Frances Ha

Frances Ha recensione [Indie]

Frances Ha recensione film di Noah Baumbach con Greta Gerwig, Adam Driver, Mickey Sumner, Michael Esper, Michael Zegen e Grace Gummer

Una rubrica Indie che si rispetti non può non parlare prima o poi del mumblecore, movimento americano di cinema indipendente nato all’inizio degli anni 2000. Caratterizzato soprattuto da sceneggiature improvvisate e attori non professionisti (che in seguito lo sono diventati), il mumbelcore predilige la produzione di film a basso budget, realizzati spesso con telecamere digitali. Il termine semionomatopeico deriva da mumble che in inglese significa borbottare, poiché, secondo il tecnico del suono Eric Masunaga, che lo ha coniato, molti film di questo genere sono caratterizzati proprio dal borbottio dei loro attori.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Greta Gerwig in Frances Ha
Greta Gerwig in Frances Ha

Tra i mumblecorps più rappresentativi non si può non citare Andrew Bujalski, che con il suo Funny Ha Ha (2002), è stato il primo a dare il via al movimento, i fratelli Mark e Jay Duplass e Joe Swanberg, che con i rispettivi The Puffy Chair (2005) e Kissing on the Mouth (2005), sono sicuramente tra i registi “simbolo” del movimento statunitense.
Tra i film più “farfuglianti”, da citare come esempio di questo tipo di cinema, che si ispira molto alla Nouvelle Vague francese, al Dogma 95 danese nonché allo stile di John Cassavetes, pioniere del cinema indipendente americano, si distingue Frances Ha, simpatica delizia del 2012 diretta da Noah Baumbach.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Scritta a quattro mani dall’affermato regista de Il calamaro e la balena (2005), prodotto da Wes Anderson, insieme alla pioniera del mumblecore e diva dell’indie Greta Gerwig, bravissima anche nell’interpretazione della svampita e terribilmente reale protagonista, Frances Ha è una rappresentazione moderna, seppur in bianco e nero, della vita strampalata di una quasi trentenne ballerina della periferia di Sacramento che vive a NY.

Greta Gerwig e Charlotte d'Amboise
Greta Gerwig e Charlotte d’Amboise

Greta Gerwig, Michael Zegen e Adam Driver
Greta Gerwig, Michael Zegen e Adam Driver

Proprio in Frances è racchiusa l’anima mumblecore della pellicola, che ritroviamo nel suo personaggio goffo ma allo stesso tempo affascinante, nelle sue conversazioni imbarazzanti ma anche realisticamente spiazzanti, nel suo essere fondamentalmente carina ma non bellissima, impegnata ma non del tutto concreta. La Gerwig, perfetta in questo ruolo quasi designato per lei, è la quintessenza del “wannabismo” della generazione dei trentenni in cerca disperata di affermazione senza la giusta volontà o talento.

Frances cerca di realizzarsi come ballerina, ma nonostante le sue intenzioni siano chiare e decise i suoi risultati non sono affatto produttivi. Oltre alle delusioni lavorative, Frances deve affrontare anche quelle relazionali. Dopo aver lasciato il suo fidanzato Dan (Michael Esper) per avere più spazio e godersi la stimolante Brooklyn con la sua amica Sophie (Mickey Sumner), quest’ultima la pianta in asso per andare a vivere in un loft a Tribeca.

Mickey Sumner e Greta Gerwig
Mickey Sumner e Greta Gerwig

Greta Gerwig in Frances Ha
Greta Gerwig in Frances Ha

I fallimenti lavorativi, che si sommano a quelli personali, non fanno che “appesantire” Frances, che durante un’imbarazzante cena con i suoi pseudo amici di turno viene apostrofata da un’amica di Sophie come giovane con la faccia da vecchia.
Innumerevoli i suoi tentativi di elevarsi a vera newyorkese realizzata, che spaziano dal trasferirsi con gli stilosi artisti Lev, interpretato dall’altrettanto mumblecore Adam Driver, e Benji (Michael Zegen), a passare un anonimo e solitario weekend a Parigi spendendo gli ultimi soldi della sua carta di credito.

Senza più un soldo né una casa, Frances è costretta ad accettare un lavoro temporaneo come assistente per gli studenti del suo ex college e grazie a questo piccolo passo indietro alla sua vecchia realtà, riesce a ricaricarsi.
Proprio le sue radici, che lei copre e quasi rinnega, la aiuteranno a ripartire ed affermarsi nella giungla newyorkese, che spesso divora e annulla, proprio come tutte le grandi città.
Emblematicamente ironica la scena finale la quale, oltre a spiegare il titolo del film, mostra una nuova Frances Hallaway che, anche se ora ha finalmente un appartamento tutto suo, per la cassetta postale sarà sempre Frances Ha.

Inevitabile il riferimento a Lady Bird, primo lungometraggio diretto in solitaria dalla Gerwig, che sembra essere la versione adolescente di Frances. Entrambi i personaggi rappresentano giovani donne, che seppur in fasi diverse delle loro vita, combattono contro le proprie insicurezze per raggiungere i loro obiettivi.

Arianna

Sintesi

Ritratto mumblecore di una giovane donna alle prese con la sua poco soddisfacente carriera da ballerina, Frances Ha, interpretata dall’icona indie Greta Gerwig, regala momenti ironici quanto malinconici, che non solo fanno riflettere ma nei quali è anche molto facile ritrovarsi.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

C’era una volta il West recensione

C'era una volta il West recensione del primo capitolo della Trilogia del Tempo di Sergio Leone con Henry Fonda, Charles Bronson, Claudia Cardinale e Jason...

Cine Rassegna Stampa del 14 agosto

Cine Rassegna Stampa del 14 agosto: il trailer de Le strade del male con Tom Holland, Robert Pattinson, Jason Clarke, Riley Keough e Mia...

Bob & Carol & Ted & Alice recensione [Flashback Friday]

Bob & Carol & Ted & Alice recensione del film di Paul Mazursky con Natalie Wood, Elliott Gould, Dyan Cannon e Robert Culp Nel pieno...

Le migliori coppie artistiche del cinema [Throwback Thursday]

Ci sono coppie di attori che sembrano fatte per recitare insieme e che rendono un film ancora più intenso. Scopriamo le migliori coppie artistiche...

Cine Rassegna Stampa del 13 agosto

Cine Rassegna Stampa del 13 agosto: Elisabeth Moss nel thriller psicologico Mrs. March per Blumhouse, Jonathan Pryce sarà il principe Filippo in The Crown,...

Kidding 2 recensione serie TV [Sky Anteprima]

Kidding 2 - Il fantastico mondo di Mr. Pickles recensione della seconda stagione della serie ideata da Dave Holstein con Jim Carrey, Frank Langella,...

Siberia recensione film di Abel Ferrara [Anteprima]

Siberia recensione film di Abel Ferrara con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac e Valentina Rozumenko Voglio vedere se possiamo raffigurare cinematograficamente...

Il re di Staten Island recensione

Il re di Staten Island recensione film di Judd Apatow con Pete Davidson, Marisa Tomei, Steve Buscemi, Bill Burr, Bel Powley, Maude Apatow e...

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto: il prequel drammatico di Willy il Principe di Bel-Air, la trilogia Fear Street sbarca su Netflix, il trailer...

Lovecraft Country recensione serie TV Episodi 1-5 [Anteprima]

Lovecraft Country recensione della serie TV di Misha Green con Jurnee Smollett, Jonathan Majors, Courtney B. Vance, Aunjanue Ellis, Abbey Lee, Jada Harris, Wunmi Mosaku,...