Honey Boy

Honey Boy recensione

Honey Boy recensione del film di Alma Har’el con Shia LaBeouf, Lucas Hedges, Noah Jupe, Clifton Collins Jr., FKA twigs e Byron Bowers

L’attore Shia LaBeouf (Transformers, Nymphomaniac) durante un periodo di riabilitazione per problemi di alcol e droga, si trova a dover scrivere della propria infanzia travagliata e del rapporto con il padre, anch’esso alcolizzato. Questo è sia il cenno biografico da cui nascerà Honey Boy, sia la trama del film stesso, che si presenta quindi come un’opera dalla forte impronta metacinematografica, ma mai fine a se stessa; se da un lato ciò diventa il modo per lo sceneggiatore LaBeouf di esorcizzare momenti delicati della sua vita attraverso la forma testuale che più gli è abituale in quanto attore (la sceneggiatura appunto), dall’altro il film si inserisce coerentemente nel corpus delle opere della regista indipendente Alma Har’el, che già nel precedente LoveTrue avvicinava il film a una performance terapeutica.

Honey Boy recensione
Shia LaBeouf in Honey Boy

Lucas Hedges
Lucas Hedges

In questo senso è cruciale la decisione della regista di far interpretare il ruolo del padre a Shia LaBeouf stesso, solo in questo modo infatti, attraverso la recitazione (dove inizialmente era stata la scrittura), può riconoscere in sè alcuni comportamenti tossici ereditati dal padre e nel finale abbandonarli nel riconciliarsi con lui.

Honey Boy si configura quindi come una riflessione sulla recitazione e il rapporto genitore- figlio è il contrappeso da cui scaturiscono le ambiguità più interessanti (il figlio riconosce che è il padre che ha permesso la sua carriera da attore): il padre è il manager del protagonista e anche se spesso svolge il suo ruolo in modo altalenante, lo segue sui set e lo aiuta ad esercitarsi (al contrario di una madre presente solo telefonicamente); tuttavia il fatto che il genitore dipenda economicamente dal figlio è spesso causa di conflitto.

FKA twigs in Honey Boy
FKA twigs in Honey Boy

Honey Boy recensione
Honey Boy

Si può dire che la volontà di recitare nasca nel protagonista dal desiderio di emulare un padre gigionesco nella vita (lo vediamo all’inizio del film intento a intrattenere una donna sul set) e nel lavoro (è infatti un clown da rodeo); ma qui si inserisce un ulteriore elemento di instabilità: se infatti il figlio recitando ottiene un certo prestigio (viene riconosciuto per strada), il padre resta un buffone e ciò spesso gli causa un senso di inadeguatezza nei confronti del figlio che accusa di credersi meglio di quello che è.

Infine, gli abusi paterni diventano il bagaglio emotivo da cui attinge il protagonista quando recita e contribuiscono al suo talento.

La recitazione diventa anche l’unico strumento che ha il protagonista per rapportarsi con il proprio genitore, da una parte filtra la violenza degli scambi verbali interpretando una parte e riducendoli quindi a finzione, dall’altra replica gli schemi di famiglie ideali che è abituato a interpretare sui set all’interno del suo contesto famigliare disfunzionale.

Francesco F.P.

Sintesi

Honey Boy si presenta come un'opera dalla forte impronta metacinematografica: se da un lato Shia LaBeouf esorcizza momenti delicati della sua vita, dall'altro il film inteso come performance terapeutica si inserisce coerentemente nel corpus delle opere della regista indipendente Alma Har'el. Honey Boy si configura come una riflessione sulla recitazione e sul rapporto genitore - figlio, con Shia LaBeouf che, interpretando il suo stesso padre, può riconoscere in sé alcuni comportamenti tossici ereditati da quest'ultimo, abbandonarli e riconciliarsi con lui.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 20 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 20 settembre: Eddie Murphy vince il suo primo Emmy, Mark Wahlberg protagonista di Good Joe Bell, Matt Dillon ci racconta in...

Rifkin’s Festival: trailer e trama del nuovo film di Woody Allen

Rifkin’s Festival: trailer e trama del nuovo film di Woody Allen con Wallace Shawn e Gina Gershon presentato dal regista al San Sebastián Film...

Luca Zingaretti è Il Re nella nuova serie prison drama Sky Original

Il Re: Luca Zingaretti protagonista della nuova serie prison drama in onda su Sky Original nel 2021 Dopo il grandissimo successo di Vis a vis...

Cinema News del 19 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 19 settembre: Colin Firth e Stanley Tucci in Supernova, John Boyega in The Test, Idris Elba a cavallo in Concrete Cowboy,...

Il postino recensione del film di e con Massimo Troisi [Disney+]

Il postino recensione del film di Michael Radford e co-diretto e interpretato da Massimo Troisi con Philippe Noiret e Maria Grazia Cucinotta Come spesso accade, i grandi talenti...

After 2 recensione film con Josephine Langford Hero Fiennes Tiffin e Dylan Sprouse

After 2 recensione film di Roger Kumble con Josephine Langford, Hero Fiennes Tiffin, Dylan Sprouse, Louise Lombard, Candice King e Pia Mia After 2 è il...

Cinema News del 18 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 18 settembre: Tatiana Maslany è She-Hulk, arriva il sequel di Baby Boss intitolato The Boss Baby: Family Business, Rami Malek e...

Sentieri selvaggi recensione del film di John Ford con John Wayne [Flashback Friday]

Sentieri selvaggi recensione del film di John Ford con John Wayne, Natalie Wood, Ward Bond, Jeffrey Hunter, Vera Miles e Henry Brandon Nel parlare di...

Le strade del male recensione film con Tom Holland Robert Pattinson e Riley Keough [Netflix]

Le strade del male recensione film di Antonio Campos con Tom Holland, Robert Pattinson, Riley Keough, Jason Clarke, Bill Skarsgård, Haley Bennett, Mia Wasikowska, Eliza...

Django Unchained recensione del film di Quentin Tarantino

Django Unchained recensione del film di Quentin Tarantino con Jamie Foxx, Christoph Waltz, Leonardo DiCaprio, Kerry Washington, Samuel L. Jackson e Don Johnson La particolarità di quel...