Il processo ai Chicago 7

Il processo ai Chicago 7 recensione film di Aaron Sorkin [Netflix Anteprima]

Il processo ai Chicago 7 recensione film di Aaron Sorkin con Eddie Redmayne, Sacha Baron Cohen, Frank Langella, Joseph Gordon-Levitt, Mark Rylance, Jeremy Strong, Yahya Abdul-Mateen II e Alex Sharp

Ci sono i processi civili e i processi penali.
Non esiste una cosa chiamata processo politico.
(Il processo ai Chicago 7)

Tutto il mondo ci guarda: la 35esima Convention Nazionale del Partito Democratico del 1968 fu l’occasione perfetta per quattro gruppi, gli Studenti per una Società Democratica (Students for a Democratic Society), il Partito Internazionale della Gioventù (Youth International Party – YIP, meglio noti come yippies o hippies) il Partito delle Pantere Nere (Black Panther Party) e il Comitato di Mobilitazione per porre fine alla Guerra in Vietnam (National Mobilization Committee to End the War in Vietnam) per protestare pacificamente contro la Guerra del Vietnam e contro la Presidenza di Lyndon B. Johnson, artefice del disastro militare in Vietnam ferocemente perseguito anche dal successore, Richard Nixon.

I moti di Chicago sono tristemente noti per essersi trasformati in un durissimo scontro tra i manifestanti e la polizia unita alla Guardia Nazionale tra Brian Park, il parco limitrofo all’Hilton Hotel dove si svolgeva la convention dei Democratici, e le strade di Chicago, con undici morti, quattrocento persone ricoverate per le ferite riportate e migliaia di arresti.
Gli organizzatori della protesta, Tom Hayden e Rennie Davis (interpretati rispettivamente da Eddie Redmayne e Alex Sharp nelle vesti del leader degli Studenti per una Società Democratica), Abbie Hoffman e Jerry Rubin (interpretati rispettivamente da Sacha Baron Cohen e Jeremy Strong, esponenti del Partito Internazionale della Gioventù), Bobby Seale (Yahya Abdul-Mateen II dà vita al rappresentante del Partito delle Pantere Nere), David Dellinger, John Froines e Lee Weiner (John Carroll Lynch, Danny Flaherty e Noah Robbins nelle vesti di membri del Comitato di Mobilitazione per porre fine alla Guerra in Vietnam) furono arrestati e accusati di cospirazione finalizzata all’incitazione di una rivolta, ed il loro processo “politico” è divenuto uno dei più famosi e scandalosi nella storia degli Stati Uniti.

Sacha Baron Cohen, Danny Flaherty, Eddie Redmayne, Jeremy Strong e Mark Rylance
Sacha Baron Cohen, Danny Flaherty, Eddie Redmayne, Jeremy Strong e Mark Rylance

Mi dia un momento. Non sono mai stato sotto processo per i miei pensieri prima.
(Sacha Baron Cohen in Il processo ai Chicago 7)

Dal diniego del permesso di manifestazione da parte del sindaco di Chicago Richard Daley, che schierò undicimila poliziotti e seimila membri della Guardia Nazionale a protezione della Convention dei Democratici, all’applicazione della Legge Federale Rap Brown, emanata dal Congresso anche se mai utilizzata e finalizzata a perseguire gli “agitatori” forestieri che istigano alla rivolta comunità di persone al di fuori della loro città di appartenenza, Il processo ai Chicago 7 fu quasi unanimemente considerato un atto politico inqualificabile, mosso dal Procuratore Generale degli Stati Uniti John Mitchell (John Doman, Gotham) e dal suo Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d’America, su trama ordita direttamente dal Presidente Richard Nixon per colpire la sinistra radicale, responsabili di un autentico bagno di sangue che scosse gli Stati Uniti il 28 agosto 1968.

Ai sette, anzi agli otto considerando la Pantera Nera Bobby Seale, la scelta se difendersi da un processo politico o fare la rivoluzione, per quanto essa stessa abbia un significato profondamente diverso per alcuni di loro: Abbie Hoffman invoca una rivoluzione culturale tra raduni hippie e show davanti alle telecamere, l’attivista politico Tom Hayden confida nella democrazia delle elezioni e nell’espressione del potere politico per affermare i principi di giustizia, uguaglianza e progresso.

