Il buco

Il buco recensione [Netflix]

Il buco recensione film di Galder Gaztelu-Urrutia con Iván Massagué, Antonia San Juan, Zorion Eguileor, Alexandra Masangkay e Emilio Buale

Diretto da Galder Gaztelu-Urrutia, Il buco racconta la storia di Goreng (Iván Massagué), un volontario che decide di entrare in una immensa prigione che si estende in verticale dove ai detenuti il cibo viene fornito attraverso una piattaforma che fluttua scendendo gradualmente tra i suoi tantissimi livelli: un sistema profondamente iniquo nel quale i detenuti dei piani superiori hanno la possibilità di prendere molto più cibo del necessario privando e affamando quelli dei piani sottostanti. Goreng decide di prodigarsi affinché questa ingiustizia cessi e i prigionieri riescano a dividersi equamente il cibo.

Il buco di Galder Gaztelu-Urrutia disponibile su Netflix
Il buco di Galder Gaztelu-Urrutia disponibile su Netflix

Presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival nel 2019, dove ha vinto il premio del pubblico ed è stato acquistato da Netflix, Il buco in seguito è stato distribuito nelle sale cinematografiche spagnole a partire dall’8 novembre 2019 e ad Hong Kong dal 6 marzo 2020 incassando a livello globale circa 383mila dollari.

Riprendendo l’idea del panopticon elaborata nel 1791 dal filosofo e giurista Jeremy Bentham, che ipotizzava la progettazione di un carcere ideale in cui fosse permesso ad un unico sorvegliante di osservare tutti i detenuti senza consentire a questi di capire se fossero in quel momento controllati o meno, Galder Gaztelu-Urrutia realizza la sua “personalissima distopia”, sovvertendo, e in un certo senso semplificando, gli schemi elaborati da Bentham e dando vita ad un complesso studio sociologico dove l’attenzione si alterna continuamente tra le azioni intraprese da un singolo individuo e l’effetto che queste scelte o questi comportamenti possono avere sulla collettività.

Alexandra Masangkay
Alexandra Masangkay

Zorion Eguileor
Zorion Eguileor

Accanto ad una sceneggiatura cinica, diretta, essenziale nella sua tesi e nella sua argomentazione, troviamo la costruzione di uno spazio sterile, a tratti soffocante e claustrofobico, in cui i protagonisti sono spinti a riflettere sulle loro intenzioni interrogandosi sul proprio futuro e sulla propria sorte, nel disperato tentativo di trovare una via d’uscita che li conduca più vicini all’idea di libertà.

Saranno il materialista ed hopkinsiano Trimagasi (Zorion Eguileor) e l’idealista Imoguiri (Antonia San Juan) a smuovere la coscienza di Goreng costringendolo a valutare – secondo il classico metodo socratico basato su domanda/risposta – le ragioni sostenute da entrambi i personaggi. La sua forza nasce quindi da un’assimilazione costante di elementi situati all’interno e all’esterno del proprio corpo, idee che si fanno largo nella sua mente spingendolo ad una nuova consapevolezza e, forse, verso una soluzione che possa rispondere alle esigenze collettive.

È in questa delicata e complessa realtà che Goreng decide di elaborare un piano, vittima delle disparità sociali createsi nel buco, ma conscio del potere delle singole scelte e di una volontà ferrea.

Nicola

Alexandra Masangkay
Alexandra Masangkay

Il buco recensione film Netflix
Il buco di Galder Gaztelu-Urrutia disponibile su Netflix

Sintesi

Cinico e diretto, Galder Gaztelu-Urrutia realizza un film capace di affrontare in modo inedito tematiche umane e sociali puntando su elementi essenziali, una narrazione fluida e un ritmo coinvolgente che inchioda lo spettatore allo schermo e non delude.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...