Mank

Mank recensione film di David Fincher con Gary Oldman [Netflix Anteprima]

Mank recensione film Netflix di David Fincher con Gary Oldman, Lily Collins, Tuppence Middleton, Amanda Seyfried, Charles Dance, Arliss Howard e Tom Burke

La narrazione è un unico grande cerchio, è come una girella alla cannella, non è una linea dritta che punta all’uscita più vicina. Non si può cogliere l’intera vita di un uomo in sole due ore, il massimo che si può sperare è dare l’impressione di averlo fatto.
(Gary Oldman in Mank)

Con Mank David Fincher gira il suo Quarto potere della realizzazione di Quarto potere (Citizen Kane) di Orson Welles, uscito nel 1941 e considerato uno dei più grandi se non il più grande – secondo le classifiche di American Film Institute e BBC – film statunitense della storia del cinema.

MadMass.it consiglia by Amazon

Mank, incentrato sulla figura del drammaturgo, critico teatrale e sceneggiatore – per bisogno e capacità – Herman J. Mankiewicz viene assorbito dal contesto storico della crisi economica del 1929 – in seguito al crollo di Wall Street che impattò l’intera economia mondiale – e dalla realizzazione del debutto cinematografico del “genio della radio”, l’allora 25enne regista, interprete e produttore Orson Welles che ingaggiò Mankiewicz per scrivere il copione del film prodotto da RKO, nominato a 9 premi Oscar e vincitore di un’unica statuetta proprio alla migliore sceneggiatura originale di Mankiewicz, accreditata senza grande merito anche all’assolutista Welles.

Mank recensione film Netflix di David Fincher con Gary Oldman
Gary Oldman, Arliss Howard e Tom Pelphrey

Lily Collins e Gary Oldman
Lily Collins e Gary Oldman

– Sono un uomo finito Joe, lo sono ormai da anni.
– È la cosa migliore che tu abbia scritto.
(Gary Oldman e Tom Pelphrey in Mank)

Girato in un bianco e nero usurato dal tempo e strutturato, proprio come Quarto potere, in corposi flashback che ricostruiscono la figura di Mankiewicz negli aspetti personali – la “povera Sara (Tuppence Middleton) e gli affetti familiari, le amicizie, le frequentazioni – caratteriali – l’egocentrismo, la spocchia, la dipendenza dall’alcool e dal gioco d’azzardo – lavorativi – il clima che si respirava ad Hollywood e alla Metro Goldwyn Mayer in particolare, tra sale vuote a causa della depressione economica e tagli degli stipendi, la quotidianità degli sceneggiatori rivalutati dall’avvento del cinema sonoro che “ha bisogno di parole da onorare” tra boria, noia e necessità di fare “gioco di squadra” con la produzione e i rapporti con la neonata gilda di categoria – Mank si dimostra, come afferma l’editor John Houseman (Sam Troughton) in merito al copione di Quarto potere, una pellicola che chiede molto al pubblico cinematografico, finendo per rivolgersi ad una piccola parte di essi.

Mank si rivela infatti un’opera ostica e avara di emozioni, con rari picchi emozionali e abbastanza complicata da seguire, non prolissa ma un po’ povera di mordente, la cui più grave pecca è quella di non aver sfruttato l’onnipresente strumento del flashback a fini didascalici per dare spessore, caratterizzazione e significanza ai personaggi storici che ruotano attorno alla figura di Mankiewicz e che sono cruciali nella costruzione della visione del Citizen Kane di Orson Welles.

Amanda Seyfried è Marion Davies
Amanda Seyfried è Marion Davies

Charles Dance è William Randolph Hearst, il Citizen Kane di Orson Welles
Charles Dance è William Randolph Hearst, il Citizen Kane di Orson Welles

Nel cuore di Quarto potere: Sinclair, Mayer, Thalberg e Hearst

Se continui a dire cose false alle persone a voce alta e abbastanza a lungo è probabile che ci credano.
(Gary Oldman in Mank)

Pretendere che il pubblico abbia piena consapevolezza di figure come Upton Sinclair (Premio Pulitzer e autore di Petrolio!) e del suo attivismo politico improntato al socialismo, screditato durante le elezioni del Governatore della California del 1934 dalla macchina del fango propagandistica del padre-padrone repubblicano della MGM Louis B. Mayer e delle macchinazioni di quest’ultimo negli affari e nella politica, del brillante produttore Irving Thalberg, la cui figura viene forse tralasciata più di altre apparendo unicamente servo del potere rappresentato da Mayer, e del ricchissimo, potentissimo e tremendamente influente editore “spara letame” e politico membro del Congresso William Randolph Hearst, il Citizen Kane in persona su cui Quarto potere è basato, interpretato da Charles Dance e che ci viene raccontato più per immagini e monologhi del protagonista interpretato da Gary Oldman che non attraverso una caratterizzazione e un approfondimento del personaggio, appare francamente eccessivamente esigente e forse anche un po’ presuntuoso.

Dover attendere la fine della pellicola per scoprire che il “socialista” Hearst, innamorato solo di se stesso e del potere, mira a distruggere Upton Sinclair perché rappresenta tutto ciò che egli stesso era in giovinezza, sembra un po’ troppo poco per rivelare e mettere finalmente a nudo il cuore di Quarto potere, a fronte di una narrazione che per oltre due ore si mostra poco incisiva nel dare spessore alla stessa figura di Marion Davies (Amanda Seyfried, meno a fuoco rispetto ai ruoli ottimamente interpretati da Lily Collins e Tuppence Middleton) e lascia in secondo piano personaggi, contesti e azioni preziosi per comprendere meglio la genesi di Quarto potere, per crogiolarsi forse eccessivamente sulla vanità di Mankiewicz indugiando su situazioni pseudo-ironiche, alcoliche e di contorno.

