Midway

Midway recensione

Midway recensione del film di Roland Emmerich con Ed Skrein, Patrick Wilson, Luke Evans, Mandy Moore, Aaron Eckhart, Dennis Quaid e Woody Harrelson

Da molti ritenuto uno dei più importanti registi del cinema catastrofico, Roland Emmerich vanta una filmografia molto variegata, con tonfi epocali (leggasi Godzilla) e progetti atipici come Anonymous e Stonewall. Dopo il sequel di uno dei suoi prodotti di maggior successo, Independence Day, il cineasta tedesco torna con un film fortemente voluto, anche di fronte al rifiuto degli Studios, basato su uno dei momenti cruciali della Seconda Guerra Mondiale, la battaglia di Midway, tassello fondamentale per la riscossa degli Stati Uniti e per il cambiamento delle sorti del conflitto. Un controcampo di Pearl Harbor, se vogliamo, non a caso diretto nel 2001 da un regista a lui affine come Michael Bay.

MadMass.it consiglia (by Amazon.it)

Roland Emmerich parte da una costruzione storica che sembra tutto sommato credibile per mettere in scena quello che sa fare meglio: interminabili sequenze d’azione che si svolgono prevalentemente a bordo di aeroplani impegnati in continue evoluzioni. Uno schema a cui siamo abituati e che rientra nel modo di concepire il cinema del regista tedesco. Forse memore della lezione di Nolan (Dunkirk), Emmerich sceglie di sposare diversi punti di vista nel racconto della battaglia, abbracciando persino quello giapponese negli unici spezzoni in cui il film abbandona quella retorica e quel patriottismo tipici di molta produzione americana.

Ed Skrein e Mandy Moore
Ed Skrein e Mandy Moore

MadMass.it consiglia (by Amazon.it)

Midway recensione
Nick Jonas in Midway

L’idea è ben precisa: celebrare e riportare alla memoria una serie di eroi che con il coraggio hanno contribuito alla grandezza degli Stati Uniti (e non è casuale che il protagonista sia forse quello più dimenticato dalla Storia). Nella ricostruzione del conflitto, Midway si sofferma sugli episodi chiave, partendo da un iniziale momento di pace tra i due Paesi per arrivare a mettere in scena Pearl Harbor e a raccontare quel sentimento di rivalsa che cominciò a pervadere i soldati americani. Di fatto, la battaglia nel Pacifico rappresentò uno dei casi più emblematici di come il coraggio e la strategia militare possano ribaltare un esito che appare inevitabile.

Potendo contare su un mix di attori affidabili come Woody Harrelson, Patrick Wilson, Luke Evans, Aaron Eckhart e Dennis Quaid, e giovani promesse quali Ed Skrein e Nick Jonas, Emmerich sacrifica la psicologia dei personaggi e punta sulla loro fisicità, riducendoli a caratteri molto basilari. Ne risulta evidentemente penalizzata la sceneggiatura, che soffre terribilmente soprattutto nelle scene di raccordo, quando l’azione lascia spazio al dialogo e all’approfondimento del background dei protagonisti. Questo aspetto porta inevitabilmente chi guarda a disinteressarsi della trama e ad attendere con impazienza le sequenze action che, sebbene non particolarmente innovative, riescono a tenere a livello di suspense e spettacolarità.

Dennis Quaid
Dennis Quaid è l’Ammiraglio William “Bull” Halsey in Midway

Woody Harrelson in Midway
Woody Harrelson in Midway

È quindi molto complicato dare un giudizio esaustivo su Midway. Da una parte, infatti, accontenterà i fan di Emmerich e chi è alla ricerca di un war movie frenetico e senza fronzoli. Dall’altra, invece, deluderà chi si aspetta un racconto stratificato e in grado di analizzare con precisione le psicologie di personaggi che si trovano a vivere situazioni limite. In un genere in cui i film di qualità sono molti, e alcuni anche recenti, riteniamo fosse lecito sperare in un qualcosa di migliore o quanto meno non rassegnarsi all’esagerata retorica patriottica di qualche scena madre.

Sergio

Sintesi

Roland Emmerich celebra e riporta alla memoria una serie di eroi che con il loro coraggio hanno contribuito alla grandezza degli Stati Uniti, attraverso la messa in scena di un war movie frenetico e ricco di interminabili sequenze d’azione, puntando sulla fisicità di attori affidabili e giovani promesse ridotti tuttavia a caratteri molto basilari da una sceneggiatura esile.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Captain recensione [FEFF 22]

The Captain recensione film di Andrew Lau con Hanyu Zhang, Hao Ou, Jiang Du, Quan Yuan, Tian’ai Zhang, Qin Li, Yamei Zhang e Qiru...

Buon compleanno Tom Hanks: le sue migliori interpretazioni

Oggi 9 luglio Tom Hanks compie 64 anni: nella sua più che prolifica carriera ci ha deliziato con tantissime performance eccezionali. Le sue migliori...

Rassegna stampa 9 luglio

Rassegna stampa 9 luglio: Paolo Sorrentino dirige È stata la mano di Dio, Leigh Whannell e Ryan Gosling per The Wolfman, i trailer degli...

Rassegna stampa 8 Luglio

Rassegna stampa 8 luglio: il ritorno di Josh Hartnett, Hilary Swank Away per Netflix, un war movie per Dylan O’Brien e Viggo Mortensen diretti...

Rassegna stampa 7 luglio

Rassegna stampa 7 luglio: addio al maestro Ennio Morricone, tutti i vincitori dei Nastri d'Argento 2020, Borderland con John Boyega e Felicity Jones, Brad...

È per il tuo bene recensione [Amazon Prime Video]

È per il tuo bene recensione film di Rolando Ravello con Marco Giallini, Giuseppe Battiston, Vincenzo Salemme, Isabella Ferrari, Claudia Pandolfi, Valentina Lodovini e...

Exit recensione [FEFF 22]

Exit recensione film di Sang Geun Lee con Jung-suk Jo, Yoon-ah Im, Du-shim Ko, In-hwan Park e Ji-yeong Kim, migliore opera prima al Far...

Suk Suk recensione [FEFF 22]

Suk Suk recensione film di Ray Yeung con Tai Bo, Ben Yuen, Patra Au, Lo Chun-yip, Kong To, Lam Yiu-sing, Wong Hiu-yee, Zheng, Lau...

Victim(s) recensione [FEFF 22]

Victim(s) recensione film di Layla Zhuqing Ji con Lu Huang, Remon Lim, Xianjun Fu, Wilson Hsu e Kahoe Hon secondo classificato al Far East...

Better Days recensione [FEFF 22]

Better Days recensione film di Derek Kwok-cheung Tsang con Zhou Dongyu, Jackson Yee, Yin Fang, Huang Jue, Wu Yue, Zhou Ye e Zhang Yifan Vincitore del...