How I Met Your Father

How I Met Your Father recensione serie TV con Hilary Duff [Disney+ Anteprima]

How I Met Your Father recensione serie TV di Isaac Aptaker ed Elizabeth Berger con Hilary Duff, Kim Cattrall, Chris Lowell, Suraj Sharma, Tien Tran, Francia Raisa e Tom Ainsley

Spin-off della nota serie CBS How I Met Your Mother, la nuova comedy con protagonista Hilary Duff How I Met Your Father debutta sulla piattaforma Disney+ l’11 maggio. Ideata da Isaac Aptaker ed Elizabeth Berger (This is Us e Love, Victor) e composta da dieci episodi, la serie racconta le avventure nella New York del 2022 di un gruppo di amici.

Come per la serie madre, anche qui, il motore che dà il via all’azione è collocato più avanti nel futuro, nel 2050 dove Sophie (Kim Cattrall nella versione adulta) avvia una chiamata con il figlio per raccontargli come ha conosciuto suo padre: nel 2022 la Sophie di allora (Hilary Duff) è un’aspirante fotografa che divide l’appartamento con la sua migliore amica, Valentina (Francia Raisa), appena tornata dalla settimana della moda di Londra, dove ha lavorato per diventare stilista. Sophie è una ragazza sognatrice e in cerca del vero amore. Nonostante i numerosi appuntamenti su Tinder, Sophie non sembra aver fortuna e l’ultima persona con cui ha trovato una connessione, l’affascinante Ian, si è appena traferito in Australia. Altrettanto sfortunato in amore è il suo amico e autista di Uber/aspirante cantante Jesse (Chris Lowell), rifiutato dalla fidanzata durante la proposta di matrimonio e diventato un meme su Internet per questo episodio. Il migliore amico e coinquilino di Jesse è Sid (Suraj Sharma), proprietario del Pemberton, bar appena aperto e impegnato in una relazione a distanza. Dall’Iowa, fresca di divorzio da sua moglie è, poi, giunta Ellen (Tien Tran), sorella adottiva di Jesse e desiderosa più che mai di vivere le bellezze e le avventure delle notti newyorkesi. A completare il gruppo c’è, infine, Charlie (Tom Ainsley), aristocratico inglese decaduto che ha lasciato Londra per amore di Valentina.

Hilary Duff e Christopher Lowell
Hilary Duff e Christopher Lowell (Credits: Disney+)
Hilary Duff e Francia Raisa
Hilary Duff e Francia Raisa (Credits: Disney+)

How I Met Your Father – thirty, thrifty & thriving 

Nonostante la vena comedy risulti alquanto stantia e poco originale (gag sulle differenze tra inglesi e americani, sbadataggine e qualche momento slapstick) la serie ha il pregio di raccontare in maniera (abbastanza) veritiera i trentenni di oggi: nessuno dei protagonisti è affermato dal punto di vista professionale, ma tutti si barcamenano nella costosa vita di New York come possono, svolgendo diversi lavori in attesa di raggiungere il successo. A ciò aggiungiamo che sono ancora alla ricerca di una stabilità emotiva e per farlo si rivolgono ad app di incontri come Tinder, mettendosi in gioco anche in situazioni assurde. Un pregio della serie è proprio quello di non demonizzare l’uso di queste app di incontri, ma al contrario presentarle come la normalità e come tali sono vissute dai protagonisti. Sono trentenni che vivono con lo smartphone in mano, perennemente connessi ai social e timorosi di essere lasciati fuori dal mondo e dalla velocità con cui cambia (il cosiddetto FOMO, fear of missing out, che dà anche il titolo al secondo episodio della serie).

Chris Lowell, Suraj Sharma e Tien Tran
Chris Lowell, Suraj Sharma e Tien Tran (Credits: Disney+)
How I Met Your Father recensione serie TV con Hilary Duff
Hilary Duff, Francia Raisa e Tom Ainsley (Credits: Disney+)

La presenza di una protagonista femminile, una Hilary Duff che conserva l’atteggiamento spumeggiante, ironico e a volte pasticcione della sua Lizzie McGuire e che non potrebbe essere più adatta al ruolo di protagonista, permette alla serie di mostrare anche il suo rapporto con Valentina, celebrando l’amicizia femminile e i legami che uniscono al di là di quelli sentimentali. Anche l’introduzione di un personaggio LGBTQ+, Ellen, promette bene, perché la donna non viene definita in base alla sua sessualità, ma è dotata di una personalità e di una storyline propria, che ne mostra i lati del carattere e la rende divertente e realistica. I primi due episodi della serie sono girati da Pamela Fryman, storica regista di HIMYM, mentre tra i produttori esecutivi abbiamo i creatori della serie originale Carter Bays e Craig Thomas. Disponibile negli USA dal mese di febbraio, How I Met Your Father è stata già rinnovata per una seconda stagione, dimostrando di essere un format che, al di là dei suoi limiti, ancora attira il pubblico, complice proprio quell’effetto nostalgia che ha richiamato molti fan di HIMYM.

How I Met Your Father è un’adorabile sottofondo, una visione piacevole, non innovativa, ma leggera e che strappa un sorriso. Si lascia guardare e, complice il minutaggio da sitcom, intrattiene senza andare troppo in là con le pretese.

Sintesi

Spin-off della serie CBS How I Met Your Mother, la nuova comedy con protagonista Hilary Duff riprende alcuni elementi della serie originale, ma riesce a reinventarsi quanto basta per raccontare in maniera abbastanza realistica i trentenni di oggi. How I Met Your Father è un'adorabile sottofondo, una visione piacevole, non innovativa ma leggera, che strappa un sorriso e intrattiene.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

How I Met Your Father recensione serie TV con Hilary Duff [Disney+ Anteprima]Spin-off della serie CBS How I Met Your Mother, la nuova comedy con protagonista Hilary Duff riprende alcuni elementi della serie originale, ma riesce a reinventarsi quanto basta per raccontare in maniera abbastanza realistica i trentenni di oggi. How I Met Your Father è un'adorabile sottofondo, una visione piacevole, non innovativa ma leggera, che strappa un sorriso e intrattiene.