Pinocchio

Pinocchio recensione

Pinocchio recensione del film di Matteo Garrone con Roberto Benigni, Gigi Proietti, Federico Ielapi, Rocco Papaleo, Marine Vacth e Massimo Ceccherini

Fare una trasposizione cinematografica del Pinocchio di Collodi non era facile. Tantissimi sono stati i tentativi e tutti, o quasi, sono falliti. Perché? Perché la storia delle avventure di Pinocchio, il burattino che sognava di diventare un bambino vero, senza un lavoro di riscrittura totale, come per il Pinocchio di Walt Disney, è impresa praticamente impossibile. Per restituire attraverso le immagini quel realismo “fantastico” di cui è pregno il racconto di Collodi, l’alternarsi di sfumature cupe e goliardiche o il continuo innalzarsi e abbassarsi del ritmo narrativo fra un episodio e l’altro, serve una sensibilità e un pizzico di geniale follia non facile da ritrovare.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Pinocchio recensione
Matteo Garrone e Federico Ielapi durante le riprese di Pinocchio

Roberto Benigni nei panni di Geppetto
Roberto Benigni nei panni di Geppetto

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Eppure Matteo Garrone è riuscito a rendere tutto questo alla perfezione. Non stiamo dicendo che si tratti di un film perfetto. Anzi, ma in confronto al risultato finale dell’opera sarebbe un vezzo stare qui ad evidenziare dei difetti che non intaccano la piacevolezza della visione. In una sceneggiatura che il regista romano e Massimo Ceccherini, co-sceneggiatore oltre che interprete, cercano in tutti i modi di mantenere fedele al racconto originale – con buona pace di chi pretende una narrativa dai ritmi serrati anche dalla trasposizione di una fiaba suddivisa in episodi e dalla storia editoriale non proprio lineare – le atmosfere cupe che il burattino più famoso del mondo attraversa sono rese perfettamente da una fotografia sempre eccezionale e da un lavoro scenografico curatissimo.

Va evidenziato il lavoro eccezionale che Mark Coulier, già vincitore di due premi Oscar, Jessica Brooks e tutto il reparto makeup sono riusciti a fare sul giovane Federico Ielapi, ma anche su tutti i personaggi antropomorfi. Infatti, per questo Pinocchio, ha voluto usare gli attori in carne ossa, senza l’utilizzo quindi di motion capture o CGI. L’effetto di questo lavoro, che sottolineiamo ancora una volta come eccezionale, dà alla pellicola quell’effetto di realisticità del “fantastico” che si sposa perfettamente con la storia di Collodi.

Pinocchio recensione
Pinocchio allo spettacolo di marionette di Mangiafuoco

Pinocchio recensione
Federico Ielapi e Alida Baldari Calabria nei panni di Pinocchio e della Fata Turchina

Eccezionale è anche la prova del cast. Federico Ielapi è un Pinocchio convincente al cento per cento, così come Alida Baldari Calabria e Alessio Di Domenicantonio rendono merito, rispettivamente, ai personaggi della Fata Turchina bambina e di Lucignolo. Senza considerare la prova del duo PapaleoCeccherini nei panni del Gatto e la Volpe: la miseria, non solo materiale, che traspare dalle due maschere è ironica e disperata insieme, portando lo spettatore a provare pena e compassione per due personaggi assolutamente spregevoli.

Pinocchio recensione
La Volpe, Massimo Ceccherini, con l’aiuto del Gatto, Rocco Papaleo, cercano di convincere Federico Ielapi, Pinocchio, a piantare i suoi zecchini al campo dei miracoli

Marine Vacht nei panni della Fata Turchina
Marine Vacht nei panni della Fata Turchina

Un paragrafo a parte merita il Geppetto di Roberto Benigni. Lontano dal grande schermo da ormai 7 lunghi anni – l’ultima apparizione nel non fortunatissimo film di Woody Allen, To Rome With Love – c’era un po’ di scetticismo attorno al suo ruolo. Un pregiudizio nato anche a causa del dimenticato e dimenticabile Pinocchio diretto e interpretato dallo stesso Roberto Benigni nel 2002. Invece, sotto la direzione di Garrone, il suo Geppetto, seppur non perfetto, è un personaggio assolutamente credibile nel contesto creato ad arte dal regista.

Insomma, con una regia solida e un lavoro di produzione ben concepito, Garrone ci regala un’altra piccola perla assolutamente imperdibile, di certo la miglior trasposizione cinematografica del racconto di Collodi. Una fiaba a tinte dark per tutta la famiglia che per 125 minuti, con una narrazione semplice e lineare, ci porta a vivere uno spettro di emozioni in continua evoluzione, trasformando noi stessi da semplici burattini a bambini veri.

Sintesi

Matteo Garrone, quattro anni dopo Il racconto dei racconti, torna a occuparsi del mondo delle fiabe, riportando sul grande schermo Pinocchio. Nonostante il difficile compito, il regista romano è riuscito nell'impresa di realizzare una trasposizione quanto più fedele all'originale racconto di Carlo Collodi, con una regia solida e curata nei minimi particolari. Eccezionali, soprattutto, il lavoro di makeup di Mark Coulier e il montaggio di Marco Spoletini con una menzione speciale alle musiche di Dario Marianelli.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articolo precedenteLast Christmas recensione
Articolo successivoSpie sotto copertura recensione

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...

Coffee and Cigarettes recensione (versione restaurata)

Coffee and Cigarettes recensione film di Jim Jarmusch in edizione restaurata con Roberto Benigni, Steven Wright, Joie Lee, Tom Waits, Cinqué Lee, Steve Buscemi,...

Buon compleanno M. Night Shyamalan: i suoi migliori film [Throwback Thursday]

M. Night Shyamalan compie 50 anni: ripercorriamo i migliori successi del regista dai finali a sorpresa Il 6 agosto del 1970 nasceva M. Night Shyamalan,...

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...