Beast of Burden – Daniel Radcliffe vola alto

Con Daniel Radcliffe non ci si annoia mai: magari non tutti i ruoli saranno bizzarri come il satiro in erba di Horns o come il cadavere petomane/bussola genitale di Swiss Army Man, ma, con ogni nuovo film, il giovane diplomato di Hogwarts sembra voler continuamente dimostrare di non dover dimostrare nulla. Beast of Burden è l’esempio più recente.

Radcliffe è Sean Haggerty, un pilota di aerei e corriere della droga tra Messico e Stati Uniti che, proprio quando pensava di esserne uscito, viene richiamato in servizio per ‘un’ultima missione’ che gli permetterà di pagare le cure per la grave malattia della moglie. I soldi non verranno dal Cartello della droga, ma dal governo americano, intenzionato a sfruttare i suoi servizi di ‘mulo’ per localizzare i malviventi e sgominare il traffico di stupefacenti. Nel corso di un’ora di volo, tutto andrà storto e Sean dovrà decidere a quale delle due parti affidarsi per garantire la sopravvivenza (sia a breve che a lungo termine) della consorte.

Anche se il tema è già stato affrontato recentemente in Barry Seal, il trailer porta alla memoria anche Tom Hardy, per motivi diversi sia in Dunkirk che in Locke.

Oltre a Radcliffe, Beast of Burden vede la partecipazione di Pablo Schreiber (visto in Orange is the new Black e American Gods) e Grace Gummer (che potete ricordare in Frances Ha o in Mr. Robot, o come terzo incomodo in The Newsroom). La sceneggiatura è di Adam Hoelzel, la regia è dello Svedese Jesper Ganslandt, responsabile di un paio di film che non ho avuto il piacere di vedere (Blondie e The Ape) e dei primi indimenticabili video degli Alcazar – e scusate ma non posso trattenermi dal riproporre quello di Crying at the discotheque: The golden years, the silver tears…

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli