You 2

You 2 recensione seconda stagione [Netflix]

You 2: recensione della seconda stagione della serie TV Netflix creata da Greg Berlanti e Sera Gamble dal soggetto di Caroline Kepnes

Lo psicopatico lettore Joe Goldberg (interpretato da Penn Badgley) è tornato su Netflix con la seconda stagione di You. Basato sul romanzo You di Caroline Kepnes, la prima stagione si svolge a New York e racconta la storia di un bibliotecario newyorkese di nome Joseph “Joe” Goldberg. Traumatizzato da un ombroso passato, Joe incontra quella che crede essere l’amore della sua vita Guinevere Beck (Elizabeth Lail). Conquistato il suo amore, Guinevere ne scopre alcuni scheletri nell’armadio. Quando sarà decisa ad incastrarlo, lui la uccide in un momento di lotta tra i due. La prima stagione si conclude con il ritorno di Candace Stone (Ambyr Childers), l’ex ragazza di Joe creduta morta.

Victoria Pedretti e Penn Badgley
Victoria Pedretti e Penn Badgley

Jenna Ortega in You 2
Jenna Ortega in You 2

La seconda stagione inizia con Joe intento a fuggire da New York e da Candice, intenzionata a fermarlo una volta per tutte. Così, il protagonista si trasferisce a Los Angeles cambiando identità. Il suo obiettivo ora è non innamorarsi e di auto migliorarsi come persona, ma dovrà subito ricredersi quando incontrerà la bellissima Love (Victoria Pedretti). Sarà ancora più difficile per Joe non innamorarsi dal momento che i due lavorano nello stesso negozio di alimentari alla moda Anavrin. Ma soprattutto, sarà ancora più dura per Joe visto che Love è perdutamente innamorata di lui.

Composta ancora da dieci episodi, la serie creata da Greg Berlanti e Sera Gamble ha come punto forte il binge-watching, grazie al ritmo e alla suspense. Ma a rendere questa serie avvincente contribuisce anche Penn Badgley (Dan Humphrey di Gossip Girl), ottimo attore alle prese con un personaggio davvero ben scritto. Joe analizza tutte le persone che lo circondano proprio come i personaggi vengono descritti nei libri, che assumono dunque un’importanza da non sottovalutare: sono oggetti feticcio del protagonista. La narrazione in prima persona è più simile ad un romanzo che ad un vero e proprio film. Quando però la sua razionalità cede Joe è capace di tutto, ma in fondo, cerca solo di agire per amore.

Victoria Pedretti e Penn Badgley
Victoria Pedretti e Penn Badgley

Carmela Zumbado in You 2
Carmela Zumbado in You 2

You 2 ha il grande merito di non buttare all’aria lo spirito che si respirava nella stagione precedente, ma cambia le carte in tavola. Adesso Joe non è più solo predatore, ma anche preda di una donna, aspetto che rinnova l’interesse per la serie. La relazione tra i due ne è il punto di forza: lei è innamorata di lui per il suo istinto protettivo, lui invece, vede in lei la donna giusta in grado di portarlo verso la retta via.

Le inquadrature che ritraggono i due che si abbracciano o si parlano a distanza ravvicinata, mettono in evidenza l’altezza e la fisicità di Joe, che assume una postura più potente, come se riuscisse a tenere tutto sotto controllo. La scelta di chiamare la nuova fiamma del protagonista Love ha il suo perché, questa volta Joe deve affrontare il vero amore e gli spettatori giudicheranno se ne è all’altezza. Anche i personaggi di contorno non sono da sottovalutare, sia la giovane e intelligente Ellie (Jenna Ortega) che Forty (James Scully), il fratello complicato di Love. Quest’ultimo è un uomo che vuole farsi un nome nel mondo dello spettacolo, ma necessita di continuo sostegno per la sua tossicodipendenza.

You 2 recensione Netflix
You 2

You 2 recensione Netflix
Penn Badgley

You 2, pur confermandosi gradevole e con una sua personalità, non riesce a superare le vette degli esordi né genera il medesimo hype che abbiamo già provato in precedenza. Il secondo, terzo e quarto episodio hanno un ritmo eccessivamente cadenzato e la storia appare distante dal filone principale della storia, di conseguenza gli spettatori potrebbero tendere a distaccarsi dalla narrazione. Avrebbe giovato una maggiore sintesi nel mostrare Joe intenzionato a cambiare identità ed incastrare l’ambiguo Henderson (Chris D’Elia).

You 2 si riprende comunque passo dopo passo, portando una buona dose di suspense e di novità lungo il prosieguo della storia e permettendoci inoltre di addentrarci nel passato di Joe. La seconda stagione, seppur meno avvincente della prima, riesce a portare a casa il risultato dimostrando di avere ancora personalità. Il finale presagisce una terza stagione già in cantiere, lanciamo quindi già ora il countdown.

Sintesi

You 2, pur confermandosi gradevole e dimostrando di avere ancora personalità, non riesce a superare le vette della prima stagione, riprendendosi comunque passo dopo passo e portando una buona dose di suspense e di novità lungo il prosieguo della storia.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...