Honey Boy

Honey Boy recensione

Honey Boy recensione del film di Alma Har’el con Shia LaBeouf, Lucas Hedges, Noah Jupe, Clifton Collins Jr., FKA twigs e Byron Bowers

L’attore Shia LaBeouf (Transformers, Nymphomaniac) durante un periodo di riabilitazione per problemi di alcol e droga, si trova a dover scrivere della propria infanzia travagliata e del rapporto con il padre, anch’esso alcolizzato. Questo è sia il cenno biografico da cui nascerà Honey Boy, sia la trama del film stesso, che si presenta quindi come un’opera dalla forte impronta metacinematografica, ma mai fine a se stessa; se da un lato ciò diventa il modo per lo sceneggiatore LaBeouf di esorcizzare momenti delicati della sua vita attraverso la forma testuale che più gli è abituale in quanto attore (la sceneggiatura appunto), dall’altro il film si inserisce coerentemente nel corpus delle opere della regista indipendente Alma Har’el, che già nel precedente LoveTrue avvicinava il film a una performance terapeutica.

Honey Boy recensione
Shia LaBeouf in Honey Boy

Lucas Hedges
Lucas Hedges

In questo senso è cruciale la decisione della regista di far interpretare il ruolo del padre a Shia LaBeouf stesso, solo in questo modo infatti, attraverso la recitazione (dove inizialmente era stata la scrittura), può riconoscere in sè alcuni comportamenti tossici ereditati dal padre e nel finale abbandonarli nel riconciliarsi con lui.

Honey Boy si configura quindi come una riflessione sulla recitazione e il rapporto genitore- figlio è il contrappeso da cui scaturiscono le ambiguità più interessanti (il figlio riconosce che è il padre che ha permesso la sua carriera da attore): il padre è il manager del protagonista e anche se spesso svolge il suo ruolo in modo altalenante, lo segue sui set e lo aiuta ad esercitarsi (al contrario di una madre presente solo telefonicamente); tuttavia il fatto che il genitore dipenda economicamente dal figlio è spesso causa di conflitto.

FKA twigs in Honey Boy
FKA twigs in Honey Boy

Honey Boy recensione
Honey Boy

Si può dire che la volontà di recitare nasca nel protagonista dal desiderio di emulare un padre gigionesco nella vita (lo vediamo all’inizio del film intento a intrattenere una donna sul set) e nel lavoro (è infatti un clown da rodeo); ma qui si inserisce un ulteriore elemento di instabilità: se infatti il figlio recitando ottiene un certo prestigio (viene riconosciuto per strada), il padre resta un buffone e ciò spesso gli causa un senso di inadeguatezza nei confronti del figlio che accusa di credersi meglio di quello che è.

Infine, gli abusi paterni diventano il bagaglio emotivo da cui attinge il protagonista quando recita e contribuiscono al suo talento.

La recitazione diventa anche l’unico strumento che ha il protagonista per rapportarsi con il proprio genitore, da una parte filtra la violenza degli scambi verbali interpretando una parte e riducendoli quindi a finzione, dall’altra replica gli schemi di famiglie ideali che è abituato a interpretare sui set all’interno del suo contesto famigliare disfunzionale.

Francesco F.P.

Sintesi

Honey Boy si presenta come un'opera dalla forte impronta metacinematografica: se da un lato Shia LaBeouf esorcizza momenti delicati della sua vita, dall'altro il film inteso come performance terapeutica si inserisce coerentemente nel corpus delle opere della regista indipendente Alma Har'el. Honey Boy si configura come una riflessione sulla recitazione e sul rapporto genitore - figlio, con Shia LaBeouf che, interpretando il suo stesso padre, può riconoscere in sé alcuni comportamenti tossici ereditati da quest'ultimo, abbandonarli e riconciliarsi con lui.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...