di una propria personalità e di un proprio futuro, sono familiari alla maggior parte degli spettatori e si rivolgono ad un pubblico di giovani e non. La trama debole e poco sceneggiata acquisisce fascino proprio dalla normalità e schiettezza con cui viene raccontata.

Patricia Arquette
Patricia Arquette

Jessi Mechler e Nick Krause
Jessi Mechler e Nick Krause

Magistrale l’interpretazione di padre-amico di Ethan Hawke, attore feticcio di Linklater, e di Patricia Arquette, che per il ruolo della emotiva madre Olivia si è aggiudicata l’Oscar come miglior attrice non protagonista.

Vincitore di innumerevoli premi e riconoscimenti, quali miglior film drammatico al Golden Globe e miglior regia al Festival di Berlino, Boyhood regala un lungo racconto di spensieratezza mista a nostalgia e merita il primato di aver raccontato non solo la storia della crescita di un ragazzo ma anche dell’evoluzione della società.

Ethan Hawke e Ellar Coltrane
Ethan Hawke e Ellar Coltrane

Sintesi

L'esperimento cinematografico e sociologico di Richard Linklater, durato dodici anni sconvolgendo ogni tipo di schema narrativo, è un inno spensierato e nostalgico alla vita e al tempo che scorre, modellato con poesia e umanità.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli