Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni Unposted recensione

Chiara Ferragni – Unposted recensione del documentario di Elisa Amoruso su Chiara Ferragni

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni – Unposted tra recensioni negative della critica e valore dell’influenza

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Anno Domini 1791: Jeremy Bentham, filosofo e giurista inglese, progetta il Panopticon, carcere modello la cui architettura permette ad un unico sorvegliante, collocato in una torre centrale, di controllare i detenuti in tutte le celle, disposte a cerchio con le sbarre della porta verso l’interno del cerchio. I detenuti non possono vedere né gli altri carcerati né, grazie ad un ingegnoso gioco di luci, il guardiano, che invece ha completa visione sia sull’interno delle celle sia sulle attività dei secondini a lui sottoposti.

Chiara Ferragni - Unposted recensione
Chiara Ferragni, prima influencer al mondo nel campo della moda secondo Forbes

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Anno Domini 1998: Nelle sale americane esce The Truman Show, la pellicola di Peter Weir in cui un inconsueto Jim Carrey interpreta un uomo adottato e cresciuto da una misteriosa società in un Grande Fratello (scegliete voi se televisivo o di orwelliana memoria) basato sullo svolgimento della sua vita, prima di scoprire l’inganno e fuggire via nel mondo reale. Intervistato per un contributo sulla realizzazione del film inserito in un documentario, il regista australiano sostiene che si tratta di un film difficile da realizzare perché quello che avveniva sullo schermo in teoria non sarebbe mai potuto accadere.

Anno Domini 2019: Dopo la reality television, è il momento di Facebook, Instagram e ultimo in ordine di tempo TikTok. Chiara Ferragni è una delle regine incontrastate dei social media e diventa protagonista sul grande schermo con Chiara Ferragni – Unposted, il documentario firmato dalla regista italiana Elisa Amoruso che ha l’obiettivo di approfondire quello che quasi 18 milioni di follower nel mondo seguono quotidianamente sui propri dispositivi.

Chiara Ferragni - Unposted recensione
Chiara Ferragni nel documentario di Elisa Amoruso

Tra il Panopticon di Bentham e il documentario di Elisa Amoruso non sembrano poi passati duecento e rotti anni. Dalla necessità di tenere sotto il controllo visivo di uno una moltitudine siamo in un lampo arrivati allo sovraesposizione di uno al cospetto di una platea sterminata e in continuo aumento. Certo, non si parla più di architettura carceraria e ci sono state diverse rivoluzioni culturali, tecnologiche e industriali, ma l’ossessione dello sguardo è continuata a crescere fino a diventare necessaria.

La storia di Chiara Ferragni fa “giurisprudenza”. Al netto della costruzione della self-made woman che ha messo su un impero grazie a un mix di incoscienza, determinazione e passione – su cui è difficile provare altro che una sana invidia – quello che colpisce è la volontà di raccontare una storia che praticamente è già stata vista per forza di cose. Cosa c’è di Unposted in una biografia in continuo aggiornamento con post, stories e simili? Fatta eccezione per il materiale d’archivio personale, tutto quello che va a comporre il racconto dell’imprenditrice digitale italiana più famosa al mondo è un continuo ed incessante deja-vu che aggiunge poco o nulla al suo mito.

Il documentario di Elisa Amoruso
Il documentario di Elisa Amoruso

Prendere qualcosa che è già sotto gli occhi di tutti, ripensarlo e riconfezionarlo per una platea universale è una dichiarazione di strapotere imaginifico da estendere letteralmente ovunque. Chiara Ferragni insomma afferma senza nessuna paura di voler essere la nostra Truman Burbank e di non avere alcun bisogno di salpare a bordo della Santa Maria per affrontare il mare perchè lei è l’oceano in cui siamo tutti immersi, volenti o nolenti.

E’ difficile giudicare Chiara Ferragni – Unposted soltanto come documentario, di cui peraltro non è un brillantissimo esempio e alla lunga risulta stancante, ma se l’uscita in sala ha registrato un successo pazzesco di pubblico non bisogna sottovalutare nè il potere nè la realtà di cui è testimone.

Chiara Ferragni e Elisa Amoruso
Chiara Ferragni e Elisa Amoruso all’anteprima americana di Chiara Ferragni – Unposted

Il documentario di Elisa Amoruso
Chiara Ferragni e Elisa Amoruso

Chiara Ferragni - Unposted: il Poster
Chiara Ferragni – Unposted: il Poster

Sintesi

Al netto della costruzione della self-made woman che ha messo su un impero grazie a un mix di incoscienza, determinazione e passione, quello che colpisce è la volontà di raccontare una storia che praticamente è già stata vista per forza di cose. Cosa c'è di Unposted in una biografia in continuo aggiornamento con post, stories e simili? Fatta eccezione per il materiale d'archivio personale, tutto quello che va a comporre il racconto dell'imprenditrice digitale italiana più famosa al mondo è un continuo ed incessante deja-vu che aggiunge poco o nulla al suo mito.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...

Gretel e Hansel recensione [Anteprima]

Gretel e Hansel recensione film di Oz Perkins con Sophia Lillis, Alice Krige, Samuel Leakey, Jessica De Gouw, Fiona O'Shaughnessy e Charles Babalola Trasformare la...

Galveston recensione

Galveston recensione del film di Mélanie Laurent con Ben Foster, Elle Fanning, Jeffrey Grover, Christopher Amitrano, Mark Hicks, María Valverde, Beau Bridges e Michael Ray Escamilla A quante...

Howard: la vita, le parole recensione del documentario su Howard Ashman [Disney+]

Howard: la vita, le parole recensione del documentario Disney+ su Howard Ashman diretto da Don Hahn con interviste ad Alan Menken, Bill Lauch, Jodi...

Venezia 77: The Human Voice di Pedro Almodóvar e One Night in Miami di Regina King si aggiungono al Fuori Concorso

Venezia 77: The Human Voice di Pedro Almodóvar e One Night in Miami di Regina King si aggiungono al Fuori Concorso La Biennale di Venezia...

Cine Rassegna Stampa del 3 agosto

Cine Rassegna Stampa del 3 agosto: addio ad Alan Parker, Scream 5 prende forma, Netflix e Ubisoft portano sullo schermo Splinter Cell e Beyond...