Devs

Devs recensione serie TV di Alex Garland [Anteprima]

DEVS: la recensione della serie di Alex Garland (Ex Machina) che immerge intrigo, tecnologia e condizione umana in una miscela ad alto potenziale filosofico.

Devs recensione miniserie TV di Alex Garland con Sonoya Mizuno, Nick Offerman, Alison Pill, Karl Glusman, Zach Grenier, Jin HaCailee Spaeny

Sergei e Lily vivono a San Francisco, coppia nella vita ed entrambi impiegati della tech company Amaya; come per tante altre menti brillanti della Bay Area, un pullman li porta ogni mattina da casa al post di lavoro, in una foresta fuori città. Ma questo non è un giorno come gli altri: Sergei presenterà personalmente le sue idee al CEO, Forest; una demo di successo potrebbe spianargli la strada per entrare nel team degli sviluppatori di DEVS, un progetto avvolto nel segreto, al quale il boss dedica da anni tutto se stesso.
Ma, quando per Sergei si aprono le porte dorate dell’Olimpo tecnologico, Lily non avrà altra scelta che iniziare una rapida discesa verso l’abisso.

Sonoya Mizuno (Lily), protagonista di DEVS
Sonoya Mizuno (Lily), protagonista di DEVS

DEVS è una serie autoconclusiva di otto puntate, creata e diretta da Alex Garland, noto dapprima come scrittore (con il romanzo The Beach, dal quale Danny Boyle e John Hodge adattarono l’omonimo e ingiustamente vituperato film con Leonardo DiCaprio), poi sceneggiatore (per lo stesso Boyle e non solo: suoi sono gli script di 28 giorni dopo e Sunshine, ma anche l’adattamento del romanzo di Kazuo Ishiguro Non lasciarmi/Never Let Me Go con Carey Mulligan, Andrew Garfield e Keira Knightley, ed il Dredd con Karl Urban), infine autore di opere ambiziose e rispettate come Ex Machina (che mise in luce il talento di Alicia Vikander) ed il film Netflix Annientamento/Annihilation, con Natalie Portman protagonista.

Alex Garland, regista e sceneggiatore di DEVS
Alex Garland, regista e sceneggiatore di DEVS

DEVS è il perfetto contrappunto proprio al debutto da regista di Garland, grazie alla sua unione, contrapposizione, sublimazione di temi tecnologici e filosofici.

Lo spunto di partenza è il ruolo nella società delle aziende informatiche e dei loro fondatori e presidenti, considerati dall’opinione pubblica alternativamente come Messia o scaltri imprenditori, fornitori di servizi essenziali o creatori di bisogni montati ad arte, visionari benefattori o megalomani deliranti.
Ma Alex Garland non è interessato a queste facili estremizzazioni, e dà vita invece ad un discorso molto più complesso e profondo, un’analisi della condizione umana nella quale la tecnologia è solo il mezzo, al servizio di desideri, bisogni e pulsioni antichi come i dipinti murali nelle grotte di Lescaux.

Sergei (Karl Glusman) e Forest (Nick Offerman) alle porte di DEVS
Sergei (Karl Glusman) e Forest (Nick Offerman) alle porte di DEVS

Tralasciamo ogni altro particolare della trama per non svelare dettagli, intrighi e sorprese. Anche se DEVS ha il pregio di non tenere celate a lungo le proprie intenzioni, non frustra gli spettatori con misteri irrisolti, accompagnandoli invece nel viaggio, permettendo loro di scegliere il proprio livello di coinvolgimento, consentendo loro di arrivare autonomamente alla comprensione, o di lasciarsi trasportare dal ritmo delle otto puntate.

Otto puntate da gustare una per una, e che non si prestano al binge watching: perché alla fine di ognuna di esse verrà naturale spegnere la tv e riflettere, vagliarne le idee e le suggestioni, confrontarle con la propria esperienza, assimilarle o rigettarle.

Alison Pill interpreta la capoprogetto Katie in DEVS
Alison Pill interpreta la capoprogetto Katie in DEVS

