The Last Movie Stars

The Last Movie Stars recensione docuserie di Ethan Hawke su Paul Newman e Joanne Woodward [RomaFF17]

The Last Movie Stars recensione docuserie di Ethan Hawke e Martin Scorsese su Paul Newman e Joanne Woodward con George Clooney, Laura Linney, Ewan McGregor, Sam Rockwell, Karen Allen e Mark Ruffalo

Era inevitabile che, prima o poi, la coppia più longeva di Hollywood sarebbe stata raccontata in forma audiovisiva, tuttavia The Last Movie Stars non si limita a trasporre il mito NewmanWoodward, ma ne descrive minuziosamente quelle ombre da sempre celate dietro alla consueta narrazione divistica delle relazioni tra star. Ethan Hawke, durante il lockdown, inizia una serie di interviste a personaggi del cinema più o meno legati alla coppia, con i quali tenterà di ricostruirne fedelmente la controversa evoluzione.

Oltre ai sublimi soggetti, The Last Movie Stars trova il suo valore in una struttura straordinariamente coreografata, dove il meticoloso montaggio gioca un ruolo di assoluto protagonista. Difatti le interviste, i brani estratti dai film e gli approfondimenti con voce narrante, convivono armoniosamente, accompagnando lo spettatore in sei capitoli (episodi) realmente esaustivi. “C’era l’ego di Paul, l’ego di Joanne e l’ego della coppia” e Hawke non fa altro che descriverci con cura ognuno di questi complessi costituenti, evitando di presentarceli come compartimenti stagni da trattare in capitoli distinti, ma amalgamando parte di ognuno in ciascun episodio. Questo approccio permette al documentario di procedere in ordine cronologico, caratteristica utile a donargli una leggibilità davvero invidiabile. La sorprendente fruibilità, tuttavia, non va confusa con la semplicità, poiché The Last Movie Stars tenta e riesce brillantemente ad approfondire temi di rara delicatezza e complessità: dal rapporto tra personaggio e interprete, passando per le numerose fragilità dei due, fino alla vera e propria relazione, il documentario non perde occasione di far riflettere, senza mai scadere nel tipico sensazionalismo di produzioni simili.

The Last Movie Stars recensione docuserie di Ethan Hawke
Paul Newman e Joanne Woodward (Credits: CNN/Roma Film Fest/P2WH4P WARNER BROTHERS / Album sul set di Detective Harper: acqua alla gola)
Paul Newman e Joanne Woodward sul set di Rachel, Rachel
Paul Newman e Joanne Woodward sul set di Rachel, Rachel (Credits: CNN/Roma Film Fest/P0F124 WARNER BROTHERS / Album)

Il terreno in cui The Last Movie Stars acquista maggior rilevanza sul piano emotivo è proprio nella maestosa destrutturazione delle icone Newman e Woodward. Difatti, sarebbe stato indubbiamente più semplice e di garantita efficacia descrivere con entusiasmo narrativo la parabola dei due, ma Hawke e colleghi scelgono coraggiosamente di ridimensionare ad ogni livello l’idilliaca narrazione delle due biografie. Così facendo ecco emergere zone buie e fantasmi di una coppia sorprendentemente aderente agli schemi più ammuffiti e deleterei del novecento: nonostante una spiccata raffinatezza intellettuale e la manifesta eccentricità, la vita coniugale dei due risentì pesantemente del tradizionale modello americano, in cui la donna rinuncia alla propria carriera, per permettere ad un fragile marito di affermare se stesso, libero dall’ingombrante ostacolo dei figli.

Robert Redford, Paul Newman e Bo Svenson sul set de Il temerario
Robert Redford, Paul Newman e Bo Svenson sul set de Il temerario (Credits: CNN/Roma Film Fest/PMBNY1 Universal Pictures File Reference # 32603_125THA)

Perché si, al netto delle innegabili debolezze di Joanne, è proprio la commovente fragilità di Paul a emergere prepotentemente dalle sei ore di proiezione. Sono i demoni di Paul a rompere efficacemente quel ricercato bilanciamento narrativo tra le tematiche, con svariate sezioni del documentario dedicate unicamente al tormento esistenziale dell’uomo dagli occhi più magnetici di sempre: “Non esiste essere umano che possa sostenere ciò che lo ha reso leggenda.”

Il tutto va naturalmente a confluire nella disamina, tanto razionale quanto emotiva, del lungo matrimonio, di cui comprenderemo i delicati equilibri episodio dopo episodio, intervista dopo intervista. The Last Movie Stars non è semplicemente l’annoiato elenco di episodi biografici della vita di Paul Newman e Joanne Woodward, ma, al contrario, si serve delle affascinanti personalità dei due per parlare di ognuno di noi, delle nostre insicurezze, della ricerca di noi stessi e della struggente ricerca di qualcuno con cui condividere la piacevole complessità della vita.

Joanne Woodward e Paul Newman
Joanne Woodward e Paul Newman (Credits: CNN/Roma Film Fest)
Paul Newman, Joanne Woodward e la figlia Nell
Paul Newman, Joanne Woodward e la figlia Nell sul set di Paris Blues nel 1961 (Credits: CNN/Roma Film Fest/Ref. B86N7H)

Sintesi

The Last Movie Stars non è semplicemente l’annoiato elenco di episodi biografici della vita di Paul Newman e Joanne Woodward, ma, al contrario, si serve delle affascinanti personalità dei due per parlare di ognuno di noi, delle nostre insicurezze, della ricerca di noi stessi e della struggente ricerca di qualcuno con cui condividere la piacevole complessità della vita.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

The Last Movie Stars recensione docuserie di Ethan Hawke su Paul Newman e Joanne Woodward [RomaFF17]The Last Movie Stars non è semplicemente l’annoiato elenco di episodi biografici della vita di Paul Newman e Joanne Woodward, ma, al contrario, si serve delle affascinanti personalità dei due per parlare di ognuno di noi, delle nostre insicurezze, della ricerca di noi stessi e della struggente ricerca di qualcuno con cui condividere la piacevole complessità della vita.