Dimenticanze

Dimenticanze recensione cortometraggio di Victor Carlo Vitale

Dimenticanze, cortometraggio del 2019 diretto ed interpretato dall’attore e regista Victor Carlo Vitale, visto recentemente in Come Niente: la recensione

Dimenticanze recensione cortometraggio di e con Victor Carlo Vitale, Mara Di Maio, Daniela Manetta, Riccardo Socionovo e Brandon Tartaglia

Ogni uomo dovrebbe danzare, per tutta la vita. Non essere ballerino, ma danzare“: scrive così il ballerino Rudolf Nureyev nella sua lettera di addio al mondo della danza. Un augurio poetico e un promemoria molto vicino al messaggio che si evince da Dimenticanze, cortometraggio del 2019 diretto ed interpretato dall’attore e regista Victor Carlo Vitale, visto recentemente in Come Niente, il nuovo film di Davide Como.

Lo short film – prodotto dalla società Guasco e vincitore nella categoria “Best Inspirational Film” al Paris Film Festival – è il ritratto in bianco e nero di un uomo maturo ed ex ballerino, che d’un tratto non riesce più a ricordare. Il suo mondo interiore inizia ad andare in pezzi, mentre cerca di ritrovare se stesso sulle note del compositore Sergej Vasil’evic Rachmaninov.

Victor Carlo Vitale e Mara Di Maio
Victor Carlo Vitale e Mara Di Maio (Credits: Guasco)

Tra emozioni e sogni

Lo spettatore viene immerso in un turbinio di emozioni contrastanti – pace e rabbia, serenità e inquietudine – accompagnate da una crescente velocizzazione narrativa ed espressiva. Le sequenze sono rapide, la musica accelera, i danzatori e l’attore principale si alternano sulla scena.
L’intero contesto richiama la dimensione del sogno, dei ricordi. Molto rappresentativa è la sequenza in cui due ballerini fluttuano con eleganza in un passo a due armonioso, che si scontra volontariamente con il clima di trepidazione che travolge il protagonista. Una scena che ricorda molto – non solo visivamente ma anche emotivamente – il finale dell’ultimo film di Charlie Kaufman, Sto pensando di finirla qui. Anche lì ritroviamo, infatti, due ballerini che danzano meravigliosamente, mentre il protagonista svela allo spettatore i suoi ricordi e le sue verità.

Il peggior nemico dei cortometraggi – si sa – è il tempo: avere pochi istanti per dire ciò che si vuole trasmettere significa essere più diretti ed essenziali possibile. Se l’elemento temporale è sfruttato a dovere e funziona, allora il prodotto ha buone possibilità di avere successo. È questo il caso di Dimenticanze: in poco meno di 10 minuti si assiste al viaggio interiore del soggetto principale, con il quale facilmente si entra in empatia. Le sequenze sono bilanciate, non ci si sofferma troppo sulla singola scena, e così tutto assume senso mentre si giunge alla fine: le dimenticanze tornano ad essere ricordi, la musica termina e il mondo è di nuovo a colori.

Dimenticanze recensione cortometraggio di Victor Carlo Vitale
Dimenticanze: la locandina

Sintesi

Dimenticanze è il viaggio interiore di un uomo alla ricerca dei propri ricordi. Lo short film è una meraviglia per gli occhi e un inno del regista Victor Carlo Vitale al suo amore per la danza.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Dimenticanze è il viaggio interiore di un uomo alla ricerca dei propri ricordi. Lo short film è una meraviglia per gli occhi e un inno del regista Victor Carlo Vitale al suo amore per la danza.Dimenticanze recensione cortometraggio di Victor Carlo Vitale