Juliet, Naked

Juliet, Naked – Tutta un’altra musica – Recensione

Tra gli scrittori più saccheggiati nella storia del cinema si sta ricavando uno spazio sempre più consistente Nick Hornby.
Molti dei suoi romanzi, infatti, hanno avuto una trasposizione di successo e, in generale, il suo nome è entrato nell’immaginario collettivo per uno stile ben preciso e per personaggi che forse ci ricordano quanto è bello essere appassionati e vivi. Alta fedeltà (2000) è da molti considerato un cult e lo stesso si può dire per Febbre a 90° (1997), ma in generale anche gli altri adattamenti hanno avuto più di un motivo di interesse. Che cosa lo differenzia, quindi, da tutti gli altri romanzieri che spesso vedono le loro opere brutalmente mutilate o comunque cambiate di segno nel passaggio al grande schermo? Hornby ha una scrittura molto visuale, fortemente cinematografica, e costruisce personaggi con tratti marcati, ideali per una narrazione di breve durata.

Rose Byrne è Annie in Juliet, Naked - Tutta un'altra musica
Rose Byrne è Annie in Juliet, Naked – Tutta un’altra musica

Juliet, Naked è l’ennesimo adattamento di una sua opera, Tutta un’altra musica, che racconta un triangolo amoroso sui generis.
La relazione abitudinaria di Annie con Duncan viene messa in crisi, infatti, dall’ossessione dell’uomo per il musicista rock misconosciuto Tucker Crowe. Non si tratta di un tradimento o di un’interferenza esterna: semplicemente Duncan non ha abbastanza amore da dare alla sua compagna perché lo riversa “mentalmente” in un rocker indie piuttosto melenso. Sarà un commento scritto da Annie a far entrare in gioco fisicamente il terzo uomo.

Chris O'Dowd interpreta Duncan in Juliet, Naked - Tutta un'altra musica
Chris O’Dowd interpreta Duncan in Juliet, Naked – Tutta un’altra musica

Ethan Hawke nel ruolo di Tucker Crowe in Juliet, Naked - Tutta un'altra musica
Ethan Hawke nel ruolo di Tucker Crowe in Juliet, Naked – Tutta un’altra musica

Una trama che racchiude in sé molti degli elementi tipici dei romanzi di Nick Hornby. Da una parte la passione per la musica, specialmente se fuori dai contesti mainstream. Dall’altra la commedia romantica, mai enfatica o gonfia di zucchero ma il più possibile aderente alla realtà (anche quando i presupposti sono poco credibili). In mezzo, personaggi che provano a mascherare le proprie irrisolutezze dietro a interessi che diventano vere e proprie ossessioni.

Juliet, Naked è poi un racconto che mette al centro il tema della crescita e della maturazione, oltre alla consapevolezza che nella vita non si è mai davvero pronti per diventare genitori. Nella trasposizione del romanzo, il regista Jesse Peretz riesce a mantenere quella leggerezza di fondo che è il sale dello stile di Nick Hornby.
Una leggerezza che non significa però superficialità. Forse nella seconda parte, quando il film entra nel vivo della relazione tra Annie e Duncan, alcuni meccanismi tendono a vacillare e ci si rifugia nella semplificazione. Ciononostante, Juliet, Naked non viene mai meno al suo obiettivo di partenza, coniugando con buona efficacia il divertimento a riflessioni non scontate e di (lieve) spessore.

Ethan Hawke, Rose Byrne e Chris O'Dowd in Juliet, Naked: nessuno dei tre è Juliet. Né Naked.
Ethan Hawke, Rose Byrne e Chris O’Dowd in Juliet, Naked: nessuno dei tre è Juliet. Né Naked.

Ovviamente il film è costruito prevalentemente intorno al trio di attori che si alternano, con la consueta ottima presenza scenica, sullo schermo.
Ethan Hawke, cresciuto sotto l’egida di Richard Linklater, indossa alla perfezione il ruolo della rockstar incasinata e con una vita sentimentale turbolenta. Rose Byrne interpreta con grazia un personaggio femminile ricco di sfaccettature e vero motore dell’azione. Chris O’Dowd mette la sua vena istrionica al servizio di Duncan, il più assimilabile per caratteristiche all’universo dei protagonisti dei romanzi di Hornby. Jesse Peretz riesce a dosare tutti gli scambi e a mantenere la giusta misura per una commedia che forse non verrà ricordata ma che ha il pregio di dire molto su di noi e sulle nostre contraddizioni.
Un film piacevole e delicato, quasi un toccasana in questi tempi bui.

Sergio

Sintesi

Juliet, Naked racchiude gli elementi tipici dei romanzi di Nick Hornby: musica, commedia romantica, ossessioni. Un film leggero ma non superficiale, piacevole e delicato, quasi un toccasana in questi tempi bui.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli