Normal People

Normal People recensione serie TV [Anteprima]

L’adattamento del romanzo omonimo di Sally Rooney, Normal People è la serie TV più intensa degli ultimi tempi.

Normal People recensione serie TV con Daisy Edgar-Jones, Paul Mescal, Desmond Eastwood, Aislín McGuckin, Sarah Greene e India Mullen

Non è facile trattare un tema blasonato e raccontato in tutte le salse, come l’amore, in un modo originale, a tratti struggente e difficilmente catalogabile in un unico genere: ci riferiamo a Normal People, serie tratta dal romanzo di Sally Rooney, scrittrice irlandese di appena 29 anni che, dopo il successo del libro, ha deciso di partecipare attivamente alla scrittura dello show rimanendo il più possibile fedele al libro.

In effetti, Normal People non è una serie da amore a prima vista, non riesce a catturare subito l’attenzione e la curiosità dello spettatore proprio perché, seppur sia un prodotto audiovisivo, ha una strutta di racconto più simile a un romanzo.

Lentezza, silenzi, pause, riflessioni sono le materie prime della serie, specialmente nelle prime puntate. Non è adatta allo spettatore frettoloso, a quello che guarda la TV mentre sta al cellulare o solo come compagnia. È una serie che richiede impegno e attenzione perché la chiave emozionale sta proprio nel non detto.

MadMass.it consiglia (by Amazon.it)

Daisy Edgar-Jones e Paul Mescal
Marianne e Connell, interpretati da Daisy Edgar-Jones e Paul Mescal, sono i protagonisti di Normal People

Daisy Edgar-Jones
Daisy Edgar-Jones

I protagonisti di Normal People sono due adolescenti al liceo, eppure non è il solito teen drama cui siamo abituati. Per fortuna.

Marianne (Daisy Edgar-Jones) e Connell (Paul Mescal) sono due adolescenti normali pur nelle loro diversità, tuttavia fra di loro nasce un amore maturo e sincero, non un amore che sognano le bambine ma sicuramente un amore che lascia il segno.

Infatti, Marianne e Connell usano questo amore per aiutarsi, crescono e si migliorano anno dopo anno. Superano il liceo, vanno al college insieme, frequentano altre persone, hanno relazioni stabili ma senza mai lasciarsi andare.

La vera bellezza di Normal People sta nel fatto di accettare come normale anche la depressione, il sadismo, la sofferenza e la violenza domestica. Sono loro gli unici che conoscono i reciproci segreti e non smetteranno mai di esserci l’uno per l’altra.

Normal People recensione serie TV
Daisy Edgar-Jones e Paul Mescal

Normal People recensione serie TV
Paul Mescal

Normal People Non è un teen drama perché non c’è l’ossessione per i cellulari, i social, le feste e i lustrini. Mostra l’altra faccia dei ragazzi, quella che quasi nessuno osa toccare senza escamotage narrativi.

La regia di Lenny Abrahamson e Hettie Macdonald porta sullo schermo una serie ricca di intensi primi piani, di scene di sesso che non lasciano nulla all’immaginazione e un’atmosfera cupa che ricalca le vicende dei personaggi.

Una scelta sicuramente furba è quella di adattare la durata delle puntate al racconto, e non alla durata canonica dei drama da quarantacinque minuti: seguendo una narrazione molto lenta e ricca di pause lo spettatore non avrebbe retto una durata convenzionale, infatti le puntate durano circa venti minuti per non risultare tediose.

Normal People non è una serie facile ma sicuramente non lascia indifferente lo spettatore.

Sintesi

Normal People, adattamento del romanzo di Sally Rooney, è una serie intensa che riesce a scardinare la narrazione tipica del teen drama per affacciarsi ad un racconto drammatico e crudo. Nonostante l'opera scorra molto lentamente è impossibile non innamorarsi dei due protagonisti Marianne e Connell, interpretati magistralmente da Daisy Edgar-Jones e Paul Mescal.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Better Days recensione [FEFF 22]

Better Days recensione film di Derek Kwok-cheung Tsang con Zhou Dongyu, Jackson Yee, Yin Fang, Huang Jue, Wu Yue, Zhou Ye e Zhang Yifan Vincitore del...

Far East Film Festival 2020 vincitori: Better Days vince #FEFF22

Far East Film Festival 2020: vince Better Days (Cina) di Derek Kwok-cheung Tsang, secondo Victim(s) (Malaysia) di Layla Zhuqing Ji, terzo I WeirDO (Taiwan)...

Beasts Clawing at Straws recensione [FEFF 22]

Beasts Clawing at Straws recensione film di Young-hoon Kim con Do-yeon Jeon, Woo-sung Jung, Sung-woo Bae, Yeo-jeong Yoon e Man-sik Jeong Premiere italiana anche per il...

#HandballStrive recensione [FEFF22]

#HandballStrive recensione film di Daigo Matsui con Seishiro Kato, Kotaro Daigo, Himi Sato, Ryota Bando, Fuku Suzuki, Seimu Iwamoto e Miku Tanaka Daigo Matsui ha una...

The President’s Last Bang recensione [FEFF 22]

The President’s Last Bang recensione film di Sang-soo Im con Yoon-sik Baek, Suk-kyu Han, Jae-ho Song, Eung-soo Kim e Won-joong Jeong Per il bene della...

The Closet recensione [FEFF 22]

The Closet recensione film di Kwang-bin Kim con Jung-woo Ha, Nam-gil Kim, Yool Heo, Si-ah Kim, Hyun-bin Shin e Soo-jin Kim Prendendo The Closet come...

Dance with Me recensione [FEFF 22]

Dance with Me recensione film di Shinobu Yaguchi con Ayaka Miyoshi, Akira Takarada, Takahiro Miura e Yū Yashiro al Far East Film Festival 2020 Nei...

Romance Doll recensione [FEFF 22]

Romance Doll recensione film di Yuki Tanada con Issey Takahashi, Yū Aoi, Yasuhiro Koseki e Taki Pierre al Far East Film Festival 2020 Fa il suo...

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]

i-Documentary of the Journalist recensione documentario di Tatsuya Mori presentato al Far East Film Festival 2020 "Isoko Mochizuki sono io. Isoko Mochizuki è tutti noi. Un po'...

Cry recensione [FEFF 22]

Cry recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Misao Hirayama e Riko Hisatsugu presentato in anteprima internazionale al Far East Film Festival 2020 Quanti...