Il processo ai Chicago 7 recensione film di Aaron Sorkin
Joseph Gordon-Levitt

Il processo ai Chicago 7 recensione film di Aaron Sorkin
Sacha Baron Cohen è Abbie Hoffman

– Qual è il tuo prezzo per annullare la ribellione?
– La mia vita.
(Sacha Baron Cohen in Il processo ai Chicago 7)

Aaron Sorkin, autore delle sceneggiature di Codice d’onore, Malice – Il sospetto e premio Oscar per lo script di The Social Network, alla sua seconda regia dopo Molly’s Game, dirige un’opera spassosa e dal ritmo incalzante ricostruendo lucidamente ed abilmente un processo paradossale che vide il procuratore Richard Schultz (Joseph Gordon-Levitt) chiamare a testimoniare un numero incredibile di dipendenti federali che, per conto del Dipartimento di Giustizia, perpetravano di fatto un atto politico contro i manifestanti di Chicago, senza che le motivazioni dell’accusa potessero essere messe in discussione.

Motivazioni, si scoprirà poi, che erano state ritenute infondate pochi mesi prima dallo stesso Dipartimento di Giustizia, guidato dal precedente Procuratore Generale Ramsey Clark (Michael Keaton), poiché le indagini federali avevano concluso che era stata la polizia ad innescare gli scontri con i manifestanti, e non viceversa.

Yahya Abdul-Mateen II e Mark Rylance
Yahya Abdul-Mateen II e Mark Rylance

Sacha Baron Cohen e Jeremy Strong
Sacha Baron Cohen e Jeremy Strong

Non siamo stati arrestati. Siamo stati scelti.
(Sacha Baron Cohen in Il processo ai Chicago 7)

Sorkin rilegge Il processo ai Chicago 7 a favore dell’intrattenimento con un botta e risposta incessante che scandisce perfettamente i tempi comici: la violenza e la morte di quel tragico 28 agosto 1968 vengono tenute fuori dalla narrazione che si concentra quasi esclusivamente su quell’aula di tribunale in cui Sorkin spadroneggia da assoluto maestro.

Al contrario, le scene all’esterno si rivelano povere di dinamicità e pathos, poco curate nella rappresentazione, così come non del tutto efficace è la narrazione che le accompagna, da stand-up comedian, del personaggio interpretato da Sacha Baron Cohen che, nel tentativo di dare spessore alle suddette sequenze, risulta piuttosto un intermezzo intrusivo.

Frank Langella da Oscar nelle vesti del Giudice Julius Hoffman
Frank Langella da Oscar nelle vesti del Giudice Julius Hoffman

Tom ha cercato di picchiarmi, ma con la sola forza della superiorità intellettuale.
(Sacha Baron Cohen in Il processo ai Chicago 7)

Quando la morte del leader delle Pantere Nere Fred Hampton (Kelvin Harrison Jr.), giustiziato dalla polizia e dall’FBI durante un raid, e la violenza entrano “finalmente” in aula, e con esse emerge implacabilmente la profonda ingiustizia di un processo assurdo e paradossale, i toni e l’intensità de Il processo ai Chicago 7 si elevano ulteriormente, la drammaticità di quei giorni si manifesta commovente sulla pelle delle vittime del Vietnam e sulle tribolazioni di chi, cercando di travalicare i confini con la sola forza delle proprie idee, è stato ingiustamente picchiato, gasato, arrestato e messo sotto processo.

Il mostruoso Frank Langella nelle vesti togate dello spregevole Giudice Julius Hoffman, Sacha Baron Cohen e Aaron Sorkin sono da Oscar nel migliore film Netflix della stagione, impreziosito da una conclusione che è già cult.

Noi non andiamo in galera per quello che abbiamo fatto.
Noi andiamo in galera per quello che siamo.
(Sacha Baron Cohen in Il processo ai Chicago 7)

Sintesi

Sorkin rilegge Il processo ai Chicago 7 a favore dell'intrattenimento con un botta e risposta incessante che scandisce perfettamente i tempi comici, all'interno di quell'aula di tribunale in cui l'autore di Codice d'onore spadroneggia da assoluto maestro. Quando la morte, la violenza e la drammaticità di quei giorni entrano in aula, i toni e l'intensità de Il processo ai Chicago 7 si elevano ulteriormente confermando l'opera di Sorkin tra i migliori film della stagione, impreziosita da una conclusione che è già cult.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...