Frances Ha

Frances Ha recensione [Indie]

Frances Ha recensione film di Noah Baumbach con Greta Gerwig, Adam Driver, Mickey Sumner, Michael Esper, Michael Zegen e Grace Gummer

Una rubrica Indie che si rispetti non può non parlare prima o poi del mumblecore, movimento americano di cinema indipendente nato all’inizio degli anni 2000. Caratterizzato soprattuto da sceneggiature improvvisate e attori non professionisti (che in seguito lo sono diventati), il mumbelcore predilige la produzione di film a basso budget, realizzati spesso con telecamere digitali. Il termine semionomatopeico deriva da mumble che in inglese significa borbottare, poiché, secondo il tecnico del suono Eric Masunaga, che lo ha coniato, molti film di questo genere sono caratterizzati proprio dal borbottio dei loro attori.

Greta Gerwig in Frances Ha
Greta Gerwig in Frances Ha

Tra i mumblecorps più rappresentativi non si può non citare Andrew Bujalski, che con il suo Funny Ha Ha (2002), è stato il primo a dare il via al movimento, i fratelli Mark e Jay Duplass e Joe Swanberg, che con i rispettivi The Puffy Chair (2005) e Kissing on the Mouth (2005), sono sicuramente tra i registi “simbolo” del movimento statunitense.
Tra i film più “farfuglianti”, da citare come esempio di questo tipo di cinema, che si ispira molto alla Nouvelle Vague francese, al Dogma 95 danese nonché allo stile di John Cassavetes, pioniere del cinema indipendente americano, si distingue Frances Ha, simpatica delizia del 2012 diretta da Noah Baumbach.

Scritta a quattro mani dall’affermato regista de Il calamaro e la balena (2005), prodotto da Wes Anderson, insieme alla pioniera del mumblecore e diva dell’indie Greta Gerwig, bravissima anche nell’interpretazione della svampita e terribilmente reale protagonista, Frances Ha è una rappresentazione moderna, seppur in bianco e nero, della vita strampalata di una quasi trentenne ballerina della periferia di Sacramento che vive a NY.

Greta Gerwig e Charlotte d'Amboise
Greta Gerwig e Charlotte d’Amboise

Greta Gerwig, Michael Zegen e Adam Driver
Greta Gerwig, Michael Zegen e Adam Driver

Proprio in Frances è racchiusa l’anima mumblecore della pellicola, che ritroviamo nel suo personaggio goffo ma allo stesso tempo affascinante, nelle sue conversazioni imbarazzanti ma anche realisticamente spiazzanti, nel suo essere fondamentalmente carina ma non bellissima, impegnata ma non del tutto concreta. La Gerwig, perfetta in questo ruolo quasi designato per lei, è la quintessenza del “wannabismo” della generazione dei trentenni in cerca disperata di affermazione senza la giusta volontà o talento.

Frances cerca di realizzarsi come ballerina, ma nonostante le sue intenzioni siano chiare e decise i suoi risultati non sono affatto produttivi. Oltre alle delusioni lavorative, Frances deve affrontare anche quelle relazionali. Dopo aver lasciato il suo fidanzato Dan (Michael Esper) per avere più spazio e godersi la stimolante Brooklyn con la sua amica Sophie (Mickey Sumner), quest’ultima la pianta in asso per andare a vivere in un loft a Tribeca.

Mickey Sumner e Greta Gerwig
Mickey Sumner e Greta Gerwig

Greta Gerwig in Frances Ha
Greta Gerwig in Frances Ha

I fallimenti lavorativi, che si sommano a quelli personali, non fanno che “appesantire” Frances, che durante un’imbarazzante cena con i suoi pseudo amici di turno viene apostrofata da un’amica di Sophie come giovane con la faccia da vecchia.
Innumerevoli i suoi tentativi di elevarsi a vera newyorkese realizzata, che spaziano dal trasferirsi con gli stilosi artisti Lev, interpretato dall’altrettanto mumblecore Adam Driver, e Benji (Michael Zegen), a passare un anonimo e solitario weekend a Parigi spendendo gli ultimi soldi della sua carta di credito.

