The Haunting of Bly Manor

The Haunting of Bly Manor recensione serie TV di Mike Flanagan [Netflix Anteprima]

The Haunting of Bly Manor recensione serie TV Netflix di Mike Flanagan con Victoria Pedretti, Henry Thomas, Oliver Jackson-Cohen, Amelie Bea Smith, Benjamin Evan Ainsworth, Tahirah Sharif, T’Nia Miller, Amelia Eve, Katie Parker e Kate Siegel

Ho detto che è una storia di fantasmi. Ma non lo è.
È una storia d’amore.
(Il Narratore in The Haunting of Bly Manor)

Recensione priva di spoiler: le omissioni dell’autore sono da considerarsi volute

Se The Haunting of Hill House ha rinnovato la narrazione horror con una storia corale perfettamente splendida, come direbbe la piccola protagonista di questa nuova serie interpretata da Amelie Bea Smith e dai suoi profondissimi ed inquietanti occhi, memori della precedente esperienza con Hill House durante la visione di The Haunting of Bly Manor ci ritroveremo compulsivamente a cercare il telecomando per abbassare il volume al timore del prossimo imminente jumpscare, che sia in prossimità di uno specchio o al calar della notte, mentre i protagonisti vagano nel vuoto immenso di un oscuro maniero che chiede di essere esplorato.

Il brillante creatore di The Haunting Mike Flanagan con Bly Manor cambia completamente registro, passando da un horror corale ad un dramma psicologico sull’elaborazione del lutto e della morte che ci scava nell’intimo, tra religione e credenze, attraverso un commovente viaggio carico di tristezza sulla consapevolezza della perdita, necessaria per superare il lutto e la negazione del malessere che nasce come autodifesa alla sofferenza per la scomparsa delle persone amate.

Oliver Jackson-Cohen
Oliver Jackson-Cohen

Victoria Pedretti
Victoria Pedretti

Io non ero morta, ero soltanto molto molto triste.
Eppoi ho scoperto il segreto e così non sono stata triste mai più.
Morto non significa andato via, quindi non devi essere triste.
(Amelie Bea Smith in The Haunting of Bly Manor)

Ispirato, come Hill House, ai romanzi gotici e ai racconti dell’orrore di Henry James, The Haunting of Bly Manor è una storia di amori eccitanti e tribolati, contrastati da un destino avverso e sepolti dall’orrore e dalla rovina. Amori impossibili eppure immortali, in grado di superare le barriere terrene diventando soprannaturali, i cui spaventosi segreti sono rimasti avvolti nel mistero sin troppo a lungo.

Amori trascinanti e passionali che per gelosia possono sfociare nel possesso: in molti scambiano l’amore con il possesso, seppur amore e proprietà siano agli opposti.
Altri invece rifiutano l’amore e la complessità delle persone, che spesso obbligano a sforzi tremendi per non ottenere quasi nulla in cambio, un po’ come i fiori di luna.

Henry Thomas
Henry Thomas

Tahirah Sharif e Amelie Bea Smith
Tahirah Sharif e Amelie Bea Smith

Le persone sono come stanze chiuse: hanno serrature diverse e devi indovinare la forma della loro chiave. Proprio come ci sono chiavi per tutte le porte presenti in questa residenza eccessivamente grande. Chiavi diverse per porte diverse. E se vuoi che qualcuno apra una porta, devi provare diverse chiavi finché non trovi quella che le apre.
(Oliver Jackson-Cohen in The Haunting of Bly Manor)

The Haunting of Bly Manor è una dolorosa e struggente metafora dei ricordi e degli amori che svaniscono: come va affrontato un lutto, sempre che se ne abbia la forza? Sin troppo spesso rinchiudersi nei ricordi e isolarsi nei sogni è l’unica via di fuga per non accettare la realtà e rifugiarsi da essa. L’amore dei nostri genitori, fratelli, partner, è la ricchezza e la fortuna più grande, e pur di allontanare il dolore e la tristezza ed essere invisibili al loro tocco si cerca un posto sicuro dove rinchiudersi e non soffrire mai più.

Ma una perdita non colmata genera solo bisogni, solitudine e rabbia, e mentre si cerca di rimanere aggrappati alla vita e trattenersi nel mondo, lo spirito, così come ogni altra cosa, si arrende al trascorrere del tempo.

Amelie Bea Smith
Amelie Bea Smith

Amelie Bea Smith e Tahirah Sharif
Amelie Bea Smith e Tahirah Sharif

Non possiamo contare sul passato.
Noi crediamo di avere catturato tutto nei ricordi,
ma i ricordi sfumano e possiamo sfumare pure noi.
(The Haunting of Bly Manor)

L’adorabile ritorno come protagonisti dei nostri beniamini Nell e Luke di Hill House, Victoria Pedretti e Oliver Jackson-Cohen, oltre ovviamente ad Henry Thomas e alla nostra preferita Kate Siegel stavolta senza guantini, solletica i ricordi ed alimenta una inevitabile connessione sentimentale con la miniserie horror del 2018.

