7500

7500 recensione con Joseph Gordon-Levitt [Amazon Prime Video Anteprima]

7500 recensione film di Patrick Vollrath con Joseph Gordon-Levitt, Aylin Tezel, Carlo Kitzlinger, Omid Memar e Murathan Muslu

Nella storia della cinematografia mondiale i dirottamenti aerei hanno sempre fatto gola ai registi, sia per il loro potere adrenalinico sia per il messaggio e la morale che spesso riescono a veicolare. Solo per citarne alcuni tra i più recenti Flightplan (2005), thriller post 11 settembre con Jodie Foster, Non-Stop (2014) con Liam Neeson nei panni di un agente federale intimidito da messaggi sconosciuti e Volo Pan Am 73 (2016), pellicola bollywoodiana che narra la storia vera della hostess Neerja Bhanot minacciata da un’organizzazione terroristica, tutti e tre girati a bordo di aeromobili, sono sicuramente i più rappresentativi del “terrorismo ad alta quota”, che anche se risulta essere una tematica molto battuta dai cineasti, non stanca mai e inchioda lo spettatore alla poltrona sin dal primo minuto. Ed è proprio quello che succede vedendo 7500, esordio nel lungometraggio di Patrick Vollrath, regista tedesco che si è aggiudicato nel 2015 una nomination all’Oscar al miglior cortometraggio con Everything Will Be Okay. In effetti chi sa qualcosa di aviazione può immaginare, già dal titolo, la trama della pellicola, conoscendo il significato che ha il codice 7500, utilizzato in caso di atti illegali a bordo, come ad esempio un dirottamento aereo o la presenza di una bomba a bordo.

Joseph Gordon-Levitt in 7500
Joseph Gordon-Levitt in 7500

7500 recensione con Joseph Gordon-Levitt
Aylin Tezel

Sin dalle prime scene, in cui i futuri terroristi vengono ripresi dalle telecamere dell’aeroporto mentre passano i controlli di sicurezza ed effettuano futili acquisti nei duty free che poi si riveleranno fatali armi nelle loro mani, si viene catapultati in un’atmosfera molto realistica che permette allo spettatore di entrare subito in empatia con la storia.

Successivamente si viene trasportati direttamente nel cockpit dell’aereo, che sarà l’unico luogo in cui si svolge l’intero film, rendendo il passaggio di scena quasi automatico e fondamentale per lo svilupparsi della vicenda che vede come protagonista il co-pilota del volo di linea da Berlino a Parigi, Tobias Ellis, interpretato da un eccellente Joseph Gordon-Levitt, già apprezzato in Inception, (500) Days of Summer, Inception, 50/50 e The Dark Knight Returns.

7500 di Patrick Vollrath con Joseph Gordon-Levitt
7500 di Patrick Vollrath con Joseph Gordon-Levitt

Dopo un incipit molto soft in cui viene raccontata la normale routine di un equipaggio che si prepara all’imbarco dei passeggeri e in cui, durante i soliti convenevoli di conoscenza che si fanno prima di iniziare il turno, viene svelata dal comandante tedesco Michael (Carlo Kitzlinger) la relazione tra l’americano co-pilota, che vive e lavora a Berlino, e l’hostess Gökce (Aylin Tezel), l’atmosfera si surriscalda immediatamente, eliminando di colpo la rilassatezza iniziale e lasciando spazio a un pathos crescente e persistente fino alla fine, proprio come accade nello stile hitchcockiano.

Le stesse persone normali che all’inizio sono state riprese dalle silenti inquadrature aeroportuali si trasformano all’improvviso  in spietati e crudeli terroristi che al grido di “Allahu akbar” sono intenzionati a sacrificare non solo tutti i passeggeri del volo ma anche le loro vite, mettendo in atto un vero e proprio dirottamento dell’aereo con la volontà di farlo schiantare.

Aylin Tezel
Aylin Tezel

Diversi gli espedienti narrativi utilizzati dal giovane regista tedesco che andrebbero approfonditi. Primo fra tutti la già accennata scelta di un unico set, la cabina di pilotaggio, tanto angusta quanto indispensabile per la resa claustrofobicamente coinvolgente del film. Tutto accade e finisce lì dentro, conferendo importanza sia agli attori al suo interno, divisi fra buoni e cattivi, sia allo spazio stesso che diventa protagonista in tutti i suoi dettagli.

Un altro aspetto da non sottovalutare che contribuisce ad aumentare la parte action del film è lo schermo presente nel cockpit che funge da terzo occhio per Tobias, il quale per l’intera durata del volo riesce a monitorare la situazione ormai degenerata all’interno della cabina passeggeri dell’Airbus A319. Inoltre, fondamentale per la virata psicologica del thriller la conversazione finale tra Tobias e Vedat (Omid Memar), il terrorista più giovane e inesperto che viene descritto dal regista come l’anello debole dell’organizzazione. La chiacchierata alterna infatti toni accesi e estremamente nervosi a semplici domande di conoscenza tra due sconosciuti e si riallaccia, come a chiudere il cerchio, alla frase di Gandhi che comprare all’inizio del film, “Occhio per occhio e il mondo diventa cieco”.

Più che soddisfacente il debutto nel lungometraggio di Vollrath che, con 7500 presentato al Locarno film festival 2019, non si perde nella retorica del thrilling terroristico ma focalizza l’occhio della suo camera su problematiche e questioni, quali l’integralismo religioso e le sue conseguenze, sempre più connesse con la nostra realtà e società.

Arianna

Sintesi

Sorprendente esordio nel lungometraggio del regista tedesco Patrick Vollrath che in 7500 si chiude con la sua macchina da presa nel cockpit di un Airbus A319, rendendo la cinepresa la vera protagonista dell'opera insieme ad un eccellente Joseph Gordon-Levitt, il co-pilota coraggioso, vittima di un dirottamento da parte di un’organizzazione terroristica.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...