Senza più un soldo né una casa, Frances è costretta ad accettare un lavoro temporaneo come assistente per gli studenti del suo ex college e grazie a questo piccolo passo indietro alla sua vecchia realtà, riesce a ricaricarsi.
Proprio le sue radici, che lei copre e quasi rinnega, la aiuteranno a ripartire ed affermarsi nella giungla newyorkese, che spesso divora e annulla, proprio come tutte le grandi città.
Emblematicamente ironica la scena finale la quale, oltre a spiegare il titolo del film, mostra una nuova Frances Hallaway che, anche se ora ha finalmente un appartamento tutto suo, per la cassetta postale sarà sempre Frances Ha.

Inevitabile il riferimento a Lady Bird, primo lungometraggio diretto in solitaria dalla Gerwig, che sembra essere la versione adolescente di Frances. Entrambi i personaggi rappresentano giovani donne, che seppur in fasi diverse delle loro vita, combattono contro le proprie insicurezze per raggiungere i loro obiettivi.

Arianna

Sintesi

Ritratto mumblecore di una giovane donna alle prese con la sua poco soddisfacente carriera da ballerina, Frances Ha, interpretata dall’icona indie Greta Gerwig, regala momenti ironici quanto malinconici, che non solo fanno riflettere ma nei quali è anche molto facile ritrovarsi.

Articoli Correlati

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

I cinque migliori film sul razzismo [Throwback Thursday]

Il tema del razzismo è molto presente nel cinema. In tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, ripercorriamo insieme i migliori film sul razzismo È...

Curon: il trailer della serie TV Netflix in attesa della recensione

Curon: in attesa della recensione in anteprima, vi mostriamo il trailer della serie TV italiana Netflix disponibile dal 10 giugno in streaming Nei prossimi giorni...

Sandman: la serie TV sta arrivando su Netflix!

Sandman di Neil Gaiman, una delle migliori saghe a fumetti mai stampata, sta finalmente arrivando su Netflix Neil Gaiman, autore di American Gods e Good...

L’immensità della notte – The Vast of Night: gli Easter Egg del film su Prime Video

L'immensità della notte - The Vast of Night, opera prima di Andrew Patterson con Sierra McCormick e Jake Horowitz, disponibile su Amazon Prime Video L'immensità...

Snowpiercer Netflix recensione prima stagione completa serie TV Episodi 6-10

Snowpiercer Netflix: recensione serie TV con Jennifer Connelly, Daveed Diggs, Mickey Sumner, Iddo Goldberg, Alison Wright, Sheila Vand e Lena Hall Keep the faith, and you...

The 100 recensione stagione 7 episodio 2 7×2 Il giardino

The 100 recensione 7x2 episodio 2 stagione 7 Il giardino - The Garden con Eliza Taylor, Bob Morley, Marie Avgeropoulos e Shelby Flannery Prosegue...

The 100: perché vedere la serie TV di fantascienza su Netflix

The 100: perché vale la pena vedere la serie TV di Jason Rothenberg basata sui romanzi di Kass Morgan con Eliza Taylor e Bob...

Snowpiercer, il treno della vita: il film di Bong Joon-ho prima della serie Netflix [Throwback Thursday]

In occasione dell'uscita della serie TV Netflix ricordiamo Snowpiercer, il film di fantascienza post-apocalittica di Bong Joon-ho che ci ricorda che non siamo tutti uguali Il...

Giffoni Film Festival presenta la 50esima edizione: ospiti, date e programma 2020

Giffoni Film Festival ritorna dal 18 al 22 e dal 25 al 29 agosto 2020 e dal 26 al 30 dicembre 2020: ospiti e programma...

Space Force recensione serie TV [Netflix Anteprima]

Space Force recensione serie TV di Greg Daniels e Steve Carell con Steve Carell, John Malkovich, Diana Silvers, Tawny Newsome, Ben Schwartz, Lisa Kudrow Boots...