Successivamente all’unica debolezza dell’opera, il quinto episodio afflitto da problemi di scrittura che, nel cercare di mantenersi criptico, tra passato, presente e futuro propone una narrazione sin troppo frammentaria e tediosa, Bly Manor divampa in un crescendo emozionale che raggiunge il suo culmine tra la commozione del settimo e la rivelazione dell’ottavo e penultimo episodio.

Non paura ma lacrime, non tensione ma commozione: Mike Flanagan ha avuto il coraggio di cambiare genere e struttura – dall’horror al dramma, dall’azione corale all’introspezione intima che buca suggestivamente la quarta parete quando nell’epilogo Il Narratore, che non possiamo svelarvi, nel parlare ai suoi ascoltatori sembrerà rivolgersi direttamente a noi – proponendo una narrazione originale carica di romanticismo e nostalgia, in bilico tra sogni e realtà, ricordi e speranze, sofferenza e guarigione.

The Haunting of Bly Manor recensione serie TV Netflix di Mike Flanagan
Victoria Pedretti e Benjamin Evan Ainsworth

The Haunting of Bly Manor recensione serie TV Netflix di Mike Flanagan
The Haunting of Bly Manor di Mike Flanagan

Le frasi di The Haunting of Bly Manor

– È perfettamente splendido.
– Si, e tu sei perfettamente pazza!
(Amelie Bea Smith e Benjamin Evan Ainsworth)

Le bambole sono fantastiche: puoi usarle per inventare le persone che vuoi e raccontare delle storie.
(Amelie Bea Smith)

– Quant’è lontana l’India?
– È più lontana della nostalgia, ma meno di un addio.
(Amelie Bea Smith e Alex Essoe)

La vita è un po’ strana in realtà: certe volte il giusto sembra sbagliato e lo sbagliato sembra giusto.
È questa la differenza tra i bambini e gli adulti: vedere il quadro completo.
(Oliver Jackson-Cohen)

Sintesi

Con The Haunting of Bly Manor Mike Flanagan cambia completamente registro, passando dall'horror corale di Hill House ad un dramma psicologico sull'elaborazione del lutto e della morte, dolorosa e struggente metafora dei ricordi e degli amori che svaniscono raccontata attraverso una narrazione originale carica di romanticismo e nostalgia.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Trieste Science + Fiction Festival 2020: il programma con tutti i film e le serie TV in concorso e gli ospiti alla 20esima edizione...

Trieste Science + Fiction Festival 2020: il programma, i film e gli ospiti della 20esima edizione del festival dedicato alla fantascienza, tra anteprime come...

Cinema News del 29 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 29 ottobre: Ralph Fiennes e Carey Mulligan in The Dig, Gemma Arterton nella miniserie Black Narcissus, Nicole Kidman nella serie Things...

La leggenda dell’Uomo Nero: i migliori film sul Boogeyman o Babau [Horror Week]

La leggenda dell'Uomo Nero: i migliori film al cinema sul Babau, dalla trilogia Boogeyman a Sinister e Babadook Prima dell'Uomo Nero rileggi l'appuntamento dedicato a...

Cinema News del 28 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 28 ottobre: la fantascienza di George Clooney in The Midnight Sky e di Brian K. Vaughan in Y: The Last Man,...

Paura nella città dei morti viventi recensione film di Lucio Fulci [Trilogia della Morte]

Paura nella città dei morti viventi recensione del film scritto da Dardano Sacchetti e diretto da Lucio Fulci con Christopher George e Catriona MacColl Tra...

La bottega dei suicidi recensione film di Patrice Leconte [Horror Week]

La bottega dei suicidi recensione film d'animazione scritto e diretto da Patrice Leconte basato sul romanzo Il negozio dei suicidi di Jean Teulé Trapassati o...

Food For Change recensione film di Benoît Bringer [Terra di Tutti Film Festival]

Food For Change recensione documentario di Benoît Bringer presentato al Terra di Tutti Film Festival “Il vostro piatto è legato a tutti i problemi che...

Cinema News del 27 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 27 ottobre: Superhero news con Oscar Isaac Moon Knight, le riprese di Spider-Man 3 e le prime immagini della nuova Batwoman...

Utopia recensione serie TV [Amazon Prime Video Anteprima]

Utopia recensione serie TV di Gillian Flynn con John Cusack, Ashleigh LaThrop, Dan Byrd, Sasha Lane,  Desmin Borges, Jessica Rothe, Rainn Wilson, Christopher Denham e Cory Michael...

Ravenna Nightmare Film Fest 2020: il programma con tutti i film in concorso e gli ospiti alla XVIII edizione [RNFF 20]

Ravenna Nightmare Film Fest 2020: da Marco Bellocchio ai Manetti Bros., passando per i nuovi corti di Yorgos Lanthimos e Jonathan Glazer, scopriamo il...