Bandito dai nazisti e da Joseph Goebbels in persona per le sue scritture eversive contro il nazismo (ed il copione The Mad Dog of Europe mai portato sul grande schermo) e per aver aver salvato un intero villaggio di ebrei finanziandone la fuga negli USA, autore di Man of the World, Pranzo alle otto, L’idolo delle folle, The Pride of St. Louis e della prima scrittura de Il mago di Oz, Herman J. Mankiewicz era evidentemente nel cuore e nelle memorie del giornalista Jack Fincher, autore della sceneggiatura e defunto padre del regista David Fincher che, con Mank, porta sullo schermo un progetto intimo e personale, lontano dalla sua cinematografia e dal grande pubblico, imperfetto e asciutto, ma pur sempre prezioso, oggi forse più di ieri, nel ricordare l’importanza dell’indipendenza dell’informazione e della libertà di stampa contro il controllo della politica e la propaganda populista.

Mank recensione film Netflix di David Fincher con Gary Oldman
La sceneggiatura di Quarto potere scritta da Herman J. Mankiewicz

Le frasi di Mank

Ogni momento della mia vita è insidioso!
(Gary Oldman in Mank)

Come al solito ne esco come il più intelligente del gruppo.
(Gary Oldman in Mank)

– Mai mi hanno licenziato!
– Mai mi hanno non licenziato!
(Sam Troughton e Gary Oldman in Mank)

A me non interessa istruire i nostri spettatori. Vuoi mandare un messaggio? Chiama Western Union!
(Arliss Howard in Mank)

Mi sento sempre più un topo in una trappola costruita da me e che riparo ogni volta che si forma un’apertura che mi permetterebbe di scappare.
(Gary Oldman in Mank)

Sintesi

David Fincher porta sullo schermo un progetto intimo e personale, lontano dalla sua cinematografia e dal grande pubblico, attraverso un'opera ostica e avara di emozioni, con rari picchi emozionali e abbastanza complicata da seguire, che manca di dare spessore, caratterizzazione e significanza ai personaggi storici che ruotano attorno alla figura di Herman J. Mankiewicz e che sono cruciali nella costruzione della visione del Citizen Kane (Quarto potere) di Orson Welles, rimanendo tuttavia preziosa nel ricordare l'importanza dell'indipendenza dell'informazione e della libertà di stampa contro il controllo della politica e la propaganda populista.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Space Jam: A New Legacy: trama cast e polemiche su Space Jam 2

Space Jam: A New Legacy: trama cast e polemiche su Space Jam 2 con Lebron James e i Looney Tunes Space Jam: A New Legacy,...

Critics Choice Awards vincitori: trionfa Nomadland, sorprese Carey Mulligan e Maria Bakalova

Critics Choice Awards vincitori: Nomadland vince Miglior Film, Miglior Sceneggiatura Non Originale, Miglior Fotografia e Miglior Regia La serata dei Critics Choice Awards tenutasi ieri notte...

WandaVision: il new deal inaugurato da Disney+ e Marvel

E se WandaVision avesse un senso più ampio nell'economia di Disney+ e Marvel? Un nuovo punto di vista sulla serie che ha letteralmente rotto...

Gli ultimi fuorilegge recensione film con Emile Hirsch e John Cusack [Anteprima]

Gli ultimi fuorilegge recensione film di Ivan Kavanagh con Emile Hirsch, John Cusack, Déborah François, Blake Berris, Danny Webb, Antonia Campbell-Hughes Gli ultimi fuorilegge è...

Ticket To Paradise: trama e cast del nuovo film con George Clooney e Julia Roberts

George Clooney e Julia Roberts ritornano a recitare insieme in Ticket To Paradise, film diretto da Ol Parker con Billie Lourd Dopo Ocean's Eleven, Ocean's...

Limbo: il nuovo film di Alejandro G. Iñárritu a sei anni da The Revenant

Alejandro G. Iñárritu con Limbo ritorna dietro alla macchina da presa a sei anni da The Revenant Due premi Oscar come regista per i capolavori...

Gangster n° 1 recensione film di Paul McGuigan con Malcolm McDowell

Gangster n° 1 recensione film scritto da Johnny Ferguson e diretto da Paul McGuigan con Malcolm McDowell, Paul Bettany e David Thewlis Gangster n° 1...

Christian Bale su Netflix con The Pale Blue Eye di Scott Cooper: trama e cast del film

The Pale Blue Eye di Scott Cooper con Christian Bale acquisito da Netflix per 55 milioni di dollari durante l'European Film Market Dall'1 al 5...

Cinema News: Russel Crowe sarà Mark Rothko, The Talisman di Stephen King su Netflix con Steven Spielberg

Cinema News by Night su MadMass.it Julie Taymor torna alla regia per Gun Love David Simon al lavoro su una nuova miniserie per HBO ...

WandaVision recensione episodio 9 Finale della Serie: la forza del brand Marvel

WandaVision recensione episodio 9 Finale della Serie: conclusione miniserie TV con Elizabeth Olsen e Paul Bettany e forza del brand Marvel Cinematic Universe - Prima...