Davanti alla macchina da presa sono i tratti delicati e determinatissimi di Lily (Sonoya Mizuno, protagonista della memorabile scena di ballo con Oscar Isaac in Ex Machina e, irriconoscibile, della scena più incredibile di Annientamento), gli occhi burberi di Nick Offerman (noto per il ruolo brillante di Ron Swanson nella sitcom Parks and Recreation, ma perfetto nel ricoprire alternatamente l’atteggiamento da Padre-Padrone del CEO Forest), il cipiglio di Alison Pill (molto più a suo agio qui che in Picard) nella parte di Katie, team leader di DEVS e braccio destro di Forest, l’espressione esasperata di Zach Grenier (che ricordiamo soprattutto come il boss altrettanto esasperato del Narratore in Fight Club, e che qui interpreta il Capo della Sicurezza Kenton).
Il cast inoltre annovera Karl Glusman (Animali notturni, The Neon Demon) nel ruolo di Sergei, Cailee Spaeny (vista in 7 sconosciuti a El Royale, Vice e Una giusta causa) e Stephen McKinley Henderson (Padre Leviatch in Lady Bird e prossimamente in Dune) nella parte degli sviluppatori Lyndon e Stewart, mentre l’attore di musical Jin Ha interpreta Jamie, amico di Lily, e Jefferson Hall (visto di sfuggita in Game of Thrones e ne Il risveglio della Forza) è il senzatetto Pete.

Kenton (Zach Grenier) vigila sulla sicurezza di DEVS
Kenton (Zach Grenier) vigila sulla sicurezza di DEVS

La narrazione di Garland è sostenuta al meglio dal lavoro dei suoi collaboratori abituali: il freddo e scintillante production design di Mark Digby (responsabile anche di Slumdog Millionaire e di Rush), l’accuratissima fotografia di Rob Hardy (che ha ricoperto lo stesso ruolo anche in Mission:Impossible – Fallout) e la sublime e straniante colonna sonora a cura di Geoff Burrow e Ben Salisbury assieme a The Insects.

Una miscela stimolante che porterà anche voi a restare svegli, nel buio della notte, mentre cercate una risposta a mille domande: su DEVS, ma soprattutto sulle scelte della vostra vita.

Cailee Spaeny
Cailee Spaeny nei panni mascolini di Lyndon in DEVS

Stephen McKinley Henderson interpreta Stewart in DEVS
Stephen McKinley Henderson interpreta Stewart in DEVS

Sintesi

La nuova serie creata e diretta da Alex Garland offre intrigo e spunti di riflessione sul ruolo della tecnologia, sui limiti della scienza e sulla condizione umana, immergendoli in una narrazione coinvolgente, una fotografia e production design raffinatissimi e un'incredibile colonna sonora. Un'esperienza da godere in tutti i suoi aspetti, e che risveglierà in voi domande forse sopite dagli anni.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Better Days recensione [FEFF 22]

Better Days recensione film di Derek Kwok-cheung Tsang con Zhou Dongyu, Jackson Yee, Yin Fang, Huang Jue, Wu Yue, Zhou Ye e Zhang Yifan Vincitore del...

Far East Film Festival 2020 vincitori: Better Days vince #FEFF22

Far East Film Festival 2020: vince Better Days (Cina) di Derek Kwok-cheung Tsang, secondo Victim(s) (Malaysia) di Layla Zhuqing Ji, terzo I WeirDO (Taiwan)...

Beasts Clawing at Straws recensione [FEFF 22]

Beasts Clawing at Straws recensione film di Young-hoon Kim con Do-yeon Jeon, Woo-sung Jung, Sung-woo Bae, Yeo-jeong Yoon e Man-sik Jeong Premiere italiana anche per il...

#HandballStrive recensione [FEFF22]

#HandballStrive recensione film di Daigo Matsui con Seishiro Kato, Kotaro Daigo, Himi Sato, Ryota Bando, Fuku Suzuki, Seimu Iwamoto e Miku Tanaka Daigo Matsui ha una...

The President’s Last Bang recensione [FEFF 22]

The President’s Last Bang recensione film di Sang-soo Im con Yoon-sik Baek, Suk-kyu Han, Jae-ho Song, Eung-soo Kim e Won-joong Jeong Per il bene della...

The Closet recensione [FEFF 22]

The Closet recensione film di Kwang-bin Kim con Jung-woo Ha, Nam-gil Kim, Yool Heo, Si-ah Kim, Hyun-bin Shin e Soo-jin Kim Prendendo The Closet come...

Dance with Me recensione [FEFF 22]

Dance with Me recensione film di Shinobu Yaguchi con Ayaka Miyoshi, Akira Takarada, Takahiro Miura e Yū Yashiro al Far East Film Festival 2020 Nei...

Romance Doll recensione [FEFF 22]

Romance Doll recensione film di Yuki Tanada con Issey Takahashi, Yū Aoi, Yasuhiro Koseki e Taki Pierre al Far East Film Festival 2020 Fa il suo...

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]

i-Documentary of the Journalist recensione documentario di Tatsuya Mori presentato al Far East Film Festival 2020 "Isoko Mochizuki sono io. Isoko Mochizuki è tutti noi. Un po'...

Cry recensione [FEFF 22]

Cry recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Misao Hirayama e Riko Hisatsugu presentato in anteprima internazionale al Far East Film Festival 2020 Quanti...